• Bimba investita a due anni, la madre: “Una vendetta contro di me”
    Notizie
    notizie.it

    Bimba investita a due anni, la madre: “Una vendetta contro di me”

    Nunzia ha le idee chiare: "Non è stato un incidente, con quell'uomo c’erano state frequenti liti, sapeva cosa stava facendo".

  • Affossare subito Quota 100 creerebbe una nuova ondata di esodati, dice l'esperto
    Notizie
    AGI

    Affossare subito Quota 100 creerebbe una nuova ondata di esodati, dice l'esperto

    “Quota 100 scade il 31 dicembre 2021. Se nel frattempo non si prendono provvedimenti, dal primo gennaio 2022 non si potrà più andar e in pensione a 62 anni d'età, avendo 38 anni di contributi, ma bisognerà aspettare fino a 67 anni e due mesi”. In una intervista al Corriere della Sera, Alberto Brambilla, esperto di previdenza e consigliere di Palazzo Chigi, nominato però dal precedente governo, quello gialloverde M5s-Lega, si inserisce nello scontro che agita le acque del rapporto Pd-5S per dire che “allungare di tre mesi le “finestre” per accedere a quota 100 si può anche fare, ma non è questo ciò che risolve il problema aperto da questa misura temporanea”.Secondo Brambilla si tratterebbe di uno “scalone” un po' improvviso, per il quale “sarebbe bene pensarci per tempo”. Tuttavia il consigliere di Palazzo Chigi boccia l'idea dei renziani di affossare del tutto e subito Quota 100, perché – dice – “sarebbe una mossa sbagliata” in quanto numerose aziende “hanno già fatto gli accordi per mandare in pensione i lavoratori e si creerebbe quindi una nuova ondata di esodati”.Inoltre, aggiunge, “il grosso dei lavoratori col sistema retributivo o misto, che poteva approfittare di quota 100 senza rimetterci tanto, è già uscito. Invece, dal prossimo anno la maggior parte di coloro che potrebbero accedere al pensionamento anticipato avrebbe almeno il 60-65% dell'assegno calcolato col contributivo, perdendoci in media il 10%, che non è poco”, dice.Tutto questo spiegherebbe anche il fatto che si sia “passati da un ritmo di circa 3.500 domande di quota 100 al giorno a 250” per il pensionamento anticipato. La proposta di Brambilla, invece, prevede di predisporre “un canale anticipato di uscita dal lavoro strutturale”, accessibile in particolare ai giovani per i quali “la riforma Fornero è troppo rigida”, in quanto consente l'accesso alla pensione a 64 anni “solo a patto di aver maturato un assegno pari a 2,8 il minimo”, che oggi equivale a circa 1.300 euro, una soglia che per il consulente del governo “taglia fuori il 65-70% dei giovani, viste le basse retribuzioni”. Mentre “si potrebbe lasciare il lavoro a 64 anni avendo almeno 39 di contributi, oppure se si sono raggiunti i 42 anni di contributi (41 per le donne) “indipendentemente dall'età”.Brambilla nega che ciò possa che questa sua proposta possa aumentare la spesa, il cui costo a suo avviso “sarebbe inferiore a quello di quota 100”. “Se nei primi anni si spende un po' di più, alla fine, trattandosi di pensioni prevalentemente contributive, si restituirà quanto versato”, precisa.Poi Brambilla boccia la previdenza complementare, “già abbastanza ricca tra fondi chiusi, aperti, preesistenti e Pip”, mentre quel che servirebbe “una campagna di educazione finanziaria che sensibilizzi i giovani e l'apertura di un nuovo periodo di silenzio-assenso che determinerebbe una nuova ondata automatica di adesione alla previdenza complementare”. Oltre a “tagliare le tasse sui fondi”.

  • Justine Mattera senza veli, la foto: “Sei immortale”
    Notizie
    notizie.it

    Justine Mattera senza veli, la foto: “Sei immortale”

    Justine Mattera regala un nuovo scatto di nudo integrale sui social: il décolleté e le parti intime in bella vista scatenano il web

  • Lutto nel mondo della moda: Sophia Kokosalaki è morta a 47 anni
    Notizie
    notizie.it

    Lutto nel mondo della moda: Sophia Kokosalaki è morta a 47 anni

    Il mondo della moda piange Sophia Kokosalaki, stilista di origine greche naturalizzata inglese, morta a soli 47 anni

  • Incornato il compagno della nipote del re di Spagna: è grave
    Notizie
    notizie.it

    Incornato il compagno della nipote del re di Spagna: è grave

    Il torero Caballero, compagno della nipote del re di Spagna, è stato incornato riportando gravi ferite: condizioni critiche.

  • Ida Platano, che lavoro fa la Dama di Uomini e Donne
    Notizie
    Style 24

    Ida Platano, che lavoro fa la Dama di Uomini e Donne

    Ida Platano è una dei protagonisti del trono Over di Uomini e Donne più apprezzati di sempre. Che lavoro fa la Dama bresciana?

  • Si fingono top manager e truffano banche ed enti: 5 arresti a Roma
    Notizie
    Askanews

    Si fingono top manager e truffano banche ed enti: 5 arresti a Roma

    Dopo aver riprodotto falsamente carte d'identità e codici fiscali

  • Petizione contro Lilli Gruber: “Non può fare la giornalista”
    Notizie
    notizie.it

    Petizione contro Lilli Gruber: “Non può fare la giornalista”

    Petizione contro Lilli Gruber: le sue posizioni politiche non gli permetterebbero di essere equa e obiettiva.

  • Uomini e Donne, Tina Cipollari e Gemma Galgani: quanto guadagnano?
    Notizie
    notizie.it

    Uomini e Donne, Tina Cipollari e Gemma Galgani: quanto guadagnano?

    Tina Cipollari e Gemma Galgani percepirebbero un cachet da urlo per partecipare a Uomini e Donne: quanto guadagnano le due?

  • Quanto si potrebbe ricavare dall'abolizione di Quota 100?
    Notizie
    AGI

    Quanto si potrebbe ricavare dall'abolizione di Quota 100?

    Matteo Renzi sta spingendo da diverse settimane sull'abolizione di Quota 100, una misura che l'ex segretario del Pd e fondatore di Italia Viva ha dichiarato di ritenere "un furto alle nuove generazioni". Anche altri esponenti di Italia Viva, come ad esempio il deputato Luigi Marattin, hanno chiesto di abolire la misura. Le altre forze della maggioranza, e in particolare il M5s, si sono però detti contrari.Ma quanti sarebbero i risparmi possibili? Quanto è stato speso finora? Andiamo a vedere i dettagli. Che cosa prevedeva Quota 100 quando è stata creataCome abbiamo ricostruito nel nostro “Traccia il Contratto”, il decreto legge approvato dal Consiglio dei ministri del 17 gennaio 2019 – convertito in legge (n.26) dal Parlamento con alcune modifiche il 28 marzo 2019 – ha introdotto, in via sperimentale dal 2019 al 2021, il diritto alla pensione anticipata, senza alcuna penalizzazione, al raggiungimento di un'età anagrafica di almeno 62 anni e di un'anzianità contributiva minima di 38 anni. Cioè la cosiddetta “pensione quota 100”.Per finanziare questa misura è stato creato, con la legge di Bilancio per il 2019, un apposito Fondo - il “Fondo per la revisione del sistema pensionistico” - la cui dotazione è pari a 3,9 miliardi per il 2019, 8,3 miliardi per il 2020, 8,6 miliardi per il 2021, 8,1 miliardi per il 2022 e 7 miliardi di euro ogni anno a partire dal 2023.Gli anni che però sono “sicuri”, vista la natura sperimentale della misura, sono solo 2019, 2020 e 2021. Durante questo triennio, secondo la relazione tecnica al provvedimento, i beneficiari di Quota 100 dovrebbero essere circa un milione. La stessa cifra era stata riportata dal governo nel dossier su Quota 100 e Reddito di cittadinanza, di gennaio 2019. Dunque, nel triennio si prevede di stanziare 20,8 miliardi di euro per mandare in pensione anticipata un milione di persone. Come sono andate le cose finora?Ad oggi, come abbiamo scritto di recente, il numero di chi ha fatto richiesta per Quota 100 è inferiore alle aspettative, forse anche per via delle penalizzazioni di fatto che derivano dall'adesione alla misura.Secondo i dati ufficiali dell'Inps, al 6 settembre 2019 sono state presentate 175.995 domande per poter beneficiare di “Quota 100”. Un dato ribadito anche dal presidente dell'Inps, Pasquale Tridico, il 9 settembre. Secondo Tridico "abbiamo avuto circa 170 mila domande di Quota 100 per pensionamento anticipato e questo vuol dire circa la metà rispetto a quanto previsto in sede di relazione tecnica, circa 290 mila".In realtà 176 mila è più della metà di 290 mila (è circa il 60 per cento) e nei mesi di ottobre, novembre e dicembre è possibile che il totale aumenti ancora (anche se il numero di richieste ogni mese è sempre più andato rallentando da inizio anno).Possiamo quindi ipotizzare che, se si fosse mantenuta questa proporzione, la spesa effettiva per lo Stato alla fine del triennio sarebbe stata pari ai due terzi circa di quella prevista in origine (quindi 10,4 miliardi circa). Questa ipotesi è tuttavia necessariamente tutta da dimostrare, visto che sarebbero teoricamente possibili dei cambiamenti negli ultimi mesi del 2019, e una percentuale di adesioni diversa nel 2020 e nel 2021.Per il 2019 tuttavia la proporzione con i fondi stanziati sembra realistica, alla luce delle parole di Tridico di fine settembre. Secondo il presidente dell'Inps, quest'anno si stimano “risparmi” pari a 1,5 miliardi di euro da Quota 100. Cioè il 38,5 per cento dei 3,9 miliardi di euro stanziati in origine per il 2019: un terzo abbondante del totale. Secondo Tridico, tuttavia, "per il prossimo anno si prevede un risparmio più importante".Per semplicità guardiamo dunque a tre ipotesi teoriche: che i miliardi stanziati venissero spesi integralmente nel triennio, che ne venissero spesi i due terzi o che ne venisse spesa la metà (dunque con un risparmio significativamente “più importante”).Andiamo quindi a calcolare i possibili risparmi in caso di abolizione della misura. I risparmi possibili con l'abolizioneSe guardiamo ai miliardi stanziati in origine per Quota 100, possiamo ipotizzare che - abolendo la misura con la legge di Bilancio per il 2020 - il risparmio generato dall'abolizione sarebbe pari a 16,9 miliardi di euro in due anni (8,3 miliardi nel 2020 e 8,6 miliardi nel 2021), e si sommerebbe al miliardo e mezzo risparmiato nel 2019 per via delle minori adesioni del previsto.Ma questo calcolo, come anticipato, non tiene in considerazione il fatto che le adesioni a Quota 100 - almeno nel 2019 - saranno probabilmente al di sotto delle aspettative anche nei prossimi due anni.Se consideriamo che anche con la misura in vigore, circa un terzo dei fondi stanziati non sarebbe stato speso (come avvenuto nel 2019) e che quindi circa 5,6 miliardi (un terzo dei 16,9 miliardi stanziati per i prossimi due anni) si sarebbero risparmiati in ogni caso, i risparmi che verrebbero realizzati specificamente con l'abolizione di Quota 100 nel biennio 2020-2021 si riducono ai due terzi restanti: 11,2 miliardi circa.Se, infine, non venisse spesa la metà dei fondi - con la misura in vigore - il risparmio che deriverebbe da una sua abolizione sarebbe di circa 8,5 miliardi di euro in due anni. ConclusioneL'abolizione di Quota 100 porterebbe a un risparmio teorico di quasi 17 miliardi di euro nel biennio 2020-2021. Questa cifra però non tiene conto del fatto che le adesioni alla misura sono state finora al di sotto delle aspettative. Solo il 60 per cento circa della platea stimata ha aderito a questa possibilità.Dunque, se consideriamo che un terzo circa dei fondi stanziati non verrebbe comunque speso, l'abolizione di Quota 100 comporterebbe un risparmio di poco più di 11 miliardi di euro in due anni.Se poi le adesioni nei prossimi anni fossero tali da consentire allo Stato, anche con la misura in vigore, di non spendere la metà delle risorse stanziate, l'abolizione di Quota 100 consentirebbe un risparmio di circa 8,5 miliardi di euro in due anni.Se avete delle frasi o dei discorsi che volete sottoporre al nostro fact-checking, scrivete a dir@agi.it

  • Rissa tra vicini, la biancheria era “stesa male”: due feriti
    Notizie
    notizie.it

    Rissa tra vicini, la biancheria era “stesa male”: due feriti

    Una trentina di persone che abitavano lo stesso condominio in provincia di Agrigento hanno dato il via a una rissa per futili motivi.

  • Vigile del fuoco precipita in parapendio: Andrea Susanna aveva 46 anni
    Notizie
    notizie.it

    Vigile del fuoco precipita in parapendio: Andrea Susanna aveva 46 anni

    Andrea Susanna, 46enne residente a Gressan in Valle d'Aosta, è rimasto vittima di un incidente con il parapendio. Inutili i soccorsi

  • Le dimissioni dell'angelo custode del Papa, Domenico Giani
    Notizie
    AGI

    Le dimissioni dell'angelo custode del Papa, Domenico Giani

    Per tutti era "l'angelo custode" del Papa. Domenico Giani, che ha rassegnato le sue dimissioni da Comandante della Gendarmeria vaticana nelle mani di Francesco, dopo la pubblicazione di un documento con le foto di cinque dipendenti della Santa Sede sospesi dal servizio per accertamenti della magistratura, era sempre al fianco del Pontefice, soprattutto nelle situazioni più rischiose.Anche domenica scorsa, durante il giro tra i fedeli dopo la messa di canonizzazione, lui era li': a scortare la papamobile, impeccabile nel suo servizio per garantire sicurezza e tranquillità al vescovo di Roma.Giani, classe 1962, ex membro dei servizi segreti italiani, dal 12 gennaio 1999 entra a far parte dell'allora Corpo di Vigilanza dello Stato della Città del Vaticano e ne viene nominato vice ispettore generale vicario. Dopo 7 anni, il 3 giugno 2006, Giani sostituisce Camillo Cibin sia come Ispettore generale del Corpo (che nel 2002 aveva mutato il suo nome in Corpo della Gendarmeria dello Stato della Città del Vaticano) sia come responsabile della direzione dei Servizi di Sicurezza e Protezione Civile, che coordina anche i Vigili del Fuoco, costituita da Giovanni Paolo II sempre nel 2002. Quale direttore, è membro del Comitato di Sicurezza Finanziaria, istituito con un Motu Proprio da Papa Francesco, e Focal Point per la Santa Sede dell'Osce.In 20 anni di servizio, al fianco di tre Pontefici (Giovanni Paolo II, Benedetto XVI e Francesco), ha seguito tutti i casi più delicati, da Emanuela Orlandi ai "corvi", dai casi di pedofilia a Vatileaks. Tra i suoi interventi più famosi, l'aver bloccato in tempo una cittadina italo-svizzera, Susanna Maiolo, in due attacchi separati a Papa Benedetto XVI durante le Messe della Vigilia di Natale nella Basilica di San Pietro nel 2008 e, nuovamente, nel 2009. In tempi più recenti, si indica Giani come l'artefice dell'accordo di pace tra cristiani e musulmani che ha permesso a Papa Francesco di andare l'anno scorso in visita apostolica nella Repubblica Centrafricana.Sotto la sua guida, il Corpo della Gendarmeria vaticana compie un grande passo in avanti: si punta a un ammodernamento di tecniche, mezzi e procedure, nonchè al miglioramento professionale dei gendarmi vaticani. È di recente istituzione anche un Gruppo di Intervento Rapido (Gir) per contrastare eventuali azioni ad alto rischio, compresi attacchi terroristici mirati alla persona del Pontefice e un'Unità Antisabotaggio. Il primo ottobre un Bollettino della Sala Stampa della Santa Sede informa di una indagine aperta riguardo "operazioni finanziarie compiute nel tempo", partite dalle denunce presentate dallo Ior, l'Istituto per le Opere di Religione e dall'Ufficio del Revisore Generale e rende noto che "presso alcuni Uffici della I Sezione della Segreteria di Stato e dell'Autorità di Informazione Finanziaria dello Stato", l'Aif, sono state eseguite "attività di acquisizione di documenti e apparati elettronici".Nella nota non viene precisato ma si tratta di compravendita immobiliari milionarie all'estero, in particolare a Londra, a opera dell'Aif. Il giorno successivo, alcuni organi di stampa pubblicano una nota interna a firma di Giani su cui ci sono le foto segnaletiche di 5 dipendenti della Santa Sede e in cui si comunicala loro "sospensione dal servizio" e il divieto di ingresso in Vaticano.La pubblicazione del documento per uso interno irrita fortemente Papa Francesco che fa aprire un'indagine: la sua "illecita diffusione" è grave ed "è paragonabile a un peccato mortale poichè lesivo della dignità delle persone e del principio della presunzione di innocenza".Il futuro di Giani a capo della Gendarmeria è quindi segnato e rassegna le dimissioni nelle mani del Pontefice. Oggi la notizia ufficiale della sua uscita: "Volendo garantire la giusta serenità per il proseguimento delle indagini coordinate dal Promotore di Giustizia ed eseguite da personale del Corpo, non essendo emerso al momento l'autore materiale della divulgazione all'esterno della disposizione di servizio - riservata agli appartenenti al Corpo della Gendarmeria e della Guardia Svizzera Pontificia - il Comandante Giani - si legge in una nota vaticana -, pur non avendo alcuna responsabilità soggettiva nella vicenda, ha rimesso il proprio mandato nelle mani del Santo Padre, in spirito di amore e fedeltà alla Chiesa e al Successore di Pietro".Francesco, nell'accogliere le dimissioni, esprime il proprio apprezzamento per il gesto, "riconoscendo in esso - si legge ancora - un'espressione di libertà e di sensibilità istituzionale, che torna a onore della persona e del servizio prestato con umiltà e discrezione al Ministero Petrino e alla Santa Sede"."Vivo questo momento difficile con la serenità interiore che, chi mi conosce, sa che ha contraddistinto il mio stile di vita anche di fronte a vicende dolorose", dice Giani in una intervista ai media vaticani subito dopo le sue dimissioni, in cui sottolinea la gratitudine a Papa Francesco per il servizio che ha potuto svolgere in questi anni. "In questi anni ho speso tutte le mie energie per assicurare il servizio che mi era stato affidato. Ho cercato di farlo con abnegazione e professionalità ma sentendomi, come il Vangelo di due domeniche fa ci ricorda, serenamente un 'servo inutile' che ha fatto fino in fondo la sua piccola parte"."Il suo attestare la mia lealtà, l'onore e la fedeltà con cui ho svolto il mio servizio, mi aiuta ad affrontare con serenità - continua Giani - il futuro e i nuovi impegni che potrò assumere, nell'ambito delle mie competenze, dopo questa esperienza straordinaria".

  • Chi è Valerio Staffelli: tutto sul personaggio televisivo
    Notizie
    Style 24

    Chi è Valerio Staffelli: tutto sul personaggio televisivo

    Valerio staffelli non è solo l'inviato di Striscia la Notizia: tutte le curiosità su di lui.

  • Da chi compra armi la Turchia
    Notizie
    AGI

    Da chi compra armi la Turchia

    L'embargo sulla vendita di armi alla Turchia deciso da Germania, Francia, Norvegia, Finlandia, Italia e Olanda potrebbe presto essere esteso anche ad altri Paesi dell'Unione Europea. La domanda è se tali misure possono effettivamente influire sulla strategia perseguita da Ankara nel Nord-Est della Siria.Tra coloro che hanno sospeso la vendita di armamenti, solo la Germania è un importante fornitore di Ankara. In base ai dati forniti dall'Istituto di ricerca per la Pace tra i popoli di Stoccolma, tra il 2005 e il 2009 la Germania è stata il primo fornitore di armi di Ankara, con un picco toccato nel 2005, quando l'import raggiunse il volume di 602 milioni di dollari. Nel biennio 2006-2007 la metà degli armamenti importati da Ankara fu fornito proprio da Berlino.Numeri che a partire dal 2008 sono poi calati progressivamente, fino a un volume di appena 2 milioni di dollari di acquisti effettuati dalla Turchia nel 2016. Il posto della Germania è stato infatti preso, a partire dal 2010, dagli Stati Uniti. Nel 2009 lo scambio commerciale con Washington per quanto riguarda la Difesa era di appena 11 milioni di dollari, ma è salito a 335 l'anno seguente e a 1.009 nel 2011, per poi raggiungere il picco di 1.110 nel 2013. Tra il 2000 e il 2019 risulta che Ankara abbia acquistato armamenti da Washington per un totale di 5.590 milioni di dollari, più di un terzo del totale di 13.845 milioni di dollari spesi nello stesso lasso di tempo, più del doppio dei 2.437 milioni di dollari di armamenti acquistati dalla Germania, al secondo posto nella classifica dei fornitori di armi della Turchia.Allo stesso modo va sottolineato che il ruolo della Russia nella fornitura di armi alla Turchia è stato vicino allo zero fino a quest'anno, quando si è concretizzato l'acquisto del sistema di difesa missilistico S-400, avvenuto dopo il rifiuto dell'ex presidente Usa, Barack Obama, di vendere i missili Patriot al presidente turco, Recep Tayyip Erdogan.Al di là della vendita di S-400, la collaborazione tra Ankara e Mosca prevede scambi di tecnologie, sviluppo e ricerca, che dovrebbero traghettare la Turchia verso la produzione propria di sistemi di difesa e radar. Alle spalle di Usa e Germania, nella classifica dei maggiori fornitori di armi della Turchia, compare la Corea del sud, che ha venduto armi per 1.392 miioni di dollari tra il 2000 e il 2019, seguita dall'Italia con un volume di affari di 886 milioni di dollari, con il picco toccato lo scorso anno, quando furono vendute armi per 181 milioni di dollari.Sempre nello stesso periodo il volume di scambio con i Paesi che hanno applicato l'embargo è stato di 610 milioni con l'Inghilterra, 556 milioni di dollari con la Francia e 329 con l'Olanda, mentre l'applicazione della medesima misura da parte di Norvegia, che ha esportato per 24 milioni appena e Finlandia (su quest'ultima mancano dati), rende la decisione dei due Paesi scandinavi più simbolica che effettiva.

  • Ubriaco al volante a Verona, l’uscita dal parcheggio e poi lo schianto
    Notizie
    notizie.it

    Ubriaco al volante a Verona, l’uscita dal parcheggio e poi lo schianto

    Un uomo ubriaco al volante ha provocato un grave incidente a Verona, schiantandosi contro due veicoli dopo aver scavalcato la siepe di un parcheggio.

  • Fisco, Simona Ventura a processo
    Notizie
    Adnkronos

    Fisco, Simona Ventura a processo

    Simona Ventura è sotto processo a Milano - oggi si è celebrata la prima udienza - per dichiarazione infedele dei redditi, tra il 2012 e il 2015, per alcune centinaia di migliaia di euro. "Non si tratta in alcun modo di evasione - spiega il suo legale Jacopo Pensa, che la assiste assieme all’avvocato Federico Papa - ma di una scelta fiscale operata dai professionisti che l’Agenzia delle Entrate non ha ritenuto efficace". Alla conduttrice televisiva viene contestato uno 'sdoppiamento' di contratti, nel senso che le emittenti che vogliono avvalersi delle sue prestazioni firmano un contratto con lei e uno con una società da lei costituita, la Ventidue srl, che si occupa dello sfruttamento dei diritti della sua immagine. Una situazione che, secondo i legali, "non configura un'evasione", mentre per il pm Silvia Bonardi addebitare una parte dei ricavi e costi alla società, sottraendoli alla dichiarazione dei redditi, configurerebbe una dichiarazione infedele.

  • Belen, nuovi ritocchi estetici? La risposta della showgirl
    Notizie
    notizie.it

    Belen, nuovi ritocchi estetici? La risposta della showgirl

    Nuovi ritocchi estetici per Belen? È stata la stessa showgirl a rivelare ai fan il segreto di bellezza che le avrebbe fatto sparire le occhiaie.

  • Pesce serpente, specie aliena negli USA: “Uccidetelo subito”
    Notizie
    notizie.it

    Pesce serpente, specie aliena negli USA: “Uccidetelo subito”

    Il Dipartimento delle risorse naturali della Georgia ha ordinato di uccidere il pesce serpente, specie aliena negli USA.

  • Giletti e l'elezione del premier, monta lo sberleffo social
    Notizie
    Adnkronos

    Giletti e l'elezione del premier, monta lo sberleffo social

    Monta lo sberleffo social contro Massimo Giletti che ieri sera, nella puntata di 'Non è l'Arena' su La7 si è lamentato perché in Italia "sono anni che noi non eleggiamo" un presidente del Consiglio.  I commenti su Twitter, che hanno portato l'hashtag Giletti ad essere, ancora stamattina, secondo tra le tendenze del social network, non si sono fatti attendere e sono numerosissimi: "In Italia non si elegge il Presidente del Consiglio da tanti anni, almeno da quanti Giletti non è più un giornalista", twitta un utente sdegnato.  "L'ignoranza di Giletti è un abisso in cui precipita chi lo ascolta senza il necessario spirito critico. I danni che ha arrecato questo tizio sono enormi!", cinguetta un altro. "L'educazione civica dovrebbe essere obbligatoria per quelli che vanno in TV onde evitare castronerie tipo quella su elezione del presidente del consiglio... Giletti", suggerisce il giornalista e scrittore Paolo Roversi. "Giletti sa bene che da noi non si elegge il capo del governo ma dice lo stesso 'sono anni che non votiamo un presidente del Consiglio'. Alla fine il populismo sta tutto lì: approfittare dell'ignoranza altrui. Niente di più", commenta un altro utente.  "A volte penso che la colpa non è di Giletti che spara caz..te ma di chi si ostina a guardare i suoi programmi", sentenzia una commentatrice.  Qualcuno ironizza sul fatto che a marzo Lorella Cuccarini si era lamentata perché in Italia non si votava da dieci anni. "Giletti 'Sono anni che non 'eleggiamo' un presidente del Consiglio'. Lorella Cuccarini, esci da questo corpoooo!", scherza un'altra telespettatrice. "Giletti è una Cuccarini che non ce l'ha fatta", si legge in un altro cinguettio femminile.

  • Siria, Richard Gere: "Imbarazzato da Trump"
    Notizie
    Adnkronos

    Siria, Richard Gere: "Imbarazzato da Trump"

    "Ci saranno tante persone uccise e danneggiate, e come cittadino americano mi vergogno profondamente per il comportamento del mio presidente". E' quanto ha detto l'attore statunitense Richard Gere nel corso di una conferenza stampa a Firenze, in Palazzo Vecchio, poco prima di ricevere le Chiavi della Città da parte del sindaco Dario Nardella, commentando con i giornalisti la decisione del presidente americano Donald Trump di ritirare le truppe dalla Siria. "E' chiaro - ha proseguito la star di Hollywood - che ha fatto scelte senza pensare alla gente, agli alleati, per i danni che deriveranno da una decisione affrettata. Sono profondamente deluso, imbarazzato, arrabbiato". Il presidente americano Donald Trump "è un personaggio così pazzo che sarebbe difficile da interpretare" in un film. "Penso a qualche film - ha detto ancora Gere - a Richard Nixon, un altro personaggio difficile da interpretare: aveva un grande senso dell'umorismo, era un clown". "Io davvero non mi preoccupo della politica, mi preoccupo delle persone. L'importante è seguire sempre gli impulsi umani positivi" ha detto l'attore statunitense Richard Gere, rispondendo a una domanda sul leader leghista Matteo Salvini e in particolare se lo considera "un baby Trump" sulle politiche migratorie. Nello scorso agosto Gere si era recato a Lampedusa ed era salito a bordo della nave Open Arms bloccata a largo dell'isola: una decisione criticata allora anche dal ministro dell'Interno. "Finché siamo in contatto con l'impulso umano che è sempre positivo, non conosco esseri umani interamente cattivi, anzi: il totale dell'essere umano è positivo - ha aggiunto la star di Hollywood citando la filosofia buddista di cui è seguace -. Finché siamo in contatto con questo possiamo superare ogni problema molto facilmente". "Ci sono grandi problemi nella vita ma questa semplice cosa di aiutarci fra noi, sentire la sofferenza degli altri e prendere una decisione è estremamente importante, è da tenere presente - aggiunge Gere - Non è difficile, perché lo sentiamo tutti. L'importante è seguire questo impulso umano positivo e dare attenzione a questo impulso". "La prima volta che sono venuto a Firenze avevo 30 anni ed ero con la mia fidanzata: è stato un momento molto romantico, stavo iniziando a guadagnare un po' di soldi con i miei film e avevo mandato i miei genitori in Europa, anche a Firenze. Ero così lieto di essere in questa città di luce, venendo dalla Pennsylvania, dove mio padre mungeva le mucche. E' una città complessa e mi piaceva che anche mio padre potesse vedere una città così straordinaria e come vive la gente qui". "Oggi sono stato agli Uffizi: era sublime, non riuscivo neanche a parlare dopo per la tanta bellezza. E' stata una doccia di bellezza. Poi sono stato alla Fondazione Franco Zeffirelli e ho capito che Zeffirelli è figlio di Firenze", ha aggiunto Gere. "Mi scuso, non sono al corrente di queste critiche e non posso commentarle" dice, rispondendo a una domanda sulla mancata presenza alla cerimonia dei consiglieri comunali del centrodestra e del M5s che hanno contestato la decisione del sindaco Dario Nardella definendolo "un riconoscimento da buonisti radical chic" per l'impegno della star verso i migranti. "Sono veramente onorato di ricevere questa onorificenza dalla città di Firenze, sono commosso profondamente", ha aggiunto Gere. "Siamo tutto al mondo per aiutarci l'un con l'altro e per me questo è l'elemento più importante - ha spiegato l'attore - Ci sono tante cose che creano delle differenze e che possono oscurare anche gli aspetti positivi che ci sono nella nostra convivenza. Siamo tutti qui per superare queste differenze". "C'è un livello in cui le cose sono molto semplici ed è il livello umano e quindi se noi cerchiamo di prenderci cura l'uno dell'altro, tenendo presente sempre quel livello umano, possiamo andare avanti e aiutare chi ha bisogno", ha continuato Richard Gere. L'attore, ricordando che è appena rientrato da un ritiro dal centro buddista di Pomaia (Pisa), ha sottolineato: "Gli esseri umani vanno verso la felicità e protendono a sottrarsi alla sofferenza e quindi questo è il percorso comune a tutti noi". "Per chi vive in parti del mondo dove ci sono risorse sufficienti un po' per tutti, è giusto che chi ha questa possibilità si prenda cura di chi invece non ha queste risorse". ''I volontari su quelle navi sono degli angeli; quello che noi abbiamo in mente è di aiutare le persone" ricordando la sua visita, nell'agosto scorso, alla nave dell'ong Open Arms bloccata al largo dell'isola di Lampedusa. "È l'unica cosa importante, che rende significativa la nostra vita". "Se vuole venire con me - ha detto poi parlando dell'ex ministro degli Interni Matteo Salvini - sarei contento; insieme possiamo nutrire quelle persone". "Finora il senso comune ci diceva che chi esce da una casa in fiamme, siccome è in pericolo, va aiutato subito. Ora questo senso comune è stato reso illegale. Soccorrere chi muore in mare è stato reso illegale: questa è una cosa assurda, è una cosa da pazzi. Ma in che mondo ci vogliono costringere a vivere? Chi affoga in mare è un nostro fratello e una nostra sorella"."L'impulso di aiutare qualcuno in pericolo era sempre la cosa più importate da fare nella storia dell'umanità - ha aggiunto la star di Hollywood - Perchè aiutare le persone è un impulso innato nell'uomo. E noi, anche in questo frangente, abbiamo l'energia di trovare la strada giusta". "Una delle cose peggiore che ha fatto il presidente americano Trump - ha dichiarato Gere - è di aver abusato della lingua, equiparando, ad esempio, i profughi, i rifugiati ai terroristi. Trump stimola l'insicurezza, la paura". Nel primo pomeriggio Richard Gere è stato in visita alla Galleria delle Statue e delle Pitture. Circa un'ora la durata del tour tra i capolavori del museo, condotto dal direttore Eike Schmidt. Gere, che ha firmato autografi e voluto anche una foto di gruppo con i dipendenti degli Uffizi accorsi ad accoglierlo insieme al direttore, ha ammirato in particolare la pala di Ognissanti di Giotto, il doppio ritratto dei Duchi di Urbino, la Primavera del Botticelli, l'Annunciazione di Leonardo ed il Tondo Doni di Michelangelo. "Gere è un visitatore davvero attento e curioso - ha detto Schmidt al termine del tour - si è soffermato su ogni opera, studiando con pazienza i dettagli e facendo molte domande. Ha apprezzato moltissimo la Tebaide del Beato Angelico, sottolineando la somiglianza tra le figure dei santi padri in ritiro ascetico nel deserto e i monaci buddisti tibetani".

  • Strage di Orta Nova, l’inquietante testimonianza della vicina di casa
    Notizie
    notizie.it

    Strage di Orta Nova, l’inquietante testimonianza della vicina di casa

    La testimonianza di una vicina di casa fa emergere nuovi particolari sul caso della strage di Orta Nova, costata la vita a quattro persone.

  • Paolo Bonolis festeggia il matrimonio del figlio Stefano
    Notizie
    notizie.it

    Paolo Bonolis festeggia il matrimonio del figlio Stefano

    Grande festa per Stefano Bonolis e Candice Hansen, che hanno detto il loro sì negli Stati Uniti.

  • L'origine del nome Alto Adige, e perché qualcuno vuole abolirlo
    Notizie
    AGI

    L'origine del nome Alto Adige, e perché qualcuno vuole abolirlo

    Il termine Alto Adige, che il consiglio provinciale di Bolzano ha deciso di ‘cancellare per legge', è stato coniato nel 1810, quando questo territorio fu occupato dalle truppe napoleoniche e assegnato al Regno d'Italia napoleonico. Alcuni partiti sudtirolesi ritengono sia un nome ‘fascista'. Ma la sua storia è un po' più complessa.Dopo l'occupazione di questi territori, i francesi crearono qui il “Dipartimento dell'Alto Adige”, dando alla zona il nome del fiume più importante che la attraversa, come spesso fanno i francesi con i loro dipartimenti. In questo caso, il tratto superiore del fiume Adige. Eppure, secondo quanto ha spiegato all'Agi Andrea Di Michele, docente e ricercatore di Storia contemporanea all'Università di Bolzano, il dipartimento originario copriva una zona un po' diversa da quella attuale, ma soprattutto è stato usato solo per pochi decenni.“Di fatto il nome Alto Adige viene abbandonato e riscoperto nel Novecento, con la nascita del nazionalismo italiano, che aspira alla conquista dei territori di Trento e del Trentino”, spiega Di Michele. “In questi anni un nazionalista italiano, Ettore Tolomei, fonda una rivista, l'Archivio dell'Alto Adige, per sostenere la fondatezza storica di questo nome e della necessità che l'Italia annetta questi territori”.Italianizzare la provincia di Bolzano diventa “un po' la sua ossessione”, spiega Di Michele. Tolomei scrive un Prontuario dei nomi locali dell'Alto Adige, dà forma alla toponomastica italiana dell'area, poi, “quando l'Italia acquisisce questo territorio (1919, ndr), le autorità italiane riprendono il suo lavoro, i nomi da lui coniati vengono usati per i luoghi e le aree della zona”. Ad introdurli ufficialmente “sostituendo o cancellando i vecchi nomi tedeschi”, è stato il regime fascista, e questo darebbe ragione alle rivendicazioni dei partiti sudtirolesi.Eppure, spiega Di Michele, “è una questione molto più identitaria che sostanziale, che nasce da prospettive nazionalistiche che tutt'oggi si continuano a rivendicare. Nel 2001 con la riforma costituzionale si era aggiunto al Trentino Alto-Adige il nome Sudtirol, e mi sembrava un grande passo aventi, una riforma molto lungimirante. Queste polemiche però credo che ci facciano fare un grande passo indietro, rischiano solo di irrigidire le rispettive posizioni giocando sui simboli identitari, che è sempre un rischio molto grande, in grado di far riemergere tensioni che sotto traccia continuano a esistere”, conclude.