• Sabrina Ferilli a Tu si que vales: “Ogni tanto sostituita da Belen”
    Notizie
    notizie.it

    Sabrina Ferilli a Tu si que vales: “Ogni tanto sostituita da Belen”

    Sabrina Ferilli, in veste di giudice popolare a Tu si que vales, spaventa i suoi fan per le continue sparizioni nel programma: è un mistero.

  • Michelle Hunziker e i problemi di intimità con Tomaso Trussardi
    Notizie
    notizie.it

    Michelle Hunziker e i problemi di intimità con Tomaso Trussardi

    La storia d'amore tra Michelle Hunziker e Tomaso Trussardi procede a gonfie vele, ma la showgirl svizzera rivela alcuni problemi di intimità.

  • Uomo vive sommerso dai rifiuti e dagli insetti: “Non mi lavo da anni”
    Notizie
    notizie.it

    Uomo vive sommerso dai rifiuti e dagli insetti: “Non mi lavo da anni”

    Umberto vive in un appartamento pieno di rifiuti e insetti e i suoi vicini si lamentano in continuazione per la puzza che emana l'immobile.

  • Scontro tra aerei all’aeroporto di Francoforte: disagi per passeggeri
    Notizie
    notizie.it

    Scontro tra aerei all’aeroporto di Francoforte: disagi per passeggeri

    Un piccolo impatto tra due aerei all'aeroporto di Francoforte ha causato forti ritardi per un volo diretto a Seul.

  • Rimprovera uomo che getta rifiuti, pestato consigliere comunale
    Notizie
    Adnkronos

    Rimprovera uomo che getta rifiuti, pestato consigliere comunale

    "Stamattina non riesco nemmeno ad aprire gli occhi, un pugno, un altro ed un altro ancora, poi a terra calci in faccia e sulla testa, ed io che cercavo di proteggere il capo. In quattro sicuri contemporaneamente mi massacravano con una violenza inaudita, per aver detto al figlio di uno di questi di non gettare secchi e materiale di risulta sulla strada. Credo veramente di essere vivo per miracolo". Lo scrive su Facebook il consigliere comunale di Foggia, Massimiliano Di Fonso che pubblica anche la foto del suo volto tumefatto. Il consigliere, eletto con la Lega alle consultazioni della scorsa primavera, ora fa parte del Gruppo Misto.  A Di Fonso è giunta la solidarietà "a titolo personale ed istituzionale" del sindaco Franco Landella. "Le circostanze in cui è maturato l’episodio contribuiscono a rendere ancor più intollerabile l’accaduto, dal momento che Di Fonso aveva semplicemente e giustamente redarguito cittadini intenti a violare palesemente le norme che disciplinano il conferimento dei rifiuti", ha affermato il primo cittadino.  "Si tratta di una circostanza che io stesso, in più occasioni, ho denunciato e censurato, perché indice di inciviltà e di assoluta mancanza di rispetto per il vivere civile - ha aggiunto il sindaco - Il consigliere Di Fonso, dunque, stava esclusivamente difendendo le regole che evidentemente una minoranza vigliacca e barbara della nostra città continua a considerare un optional di cui si può fare tranquillamente a meno".  "Sono certo che le Forze dell’Ordine sapranno rapidamente individuare gli autori di questo atto gravissimo e vergognoso e che la Magistratira saprà assicurare loro la punizione esemplare che meritano. A Massimiliano Di Fonso, al quale auguro una rapida guarigione, e alla sua famiglia giungano non soltanto il mio abbraccio e quello dell’intera comunità foggiana, ma anche un grazie – conclude Landella - per aver provato ad impedire lo scarico in strada di materiale di risulta, che è a tutti gli effetti un vero e proprio reato”

  • Floriana accusa Daniele di ricatto, l’ex: “Chiedo diritto di replica”
    Notizie
    notizie.it

    Floriana accusa Daniele di ricatto, l’ex: “Chiedo diritto di replica”

    Floriana e Daniele sono stati insieme per quattro anni ma il racconto che forniscono i due non è univoco: facciamo il punto.

  • Morto il rapper Psy Lipso: aveva pubblicato il brano “Stasera muoio”
    Notizie
    notizie.it

    Morto il rapper Psy Lipso: aveva pubblicato il brano “Stasera muoio”

    Il rapper fiorentino Psy Lipso è morto in una casa a Pistoia: aveva 21 anni e pochi giorni prima aveva pubblicato il suo ultimo brano.

  • Le superstar che per scelta non usano lo smartphone
    Notizie
    AGI

    Le superstar che per scelta non usano lo smartphone

    “Semplicemente non mi piacciono”, è questa la spiegazione che fornisce la superstar del pop mondiale Robbie Williams quando gli chiedono come mai non utilizzi un cellulare. “Non possiedo un telefono dal 2006 – dice intervenendo nel nel talk show sul calcio “Back of the Net” - Sono sempre sul mio computer, ho sempre il Wi-Fi ... Mi sono sbarazzato del mio telefono”.Una scelta quasi rivoluzionaria al giorno d'oggi, specie per un uomo cui apparenza è parte integrante anche del proprio lavoro, così naturale chiedere a proposito del suo rapporto con i social, che l'ex Take That spiega così: “Non ho nemmeno la mia password altrimenti la mia carriera sarebbe finita ... Dico a delle persone cosa postare e poi viene controllato”.Una questione di lavoro, da uffici stampa, niente che interessi Williams. Come ricorda The Guardian, l'artista inglese non è l'unico ad aver fatto una simile scelta di vita, anche Elton John nel 2016 ha dichiarato di non possedere cellulari, condannando tra l'altro il fatto che prima che le telecamere fossero installate nei telefoni, “potevi permetterti di essere fuori di testa e comportarti straordinariamente male in pubblico e nessuno sarebbe stato in grado di fare una fotografia - cosa che ho fatto molte volte! Purtroppo tutto è cambiato con l'avvento della tecnologia. Uscire ora è uno sforzo".Ma se pensate che la rinuncia allo smartphone sia peculiarità solo di artisti più in là con l'età vi sbagliate, nella lista di chi prende in considerazione i malefici ai quali ci sta condannando la moderna tecnologia c'è anche Shailene Woodley, l'attrice diventata famosa per il ruolo di Amy Juergens nella serie tv “La vita segreta di una teenager americana” e per aver recitato accanto a Nicole Kidman e Reese Witherspoon nella miniserie televisiva “Big Little Lies - Piccole grandi bugie”. Anche lei denuncia apertamente una carenza di senso di comunità a causa dell'utilizzo dei cellulari.Motivazioni diverse hanno portato il regista tedesco Werner Herzog alla stessa conclusione: via il cellulare dalla vita di tutti i giorni. “Mi piace non essere disponibile tutto il tempo. – ha dichiarato nel 2016 l'autore di “Anche i nani hanno cominciato da piccoli” - E, allo stesso tempo, mi piace sapere che nessun hacker o nessun governo ostile potrebbe rintracciarmi”.Più morbida la posizione di Eddie Redmayne, l'attore premio Oscar per “La teoria del tutto” che ha invece dichiarato di aver rifiutato un cellulare di ultima generazione a favore di un altro impossibile da connettere alla rete. “Il diluvio di e-mail – dice - era costante e mi sono ritrovato a cercare di tenere il passo in tempo reale, a scapito di vivere nel momento", poi la scelta che gli ha cambiato la vita: "Mi sento molto più vivo".

  • Caso Cucchi, Fedez: “Giustizia fatta grazie a tenacia dei familiari”
    Notizie
    notizie.it

    Caso Cucchi, Fedez: “Giustizia fatta grazie a tenacia dei familiari”

    Fedez si esprime sul caso Cucchi e richiama all'attenzione l'analogo caso di Federico Aldrovandi.

  • Kikò litiga con Barbara d’Urso: “Mi metti le parole in bocca”
    Notizie
    notizie.it

    Kikò litiga con Barbara d’Urso: “Mi metti le parole in bocca”

    Kikò accusa Barbara d'Urso di mettergli in bocca le parole e la conversazione sul tradimento di Ambra sfuma in un discussione con la conduttrice.

  • Scuola taglia carta igienica: bimba va in ospedale per costipazione
    Notizie
    notizie.it

    Scuola taglia carta igienica: bimba va in ospedale per costipazione

    Decisione drastica della scuola: taglia la carta igienica per limitare le spese. Una bimba di 4 anni finisce in ospedale per costipazione.

  • Chi è Gaia Gozzi, curiosità sulla nuova allieva di Amici 2019
    Notizie
    Style 24

    Chi è Gaia Gozzi, curiosità sulla nuova allieva di Amici 2019

    Gaia Gozzi è una dei nuovi allievi di Amici 2019. La cantante non è nuova al mondo dei talent: cosa sappiamo di lei?

  • Tragedia a Sciacca: bimba di 9 anni stroncata da aneurisma cerebrale
    Notizie
    notizie.it

    Tragedia a Sciacca: bimba di 9 anni stroncata da aneurisma cerebrale

    Una bimba di 9 anni, Carola Benedetta Catanzaro, è stata stroncata da un aneurisma cerebrale. La mamma: "La mia principessa è andata in paradiso".

  • Un altro messaggio in bottiglia è stato ritrovato (ed è tornato a casa)
    Notizie
    AGI

    Un altro messaggio in bottiglia è stato ritrovato (ed è tornato a casa)

    Era l'agosto del 2010 quando Max Vredenburgh abbandonava in mare una bottiglia con dentro un messaggio. Come racconta The Guardian, si trovava a casa sua, a Long Beach, nella pittoresca cittadina di pescatori di Rockport, e aveva appena 10 anni.Oggi frequenta la Suffolk University, si è fatto un uomo e probabilmente quel messaggio lo aveva anche dimenticato, mai insomma avrebbe pensato, dieci anni dopo, di ricevere una risposta; ma è esattamente quello che è avvenuto. Dalla Francia qualcuno che si firma “G Dubois” ha risposto a Max, o perlomeno al bambino Max, che in quella lettera si presentava dichiarando che il blu era il suo colore preferito e amava animali e automobili e chiedeva, per favore, una risposta. Presto fatto. La bottiglia ha attraversato l'oceano ed è finita su una spiaggia in Francia tra Contis e Mimizan, che si trova a circa un'ora e mezza a nord di Biarritz, non lontano dal Pirenei e dal confine spagnolo. In tutto 6000 km in dieci anni, con grande sorpresa di Max che in un'epoca di messaggeria istantanea si è ritrovato tra le mani una lettera scritta a mano con la risposta dell'anonimo Dubois, che allega anche una mappa del luogo dove la bottiglia è stata ritrovata. Mappa che Max ha subito deciso di condividere con i suoi follower su Twitter, assieme alla sua lettera originale, che Dubois ha gentilmente restituito. On August 21, 2010 I threw a message in a bottle into the ocean from a beach in Rockport, MA. On October 10, 2019 that letter was found on the beach in France. I am mind blown. 9 years. pic.twitter.com/Af2tEwoQtq — māx (@VredenburghMax) November 8, 2019Quello di Max non è naturalmente l'unico caso di ritrovamenti di messaggi in bottiglia: nel 2014 Andrew e Carol Gracie, una coppia di cinquantenni in vacanza alle Bahamas, ritrovò la bottiglia lasciata in mare dall'ora 15enne Connor Corbett-Rice, ma era un semplice compito di scuola, anche quelle dei compagni di classe sono state ritrovate praticamente tutte.Più appassionante la storia di un marinaio giapponese di nome Chunosuke Matsuyama e del suo gruppo di compagni, naufragati su un'isola deserta e presumibilmente morti lì, non prima di aver affidato al mare, dentro una bottiglia, la propria storia incisa su un pezzo di legno di cocco; bottiglia che verrà ritrovata 150 anni dopo vicino al villaggio giapponese di Hiraturemura.Commovente anche il messaggio dei cugini Jeremiah Burke e Nora Hegarty, che lo hanno lasciato in mare prima di morire nel più noto degli affondamenti della storia, hanno scritto semplicemente: “Dal Titanic, addio a tutti, Burke di Glanmire”; la bottiglia fu ritrovata un anno dopo la tragedia e fu conservata dalla famiglia per quasi un secolo, prima di essere donata al Cobh Heritage Centre nel 2011.Ugualmente emozionante l'idea che ebbe Thomas Hughes, soldato britannico impegnato nella Seconda Guerra Mondiale, che nel 1914 inviò una lettera alla moglie tramite una bottiglia lanciata nelle acque del canale della Manica, prima di morire in combattimento due giorni dopo. La lettera in questione però venne ritrovata solo nel 1999, vent'anni dopo la morte della moglie; così il pescatore che la recuperò decise di inviarla alla nipote in Nuova Zelanda.Il messaggio affidato ad una bottiglia è evidentemente una scelta romantica, lo sa bene Paolina, una donna siciliana che un giorno passeggiando sulla spiaggia recuperò la bottiglia lanciata in mare due anni prima da un marinaio svedese che si firmava come “Il vichingo” e che cercava una donna “bella e distante”. Trovò proprio lei, che rispose: “Io non sono bella, ma sembra così miracoloso che questa piccola bottiglia abbia viaggiato così lontano e così a lungo per raggiungere me, che devo inviare una risposta!“. Ottima idea, i due finirono per diventare marito e moglie.

  • Taylor Mega ubriaca dalla D’Urso: il fuorionda di Striscia la Notizia
    Notizie
    notizie.it

    Taylor Mega ubriaca dalla D’Urso: il fuorionda di Striscia la Notizia

    Taylor Mega ubriaca dalla D’Urso: un fuorionda immortalato da Striscia la Notizia conferma che l’influencer ha alzato un po' troppo il gomito

  • "Nemmeno il Mose potrebbe bastare per salvare Venezia"
    Notizie
    AGI

    "Nemmeno il Mose potrebbe bastare per salvare Venezia"

    Venezia si è sempre adattata, nei secoli, ai fenomeni naturali a cui era esposta, a partire dall'innalzamento del livello della laguna sulla quale fu costruita oltre mille anni fa, ma ora, con l'accelerazione dei fenomeni, la sua capacità di adattamento è messa a dura a prova, e nemmeno un progetto concepito meno di vent'anni fa come il Mose riuscirà a far fronte ai cambiamenti climatici in atto.È la considerazione del professore veneziano Carlo Giupponi, docente di Economia dell'Ambiente a Ca' Foscari e rettore della Venice International University di San Servolo, oltre che esperto di Scienza e gestione dei cambiamenti climatici.Già 350 anni fa l'ingegnere idraulico Benedetto Castelli fu chiamato dai Dogi a studiare i fenomeni delle maree per proteggere Venezia dall'acqua alta, e dichiarò di arrendersi alla natura: “Metta pure la Serenità Vostra parte in questo Eccelso Collegio – scrisse nel suo Della misura delle acque correnti - e lo faccia confermare in Pregadi à tutti i voti, che i Venti non spirino, che il Mare non ondeggi, che i Fiumi non corrano; i Venti saranno sempre sordi, il Mare sarà costante nell'incostanza sua, li Fiumi ostinatissimi, e questi saranno i miei giudici, & alla lor decisione mi rimetto”.Quella del 12 novembre, con i suoi 187 centimetri, seconda solo all'acqua granda del 1966, è stata un'acqua alta eccezionale?“Gli eventi estremi sono sempre più frequenti. La situazione di questi giorni a Venezia è simile a quella che l'anno scorso ha provocato la tempesta Vaia (che a fine ottobre ha flagellato l'Italia, con gravi danni in Veneto, ndr): forti precipitazioni associate a forte vento di scirocco. Se in mille anni un fenomeno come questo ricorre un paio di volte, il fatto che queste siano avvenute in due anni consecutivi è significativo”.Durante la conversazione nella sua casa di Venezia, Carlo Giupponi mostra la foto del portone di un palazzo medioevale i cui gradini scompaiono nell'acqua del canale, evidenziando il segno attuale che la laguna lascia sul muro, più alto di almeno una decina di centimetri rispetto a quando fu costruito.Che significa, professore?“Che al di là dei dati oggettivi che misuriamo oggi, possiamo farci un'idea dell'innalzamento e della capacità veneziana di adattamento anche confrontando le immagini attuali con quelle dei quadri antichi. Negli ultimi decenni, però, l'acqua sale in media di 5,6 millilmetri all'anno. Al fenomeno globale dell'aumento del livello del mare, a Venezia si aggiungono quei fenomeni naturali che riguardano solo la sua laguna e altri dovuti all'azione dell'uomo come gli scavi di canali e lo sfruttamento della falda di acqua. La città si è sempre adattata a questi cambiamenti, ma la sua capacità di adattamento ha un limite: ora potrebbe non riuscire a seguire l'accelerazione dei fenomeni”.Che differenza c'è fra l'acqua alta di questi giorni e quella di 53 anni fa?“Quella del 1966 era dovuta alla sovrapposizione di due maree combinate al vento di scirocco: una combinazione rarissima, per l'epoca. Ora invece queste coincidenze di diversi fattori si verificano sempre più spesso mettendo a dura prova la capacità di Venezia di affrontare l'emergenza”.Pensa che con il completamento del Mose la situazione sarà sotto controllo?“È un progetto caratterizzato da rigidità; concepito in un'altra fase, ora difficilmente si adatta al cambiamento in corso. E in particolare non tiene conto a sufficienza del fattore vento, quello che nelle ultime occasioni ha aumentato l'effetto dei fenomeni. Oltretutto i lavori effettuati per la realizzazione del Mose hanno a loro volta provocato un mutamento, sulle maree che interessano il Lido di Venezia: ora sono più rapide, salgono in maniera veloce, e le correnti sono più forti. Tutto questo rende molto più difficile fare quelle previsioni che servono alla città per prepararsi e correre ai ripari”Perché molti veneziani non sono fiduciosi nell'efficacia del progetto Mose?“I veneziani ce l'hanno con il Mose perché ha drenato la maggior parte dei fondi che servono normalmente a tenere puliti i canali e a fare tutto quello che serve perché la città sia pronta ad affrontare l'acqua alta. Da una ventina d'anni, non si fa più la manutenzione ordinaria che veniva finanziata dalle risorse della legge speciale varata proprio dopo il novembre 1966”. Come esperto di cambiamenti climatici, crede che si possa ancora essere ottimisti sul futuro?“Tutti i grafici sui fenomeni economici, sociali e anche naturali, mostrano un'accelerazione negli ultimi decenni. Quello che valeva nel passato, in termini di previsioni, ora non vale più. In un contesto come questo, a voler essere pessimisti si hanno tutte le ragioni, ma se invece si vuole essere ottimisti bisogna puntare sulla definizione della nostra era geologica, Antropocene. Significa che l'uomo è uno dei principali fattori dell'evoluzione geologica e che le nostra capacità di controllare i problemi sono maggiori rispetto al passato. Da un lato abbiamo creato noi i problemi, dall'altro non siamo più in loro balia. Ci vuole quindi una maggiore consapevolezza e un'assunzione di responsabilità. Ognuno può fare la sua parte. Da un lato, la scienza lancia gli allarmi, che normalmente la politica non ascolta perché gli orizzonti temporale degli scienziati sono troppo a lungo termine per interessare i politici che puntano alle prossime elezioni. Dall'altro, per questo stesso motivo i cittadini possono influire molto sulle scelte dei politici, visto che li votano: c'è un legame diretto. Per questo è importante il ruolo di movimenti come i Fridays for Future e della tanto criticata Greta Thunberg”.

  • Germania, sindaco Dresda: "A est cittadini si sentono di serie B"
    Notizie
    Adnkronos

    Germania, sindaco Dresda: "A est cittadini si sentono di serie B"

    I cittadini della Germania est continuano a "sentirsi cittadini di serie B", le loro aspettative per una "svolta" dopo il crollo del Muro di Berlino e la riunificazione sono andate deluse ed i populisti ed i nazionalisti sfruttano queste loro frustrazioni. Ad una settimana dalle celebrazioni per il 30mo anniversario del crollo del muro, il sindaco di Dresda, Dirk Hilbert, spiega le ragioni del risentimento nella sua città, capoluogo della Sassonia e simbolo del malcontento della popolazione dell'ex Germania dell'est, dove l'estrema destra è diventata così forte da aver costretto il Comune a proclamare "l'emergenza neonazismo".  "Nell'ex Germania est - dice il liberale Hilbert in un'intervista all'Adnkronos - la forza economica è ancora minore rispetto alla Germania ovest, dove i salari sono più alti, la proprietà privata e i beni immobili sono più diffusi. A parte che in alcune grandi città, i land orientali sono meno attraenti per i lavoratori qualificati rispetto ai land occidentali".  C'è un legame tra la lentezza del processo di riunificazione e il risorgere dell'estrema destra? "Il populismo, il nazionalismo e l'estremismo di destra non sono solo un problema della Germania orientale o della Germania - premette Hilbert - ma un problema di tutta l'Europa e del mondo". "Le conseguenze della globalizzazione - sostiene il sindaco di Dresda - hanno colpito duramente molte persone a est, che si sono rese conto di come i loro desideri e le loro aspettative per una 'svolta' non siano stati soddisfatti. Si sentono cittadini di seconda classe" A est, per esempio, spiega il politico dell'Fdp, "ci sono più tedeschi occidentali nelle posizioni di vertice rispetto ai tedeschi orientali, il che ha portato a un'enorme frustrazione, che viene sfruttata dai populisti di destra. Frustrazione, tra l'altro, che viene rivolta anche contro le minoranze, in particolare i rifugiati". Senza contare, è l'analisi di Hilbert, che nell'ex Germania est il fenomeno del neonazismo e dell'estremismo di destra "esisteva già, ma veniva represso".  Il sindaco parla poi della risoluzione con cui nei giorni scorsi è stata dichiarata "l'emergenza neonazismo a destra", un'emergenza che sottolinea "la presenza di xenofobia, razzismo e atteggiamenti antidemocratici in alcuni settori della società". Per farvi fronte, conclude, servono "misure per rafforzare la democrazia e la società civile, sradicare l'estremismo di destra, la discriminazione e l'omofobia. Inoltre bisognerebbe dare maggiore sostegno alle vittime di razzismo e violenza".

  • Maltempo: sale livello dell'Arno, a Firenze oltre la prima soglia di allarme
    Notizie
    AGI

    Maltempo: sale livello dell'Arno, a Firenze oltre la prima soglia di allarme

    Il livello dell'Arno a Firenze è salito di due metri nelle ultime sei ore e ha superato il primo livello di allerta. Secondo i dati rilevati alle 6.45 dal Centro funzionale della Regione Toscana, il fiume agli Uffizi aveva raggiunto i 4,13 metri con una crescita di 35 centimetri nell'ultima ora per le abbondanti piogge cadute su tutto il bacino del fiume. La Protezione civile della città metropolitana di Firenze invita i cittadini a "non sostare vicino ad argini e sponde" dell'Arno. L'allerta maltempo è arancione e la Protezione civile consiglia di "mettersi in viaggio solo se strettamente necessario".Chiuse tutte le scuole nei comuni attraversati dall'Arno, mentre negli altri Comuni saranno chiusi solo gli istituti superiori, come comunicato dall'Unione dei Comuni Empolese - Valdelsa. Il Centro Funzionale ha emesso un'allerta meteo di codice rosso per rischio idraulico collegato al fiume Arno da ora fino a tutta la giornata di domani e per questo è stata disposta la chiusura di tutte le scuole di ogni ordine e grado, nidi compresi per i comuni di Montelupo Fiorentino, Empoli, Cerreto Guidi, Capraia e Limite,Vinci, Fucecchio. Chiusura soltanto delle scuole superiori per tutti gli altri.Numerose le segnalazioni di frane ed alberi caduti sulle strade provinciali attorno a Firenze. La provinciale 72 "Vecchia pisana" è chiusa per frana al chilometro 1 in località Ponte Torto, nel Comune di Lastra a Signa. In aumento tutti i livelli dei fiumi, in particolare dell'Ema che ha già superato il secondo livello di guardia. La Protezione civile consiglia "massima attenzione" nell'attraversare i corsi d'acqua e le zone depresse (sottopassi stradali, zone di bonifica) e di evitare di attraversare le aree allagate anche se apparentemente con poca acqua. Cinquecento persone sono state invitate dalle 7 di questa mattina a lasciare in via precauzionale le loro abitazioni vicino al fiume Cecina. L'ondata di piena ha superato di 1 metro e mezzo il secondo livello di guardia: l'ultima volta che il Cecina esondò era il 2014 e causò molti danni nelle abitazioni più a rischio. Il fiume ha già tracimato questa mattina all'altezza di Ponteginori senza causare danni. Le piogge di questa notte e di questa mattina continuano a gonfiare il fiume. Per le persone evacuate, il Comune di Cecina ha messo a disposizione due punti di accoglienza (una scuola e il palazzetto dei congressi), bus e mezzi per disabili.

  • Il conto corrente del conduttore di Report Ranucci è stato hackerato
    Notizie
    notizie.it

    Il conto corrente del conduttore di Report Ranucci è stato hackerato

    Seppure non celando la paura, Ranucci ammette: "Non ci facciamo infettare da questo virus che punta a minare la nostra passione per il lavoro".

  • In fuga con 6 mila euro di merce rubata, arrestati
    Notizie
    Yahoo Notizie

    In fuga con 6 mila euro di merce rubata, arrestati

    A finire in manette con l'accusa di furto aggravato in concorso sono stati un 39enne romano, già conosciuto alle forze dell'ordine, e una ragazza romana di 35 anni, incensurata.

  • Giostra bloccata a 45 metri d’altezza
    Notizie
    notizie.it

    Giostra bloccata a 45 metri d’altezza

    Momenti di puro panico alla Sinaloa Livestock Fair 2019 a Città del Messico, Culiacán: una giostra si è bloccata a 45 metri d'altezza.

  • Maltempo a Porto Cesareo: tempesta scoperchia un’antica tomba
    Notizie
    notizie.it

    Maltempo a Porto Cesareo: tempesta scoperchia un’antica tomba

    A Porto Cesareo il maltempo ha fatto scoperchiare una tomba presumibilmente di epoca romana prima sommersa dalla sabbia e dalle maree.

  • Trump ha insultato una testimone sul Russiagate mentre deponeva al Congresso
    Notizie
    AGI

    Trump ha insultato una testimone sul Russiagate mentre deponeva al Congresso

    L'ex responsabile della campagna presidenziale di Donald Trump nonché suo vecchio amico, Roger Stone, così vicino al presidente da esser arrivato a mentire al Congresso per proteggerne l'immagine, rischia fino a 50 anni di carcere: è stato infatti dichiarato colpevole di tutti i sette capi di imputazione di cui era accusato, cinque delitti di falsa testimonianza, uno di ostruzione alla giustizia, un altro di intimidazione di testimoni.Stone lavorò brevemente fino al 2015 con Trump durante la sua campagna presidenziale, poi continuò ad offrirgli i propri servigi in maniera informale. Ma è diventato uno dei personaggi chiave dell'inchiesta Russiagate, sulle interferenze russe nelle presidenziali 2016, perché accusato di aver mentito al Congresso riguardo i contatti avuti con Wikileaks, con l'obiettivo di ottenere materiale da usare contro gli avversari politici di Trump.Per costruire la sua difesa, ha stabilito il giudice, Stone ha anche intimidito alcuni testimoni. E "intimidazione" è il termine risuonato con forza nelle stesse ore al Congresso, perché la sentenza è arrivata nel momento in cui davanti alla commissione Intelligence della Camera si teneva l'audizione, in diretta tv, dell'ex ambasciatore Usa in Ucraina, Marie Yovanovitch, 61 anni, rimossa dall'incarico nel maggio 2019. Da sconosciuto diplomatico, il suo nome è diventato famoso quando è comparso nella trascrizione della telefonata del 25 luglio tra Trump e il presidente ucraino Volodymyr Zelensky.Trump l'aveva definita "portatrice di problemi" e "bad news", cioè "sgradevole", "negativa". Austera e puntuale nel ribattere alle domande, ma anche emozionata, Yovanovitch, "Masha" per amici e colleghi, ha raccontato il disagio nel sentirsi bersaglio di una campagna denigratoria "messa in atto da Rudolph Giuliani", l'avvocato di Trump.La sua testimonianza ha vissuto un momento inedito, unico vero sussulto di un'audizione senza sorprese: è stato quando Twitter è entrato ufficialmente nell'aula. Nei minuti in cui l'ex ambasciatore deponeva, Trump ha twittato due post durissimi in cui l'ha dipinta come un'inetta, una che ha "fatto male dovunque è andata".Il presidente della commissione, il democratico Adam Schiff, ha letto alla testimone il testo, chiedendole se l'"attacco" nei suoi confronti potesse essere un messaggio ai futuri testimoni. "Lo trovo molto intimidatorio", ha commentato Yovanovitch, visibilmente emozionata.Schiff, in una pausa, si è poi rivolto ai giornalisti: "Abbiamo assistito a un'intimidazione in tempo reale da parte del presidente degli Stati Uniti". I "tweet" sono diventati ben presto il vero caso della giornata: i democratici sono insorti. Trump ha ricevuto critiche anche da Fox News, rete televisiva storicamente conservatrice, e da Ken Starr, il procuratore speciale che condusse l'inchiesta sul presidente democratico Bill Clinton."Quel tweet - ha detto il conduttore Bret Baier \- ha cambiato il senso dell'audizione". "Il presidente non è stato consigliato bene", ha aggiunto Starr. Pochi secondi prima, commentando un passaggio della telefonata tra presidenti, quello in cui Trump aveva promesso a Zelensky che l'ambasciatore "avrebbe passato guai", Yovanovitch aveva ammesso di essersi sentita minacciata. "'Passerà dei guai' non suona bene. Suona come una minaccia", ha ammesso.Questo passaggio, unito a quello sui tweet, ha finito per influire sullo sviluppo dell'audizione: i repubblicani hanno scelto una linea morbida, probabilmente per non dare l'impressione al pubblico di un attacco congiunto verso un funzionario dello Stato; e hanno puntato sull'irrilevanza della testimonianza. L'ex ambasciatore ha definito la politica americana in Ucraina un "disastro", ma non ha potuto spiegare perché fosse stata rimossa.Come già successo mercoledì, l'audizione è diventata lenta e noiosa. Difficile che abbia spostato il giudizio degli americani per i quali, in mancanza di prove schiaccianti, a pesare nel giudizio finale è sempre l'andamento dell'economia. E quello continua a sorridere a Trump: oggi la Federal Reserve ha comunicato che il Pil Usa crescerà dello 0,3% nel quarto trimestre, meno dell'1% previsto una settimana fa ma pur sempre in territorio positivo.

  • Verissimo, il look di Silvia Toffanin: abito trendy color pastello
    Notizie
    notizie.it

    Verissimo, il look di Silvia Toffanin: abito trendy color pastello

    Colore tenue, sobrio, elegante e trendy: tutti i dettagli del vestito indossato da Silvia Toffanin a Verissimo.

  • Pilota arrestato per “esposizione indecente”: era nudo alla finestra
    Notizie
    notizie.it

    Pilota arrestato per “esposizione indecente”: era nudo alla finestra

    Pilota arrestato per "esposizione indecente": così Andrew Collins ha trascorso 3 giorni dietro le sbarre. Ora la città di Denver dovrà risarcirlo