È bufera social su Esselunga: accusata di offendere la comunità LGBTQIA+. Ecco cosa è successo davvero

Nella giornata d’inizio del Pride Month, il mese dedicato all’orgoglio pride e alla lotta alle discriminazioni nei confronti della comunità LGBTQIA+, il noto supermercato Esselunga è stato colpito da una vera e propria bufera social.

A scatenarla è stata una trovata pubblicitaria della società di grande distribuzione organizzata che non ha incontrato il gusto di alcuni utenti di Twitter, suggestionati da un primo post di denuncia.

Secondo quanto sostenuto dai detrattori del marketing di Esselunga, la pubblicità del finocchio ‘vestito’ da Pinocchio è lesiva e offensiva per le persone omossessuali. La polemica imperversa da ore ma solo in pochi si sono accorti di un dettaglio importante: a lanciare il sasso per poi nascondere la mano è stata una pagina ironica e dunque, nessuna ‘denuncia’, solo l’occasione di farsi una grossa risata.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli