• Ornella Muti senza veli: la foto fa il boom di like
    Notizie
    notizie.it

    Ornella Muti senza veli: la foto fa il boom di like

    Ornella Muti è completamente senza veli nello scatto osé postato da sua figlia, Naike Rivelli.

  • Uomo sposato uccide l’amante e dopo fa finta di essere lei sui social
    Notizie
    notizie.it

    Uomo sposato uccide l’amante e dopo fa finta di essere lei sui social

    Un uomo sposato avrebbe confessato di aver rapito l'amante e averla lasciata morire, per poi pubblicare finti post dall'account Facebook della donna

  • Justine Mattera, le foto senza veli su Instagram: “Ecco perché le faccio”
    Notizie
    notizie.it

    Justine Mattera, le foto senza veli su Instagram: “Ecco perché le faccio”

    Justine Mattera non ha proprio intenzione di smettere di pubblicare le sue foto provocanti, e ha spiegato anche il perché.

  • Lutto nel mondo del giornalismo: è morto a 61 anni Corrado Benzio
    Notizie
    notizie.it

    Lutto nel mondo del giornalismo: è morto a 61 anni Corrado Benzio

    Corrado Benzio è morto all'ospedale Versilia: aveva 61 anni. Grande penna del giornalismo enogastronomico e scrittore di alcuni libri.

  • Feltri dalla D’Urso: “Mi avete rotto i cog*ioni”, poi lascia lo studio
    Notizie
    notizie.it

    Feltri dalla D’Urso: “Mi avete rotto i cog*ioni”, poi lascia lo studio

    Vittorio Feltri risponde alle critiche delle sferate di Live-Non è la D'Urso ma, venendo continuamente interrotto, decide di abbandonare lo studio.

  • Mercedesz Henger senza veli: la foto fa impazzire i fan
    Notizie
    Style 24

    Mercedesz Henger senza veli: la foto fa impazzire i fan

    Mercedesz Henger ha pubblicato su Instagram una fotografia che la ritrae senza veli: fan impazziti.

  • Heather Parisi: “Sono stata picchiata per 7 anni tra le mura di casa”
    Notizie
    notizie.it

    Heather Parisi: “Sono stata picchiata per 7 anni tra le mura di casa”

    Heather Parisi rivela un dettaglio inedito sul suo passato e presenta in diretta a Live-Non è la D'Urso i suoi gemelli di 9 anni.

  • Bimbo di 6 anni guida in autostrada a 130 km/h: indagata la madre
    Notizie
    notizie.it

    Bimbo di 6 anni guida in autostrada a 130 km/h: indagata la madre

    Una donna di 29 anni ha condiviso un video in cui mostra il figlio di 6 anni alla guida della sua auto.

  • La fidanzata si toglie la vita e lui si fa travolgere da un treno
    Notizie
    notizie.it

    La fidanzata si toglie la vita e lui si fa travolgere da un treno

    Un giovane di nome Adam Howarth si è lanciato sotto un treno sei giorni dopo il suicidio della fidanzata

  • La casa di Paola Barale a Milano: le foto
    Notizie
    notizie.it

    La casa di Paola Barale a Milano: le foto

    La sempre splendida Paola Barale, quando non è in viaggio per il mondo, vive in un appartamente a Milano davvero particolare

  • Cadavere ad Albarella, risolto il giallo del corpo senza nome
    Notizie
    notizie.it

    Cadavere ad Albarella, risolto il giallo del corpo senza nome

    Sarebbe di Valentina Trolese il corpo senza nome ritrovato sulla spiaggia di Albarella. A darne conferma i familiari: attesi esami del Dna.

  • Diletta Leotta nello spot Intimissimi, i fan: “Stupenda come sempre”
    Notizie
    Style 24

    Diletta Leotta nello spot Intimissimi, i fan: “Stupenda come sempre”

    Diletta Leotta nello spot Intimissimi stuzzica la fantasia dei fan e riceve la standing ovation di Instagram.

  • Gli diagnosticano disturbi alimentari, Tac rivela 4 tumori al cervello
    Notizie
    notizie.it

    Gli diagnosticano disturbi alimentari, Tac rivela 4 tumori al cervello

    Rifiutava il cibo ed era stato costretto a lasciare la scuola: la risonanza magnetica ha rivelato la presenza di 4 tumori al cervello.

  • Emma Marrone ed Elodie: pace fatta tra le due cantanti
    Notizie
    notizie.it

    Emma Marrone ed Elodie: pace fatta tra le due cantanti

    Emma Marrone ed Elodie Di Patrizi sembrano aver ricucito lo stratto dopo la lite: le due ex allieve di Amici tornano a farsi vedere insieme

  • Chi paga di più in Europa per il canone della tv pubblica?
    Notizie
    AGI

    Chi paga di più in Europa per il canone della tv pubblica?

    Il leader del M5s Luigi Di Maio, intervistato da Rtl 102.5 il 18 novembre, ha commentato la proposta di una sua collega di partito di abolire il canone Rai, dicendo (min. 7.40 e ss) che l'obiettivo è quello di ridurlo. Il riferimento è alla proposta di legge per abolire il canone Rai a partire dal 2021 presentata il 15 luglio dalla deputata del M5s Maria Laura Paxia insieme ad altri cinque deputati del Movimento. Al momento la proposta non risulta ancora assegnata a nessuna commissione parlamentare e dunque la sua discussione non è nemmeno cominciata.Il canone Rai, secondo un sondaggio del centro studi dell'Anci (Ifel) del 2011, era la tassa più odiata dagli italiani. All'epoca ammontava – in seguito a un aumento deciso a fine 2010 – a 110,50 euro.Con il governo Renzi (legge di Bilancio per il 2016, art. 1 co. 152 e ss.) il canone venne inserito nella bolletta elettrica, con la conseguenza – come abbiamo verificato in passato – di ridurre drasticamente la sua evasione. Con la stessa legge di Bilancio per il 2016 (art. 1 co. 152) il canone venne poi ridotto a 100 euro e con la legge di Bilancio per il 2017 (art. 1 co. 40) fu ulteriormente abbassato a 90 euro.Il governo Conte I ha confermato questo importo anche con la legge di Bilancio per il 2019 (art. 1 co. 89).Ma qual è la situazione nel resto d'Europa? Negli altri grandi Paesi dell'Ue i cittadini pagano un canone per la tv pubblica? Ed è più o meno salato che in Italia? Andiamo a vedere i dettagli. GermaniaIn Germania la televisione pubblica è finanziata da un canone (Rundfunk­beitrag), che deve essere pagato da tutti i proprietari di casa, al di là del fatto che abbiano materialmente un apparecchio televisivo o meno. Ammonta a 17,50 euro al mese e sono possibili riduzioni ed esenzioni.Dunque il totale annuo è di 210 euro. Più del doppio rispetto all'Italia. FranciaLa televisione pubblica francese è finanziata da un canone che ammonta nel 2019 a 139 euro per la Francia continentale e a 89 euro per i dipartimenti d'oltremare.Anche in questo caso dunque il canone francese – quantomeno quello dovuto da chi abita in Francia – è superiore a quello dell'Italia. Il canone si paga se si devono pagare le tasse sulla casa (che in Francia sono presenti anche sulla prima casa) e solo se si possiede un apparecchio televisivo.In Francia, dal 2009, è stata soppressa la pubblicità sulle televisioni pubbliche tra le otto di sera e le sei del mattino. Regno UnitoNel Regno Unito il canone per la tv pubblica è pari a 154,50 sterline all'anno, cioè circa 181 euro. Se la tv è in bianco e nero il canone cala a 52 sterline (61 euro circa).Gli over 75 sono esentati dal pagamento del canone e per determinate categorie – ad esempio chi ha gravi problemi di vista – sono previste delle riduzioni. SpagnaIn Spagna non si paga più il canone dal 2010. La Rtve (Corporación de Radio y Televisión Española) è oggi finanziata in parte dalla fiscalità generale, cioè dalle tasse, e in parte da contributi che sono tenuti a versare gli operatori privati (3 per cento dei redditi lordi per le tv commerciali, 1,5 per cento per le pay tv e 0,9 per cento per gli operatori delle telecomunicazioni).Sempre dal 2010 è poi, come ci hanno confermato anche i nostri colleghi fact-checker spagnoli di Maldita, è stata abolita la pubblicità sulla televisione pubblica.Secondo uno studio dell'Università di Santiago di Compostela, riportato da El Paìs nel dicembre 2016, ogni nucleo familiare in Spagna paga ogni anno indirettamente, tramite le tasse, 98,80 euro per il servizio pubblico radiotelevisivo (38,90 euro pro capite). Chi paga più di tutti e chi meno? E chi non paga?Nei grandi Paesi europei si paga – in tutti i casi tranne che in Spagna tramite un canone, nel Paese iberico con le tasse in generale – più che in Italia. Il conto più salato, in Europa, viene pagato in Svizzera. Nel Paese elvetico il canone annuo per i servizi radiotelevisivi pubblici è pari a 451,1 franchi, cioè circa 412 euro.In Grecia si paga invece un canone di appena 3 euro al mese (36 euro all'anno), la cifra più bassa – secondo quanto riporta Euronews – dell'Unione europea. Secondo un approfondimento di agosto 2019 curato da Idealo, piattaforma britannica che si occupa di confronti tra prezzi di vari prodotti e servizi a livello europeo, ci sono alcuni Stati in cui non si paga un canone per i servizi radiotelevisivi pubblici.In Olanda ad esempio il servizio pubblico è finanziato dalla fiscalità generale e dalla pubblicità, e lo stesso accade a Cipro. In Finlandia c'è un'apposita tassa progressiva (da cui sono esclusi i redditi più bassi) e un sistema analogo esiste anche in Islanda. In Ungheria poi non si pagano né canoni né tasse specifiche per il servizio radiotelevisivo pubblico. ConclusioneTra i grandi Paesi europei, l'Italia è quello dove il canone per il servizio radiotelevisivo pubblico è il più basso: 90 euro, contro i 139 della Francia, i 180 del Regno Unito e i 210 della Germania.In Spagna non c'è canone a il servizio pubblico è finanziato con le tasse e con contributi degli operatori privati. Secondo uno studio universitario il costo a persona è comunque di circa 40 euro e quello per nucleo familiare di circa 100 euro l'anno.A livello europeo ci sono poi altri Paesi in cui il servizio pubblico radiotelevisivo è finanziato non da un canone ma dalle tasse, apposite o generiche, e Paesi con canoni più alti (come la Svizzera) o più bassi (come la Grecia).Se avete delle frasi o dei discorsi che volete sottoporre al nostro fact-checking, scrivete a dir@agi.it

  • Francesca Cipriani in intimo, la foto piace: “Sei bellissima”
    Notizie
    notizie.it

    Francesca Cipriani in intimo, la foto piace: “Sei bellissima”

    L'arte della seduzione non è un segreto per Francesca Cipriani: la foto della showgirl in intimo ha fatto il boom di like.

  • Francesco Sarcina ha una nuova fidanzata: l’indiscrezione
    Notizie
    Style 24

    Francesco Sarcina ha una nuova fidanzata: l’indiscrezione

    Dopo la fine del matrimonio con Clizia Incorvaia, Francesco Sarcina potrebbe aver ritrovato l'amore. Chi è la nuova fidanzata?

  • La casa di Giulia De Lellis: appartamento lussuoso a Verona
    Notizie
    notizie.it

    La casa di Giulia De Lellis: appartamento lussuoso a Verona

    Giulia De Lellis abita in un appartamento di lusso a Verona, a pochi isolati dalla casa dove conviveva con l'ex Andrea Damante

  • "Ho venduto Ciesse Piumini a Mittel perché restasse italiana"
    Notizie
    AGI

    "Ho venduto Ciesse Piumini a Mittel perché restasse italiana"

    Mittel ha rilevato il 90% di Sport Fashion Service, società che detiene tre brand come Ciesse Piumini, Ciesse Outdoor e West Scout. Un'operazione da una quindicina di milioni di euro e un'azienda con un fatturato di 25 milioni, ma alla cui origine c'è una storia molto italiana, passata attraverso la crisi del 2008, una clamorosa rinascita e, alla fine, la scelta di vita radicale di un uomo che per anni è stato tra i protagonisti dell'abbigliamento sportivo made in Italy: Flavio Milani. Il ritorno di Ciesse Piumini in mani italiane è del giugno del 2011, quando Fremil International srl la acquisisce dal fondo di investimento Gem dopo il fallimento dell'obiettivo di quotarla in borsa entro il dicembre del 2010. L'avventura della Fremil (che già distribuiva lo storico marchio di abbigliamento per la neve e lo sci West Scout) si arena nelle secche della crisi economica e l'azienda è costretta a chiedere un concordato in continuità al 100%.La ristrutturazione finanziaria vede una nuova società, la Sport Fashion Service prendere in affitto le attività della Fremil e stringere un accordo di distribuzione e design e gestione dell'area commerciale con la 30gradi srl per il 40% di tutte le vendite a marchio Ciesse Piumini.Nel 2016, grazie ai buoni risultati della collaborazione che portano a un consolidato di 30gradi e Sport Fashion Service di 26 milioni di euro, quest'ultima è in grado di pagare il concordato che si chiude nell'aprile del 2017, alla sua naturale scadenza. Ciesse Piumini e West Scout vanno a gonfie vele e tutto sembra preludere a un luminoso futuro, ma è a questo punto che Flavio Milani, ad della azienda, decide di vendere. "Non ce la facevo più" racconta all'Agi, "sopravvivere alla crisi aveva consumato tutte le mie risorse, avevo lasciato in secondo piano la mia sfera personale, sacrificato quello che non dovrebbe essere sacrificabile e non volevo più rivivere momenti come quelli in cui avevo visto quasi morire la mia azienda".Milani, 57 anni, è nella moda da quando ne aveva 25. E' nel 1987 che si inventa il marchio West Scout e nel 1989 è uno dei primi italiani a creare una linea di produzione in Cina, a Tianjin. E' lì che nel 2006 nascerà la prima impresa europea interamente a capitale straniero ed è al management locale ("per me sono come figli" dice) che venderà la Tianjin WS con tutto il portafoglio ordini "per mantenere attiva la linea di produzione e i livelli occupazionali". I livelli occupazionali: la prima preoccupazione quando viene presa la decisione di vendere. I marchi Ciesse e West Scout fanno gola a molti, però Milani non vuole vendere al miglior offerente: gli interessa che i brand sopravvivano e che realtà di eccellenza come il centro di ricerche di Pomezia e il network produttivo rimangano in attività. E' per questo che viene accantonata l'offerta dei fondi di investimento e scelta quella della famiglia Stocchi, che nel 2017 acquisisce il 70% della Sport Fashion Service attraverso il Blue Line Group. Vendita perfezionata questa mattina con la cessione del restante 30% alla Mittel e a due altri investitori entrati con quote del 5%, Curiosamente, per la chiusura dei giochi Milani ha scelto di tornare alle origini. E' lui l'artefice della collezione, l'ultima realizzata prima della cessione, che oggi è nei negozi, come 30 anni fa. Con la garanzia che Ciesse e West Scout resteranno marchi italiani e con la forza lavoro di Pomezia - che negli ultimi due anni è quasi raddoppiata - che resterà al proprio posto.

  • Acqua Nestlé Vera ritirata per sospetta contaminazione batterica
    Notizie
    notizie.it

    Acqua Nestlé Vera ritirata per sospetta contaminazione batterica

    Ritirato dal mercato lotto dell'Acqua Nestlé per sospetta contaminazione batterica. Il Ministero della Salute diffonde l'avviso sul sito ufficiale.

  • Incidente a Varese: studentesse investite mentre vanno a scuola
    Notizie
    notizie.it

    Incidente a Varese: studentesse investite mentre vanno a scuola

    Mattinata di incidenti a Varese: il bilancio complessivo è di otto feriti in meno di un'ora.

  • Passa il candidato di Orban. Von der Leyen vicina al traguardo
    Notizie
    AGI

    Passa il candidato di Orban. Von der Leyen vicina al traguardo

    Il candidato di Orban passa a larga maggioranza al Parlamento europeo, incassa il consenso del blocco europeista e di quello sovranista e spinge la Commissione von der Leyen verso il traguardo dell'insediamento il 1 dicembre. Il commissario ungherese Olivér Vàrhelyi, designato per il portafoglio della politica di vicinato e allargamento, ha ottenuto infatti il via libera della commissione Affari esteri del Parlamento europeo e l'ok dell'Eurocamera all'ungherese, dopo quello al francese Thierry Breton e alla romena Adina-Ioana Vlean della settimana scorsa, spiana la strada per l'entrata in carica della squadra von der Leyen.Il prossimo passaggio è previsto per giovedì, quando la conferenza dei capigruppo metterà il sigillo sul voto della commissione Esteri e stabilirà per il 27 novembre a Strasburgo il voto definitivo del Parlamento sul futuro esecutivo europeo.Il commissario di Budapest nelle risposte scritte inviate ai deputati ha ribadito la sua posizione della settimana scorsa in audizione, ha detto che "non sarà l'uomo di Orban" in Europa e ha convinto la gran parte dei deputati. Il voto su Varhely conferma il ricompattarsi della 'maggioranza Ursula' che già si era riallineata in occasione dei voti su Breton e Valean: i principali gruppi politici hanno votato a favore, a cominciare da Popolari, liberali e anche socialisti che la settimana scorsa avevano sollevato diverse questioni sulla indipendenza del candidato ungherese da Viktor Orban, soprattutto per le posizioni in materia di politica estera, dai Balcani alla vicinanza alla Russia di Vladimir Putin, alla Turchia. Ma Varhely ottiene l'appoggio anche dei conservatori dell'Ecr e dei sovranisti di Identità e Democrazia, Lega compresa. Votano no solo i Verdi e la sinistra radicale della Gue.L'ultimo scoglio da superare per von der Leyen resta quello legato al commissario britannico. La scorsa settimana la Commissione ha aperto una procedura di infrazione contro il Regno Unito dopo la decisione di Londra di non inviare un nome a Bruxelles prima delle elezioni politiche del 12 dicembre. Il governo di Boris Johnson ha tempo fino al 22 novembre per "esprimere le proprie opinioni", ma oggi da palazzo Berlaymont arriva la conferma che da Downing street non è arrivato nessun segnale. Bruxelles si prepara però a partire senza la Gran Bretagna: il Consiglio Ue sta valutando la possibilità di dare il via libera a una lista con 27 commissari. Ma per arrivare al via libera serve una maggioranza qualificata degli stati membri.

  • I misteri del lager di Gusen, "l'inferno degli inferni"
    Notizie
    AGI

    I misteri del lager di Gusen, "l'inferno degli inferni"

    Un campo di concentramento segreto, che si estendeva sotto terra, per decine e decine chilometri, nell'oscurità: nei tunnel lavoravano in condizioni disumane decine di migliaia di deportati, senza riuscire mai vedere la luce del sole. E al suo interno i nazisti cercarono di sviluppare armamenti segreti e condussero ricerche nucleari. L'ultimo grande mistero del Terzo Reich si trova nelle viscere dell'Alta Austria, a pochi chilometri dalla cittadina di Linz.Come emerge da una serie di documenti inediti, ai quali l'Agi ha avuto accesso, la rete di tunnel che si sviluppavano sotto il lager nazista di Gusen - definito dagli stessi deportati "l'inferno degli inferni", teoricamente un'estensione del campo di Mauthausen - era molto più ampia di quanto le autorità avessero finora ritenuto. O ammesso. Quando gli Alleati liberarono il campo, il 5 maggio 1945, trovarono "montagne di cadaveri" e qualche migliaio di sopravvissuti, "persone che oramai erano solo pelle e ossa".Ora le ricerche, che ormai procedono da svariati anni, del regista austriaco Andreas Sulzer e di un team della seconda emittente pubblica tedesca, la Zdf, hanno portato alla scoperta di una serie di carte e testimonianze che modificano la conoscenza finora acquista del lager di Gusen e dei suoi sotterranei: tra queste la relazione del capo dei servizi d'intelligence della Us Air Force, General McDonald, la testimonianza di Walter Chmielewski, figlio di un ex comandante del lager, ulteriori analisi geoelettriche del terreno, nonché documenti del ministero austriaco per la ricostruzione, che parlano di due strutture sotterraneo lunghe "tra i 16 e i 24 chilometri", al posto degli 8 chilometri "ufficiali" di cui parlano le autorità austriache. Un gigantesco sistema di tunnelIn realtà, il reticolato di tunnel - praticamente un'immensa fabbrica di guerra sotterranea \- era forse ancora più lungo. Le strutture delle gallerie erano molte. Una aveva il nome in codice "Bergkristall" ed è quella già nota, dove venivano assemblati i famigerati caccia a reazione Messerschmitt. L'altra, rivela il film mandato in onda dalla Zdf, si chiamava "Kellerbau". Analisi fotografiche realizzate nella primavera del 1945 dall'Air Force americana mostrano un sistema di tunnel gigantesco. Robert Zellerman, un esperto di strutture militari nonché ex ispettore Unscom in Iraq, ha analizzato in base alle foto aeree dell'epoca gli scavi compiuti sui terreni di Gusen e stima che l'estensione della rete dei tunnel arrivasse ad almeno 30-40 chilometri.Non solo. Sono emerse altre fotografie secondo le quali alcune delle strutture sotterranee erano disposte su più piani, come verrebbe confermato, affermano Sulzer e la Zdf, da successive misurazioni geoelettriche. Pure il rapporto tecnico dell'Istituto di studi per l'energia atomica del 1968 parla di "gallerie disposte una sopra l'altra". Non finisce qui.Finora si era sempre ritenuto che i detenuti del lager fossero tutti sistemati nelle baracche sopra i tunnel, nei sottocampi chiamati Gusen I, Gusen II e Gusen III. Ma il professor Johannes Preuss, esperto presso l'Università di Mainz, ha condotto ricerche d'archivio dalle quali sono emerse carte dalle quali si deduce che fu pianificata una vasta sistemazione dentro i tunnel, questo anche per proteggere la produzione sotterranea - che evidentemente i vertici del Terzo Reich consideravano di importanza vitale - da eventuali bombardamenti nemici.Sempre Zellermann afferma che nelle immagini aeree si possono riconoscere condotti d'aria. È d'accordo la geologa Birgit Kuehnast, che - in base ad ulteriori analisi geoelettriche - parla di strutture quadrate "lunghe 130 metri e larghe 150" certamente non di origine naturale. Analisi che coincidono con la testimonianza di Chmielewski, che riferiva di un "campo di concentramento sotterraneo" in cui trovarono spazio almeno 18 mila deportati. Migliaia di deportati dal destino ignotoE qui si apre un ulteriore mistero nel mistero, un abisso drammatico che si apre alla lettura delle carte. La presidente del Comitato per il Memoriale di Gusen, Martha Gammer, è rimasta senza parole quando ha trovato presso l'archivio sulle vittime e i sopravvissuti del Terzo Reich di Bad Arolsen dei documenti che mostrano la "scomparsa" di quasi lo stesso numero di detenuti: 18.500. Svaniti nel nulla nell'aprile del 1945, ossia a pochi giorni dalla fine della guerra, stando ad una lista d'inventario della produzione di armi di Gusen: carte nelle quali, aggiunge Gammer, "era presente l'ordine che chi era a conoscenza dei segreti di questo campo non dovesse cadere nelle mani degli Alleati. Dove sono finite tutte queste persone?".La verità è che sul numero delle vittime non vi è mai stata chiarezza. Confrontando nel complesso i registri di Mauthausen e Gusen, a pochi giorni della liberazione risultavano circa presenti circa 90 mila detenuti viventi. All'arrivo degli Alleati, i sopravvissuti erano solo 40 mila. Alcune migliaia di detenuti erano stati portati sul Danubio e fucilati, altri 10 mila evacuati. "Ma gli altri dove sono finiti?", si chiede il documentarista Sulzer, che della verità su Gusen ha fatto una missione di vita.Il sospetto è che dopo la guerra le tracce di questo lager sottoterra siano state consapevolmente nascoste. "Nonostante le ricerche sempre più intense, non sono state ancora sufficientemente studiate molte parti dei programmi delle Ss per la realizzazione di armi segrete", afferma lo storico Matthias Uhl, interpellato da Sulzer e dalla Zdf, "E questo soprattutto a causa del fatto che alcuni atti cruciali furono distrutti alla fine della guerra oppure risultano ancora top secret". Perché?"Una cosa è chiara", afferma lo storico Stefan Karner, dell'Universita' di Graz. "La storia di Gusen e del suo enorme complesso grazie ai nuovi indizi e alla scoperta di documenti in Austria, negli Usa e in Germania deve essere riscritta da capo". Probabile che la risposta a queste domande stia nelle ricerche nucleari quasi certamente realizzate in questa immensa rete sotterranea, come testimoniato per esempio dalle spedizioni ferroviarie di materiale scientifico indirizzato direttamente al generale delle Ss Hans Kammler, l'architetto delle camere a gas dei lager nazisti, il responsabile delle "armi segrete" del Terzo Reich. Ebbene, il suo ultimo quartier generale si trovava qui, presso l'inferno sotterraneo di Gusen.

  • La Cassazione decide sulla madre di Loris a 5 anni dal delitto
    Notizie
    AGI

    La Cassazione decide sulla madre di Loris a 5 anni dal delitto

    Sarà una giornata cruciale, quella di giovedì prossimo, per Veronica Panarello, la donna accusata di aver ucciso nel 2014 il figlioletto di 8 anni, Loris Stival. La prima sezione penale della Cassazione, il 21 novembre, è chiamata infatti a decidere se confermare o meno la condanna a 30 anni di reclusione inflitta all'imputata dalla Corte d'assise d'appello di Catania nell'estate dello scorso anno. Una pena pesante, disposta già in primo grado dal gup di Ragusa, contro la quale Veronica Panarello si è sempre battuta e continua a farlo con il ricorso depositato nei mesi scorsi al 'Palazzaccio' dalla sua difesa: dieci punti in cui si rileva "l'illogicità" della sentenza di secondo grado, a partire dalla ricostruzione del delitto.I fatti risalgono al 29 novembre 2014, quando Veronica Panarello denunciò la scomparsa del figlio Loris a Santa Croce Camerina, in provincia di Ragusa: il cadavere del bambino venne ritrovato quello stesso pomeriggio, in un canalone del Vecchio Mulino. L'8 dicembre successivo, la donna venne sottoposta a fermo, convalidato 4 giorni dopo dal gip che dispose la custodia in carcere. Il processo per Veronica Panarello ha avuto inizio, con rito abbreviato, il 20 giugno 2016: parti civili sono Davide Stival, ex marito dell'imputata e papà di Loris, e i suoi genitori Pinuccia Aprile e Andrea Stival.La prima sentenza risale al 17 ottobre dello stesso anno, con una condanna a 30 anni per omicidio e occultamento di cadavere pronunciata dal gup di Ragusa, confermata in secondo grado nel luglio 2018 a Catania: per la Corte d'assise d'appello, Panarello ha agito "scientemente e lucidamente, senza esitazioni di sorta, per sopprimere quella giovanissima vita da lei generata, ma ha altresì dimostrato l'assenza di qualsivoglia forma di resipiscenza subito dopo la commissione dell'orribile crimine, omettendo di attivarsi in qualche modo per salvare il figlio che era ancora in fase agonica, chiamando i soccorsi o invocando l'aiuto di altre persone a tal fine".La donna, scrivevano i giudici etnei nelle motivazioni della loro sentenza, "si è invece adoperata senza alcuna 'pietas' secondo il piano poco prima prestabilito per cercare di eliminare le tracce del delitto con l'occultamento del cadavere di Loris e addirittura simulando una violenza sessuale ai danni del bambino da parte di ignoti per depistare le indagini".Sono proprio queste conclusioni ad essere contestate nel ricorso in Cassazione, firmato dall'avvocato Francesco Villardita, difensore dell'imputata, tuttora reclusa nel carcere Le Vallette di Torino e per la quale il gup di Catania ha anche disposto recentemente il rinvio a giudizio per calunnia ai danni del suocero Andrea Stival, da lei chiamato in correità. Se i giudici della Suprema Corte confermeranno la sentenza d'appello, verrà scritta la parola 'fine' nel processo per la tragica morte del piccolo Loris; in caso contrario, se la Cassazione accoglierà i rilievi contenuti nel ricorso della donna, gli atti torneranno all'attenzione della Corte d'assise d'appello di Catania, per un nuovo processo.

  • L'appello di Renzi per scongiurare le elezioni anticipate
    Notizie
    Yahoo Notizie

    L'appello di Renzi per scongiurare le elezioni anticipate

    Il leader di Italia Viva, tornando a parlare del governo Conte, lancia l'allarme per scongiurare le elezioni anticipate.