È morto Andrea Cozzani, il poliziotto di La Spezia: aveva 52 anni

andrea cozzani morto

Il 22 febbraio scorso Andrea Cozzani aveva accusato un malore durante un’operazione di controllo e bonifica in vista della visita del Papa e da quel momento era stato ricoverato all’ospedale di Bari. Purtroppo, però, le sue condizioni non sono migliorate. Andrea Cozzani è morto a Bari: il poliziotto di La Spezia aveva 52 anni. Lascia un figlio di 22 anni, il fratello e la compagna, e i suoi anziani genitori.

Andrea Cozzani è morto

Stava organizzando un’operazione di controllo e bonifica per accogliere il Papa nel capoluogo pugliese: era il 22 febbraio 2020. Andrea Cozzano ha accusato un malore improvviso ed è stato ricoverato all’ospedale di Bari, dove è morto qualche settimana dopo. Dapprima ricoverato in terapia intensiva del reparto di neurochirurgia, le sue condizioni sono apparse subito serie. Il 3 marzo scorso il poliziotto si è aggravato, fino al decesso.

Tutti lo ricordano come il poliziotto “eroe” di La Spezia, ma Andrea era anche un sommozzatore in servizio presso il Centro Nautico e Sommozzatori della Spezia, nonché assistente capo coordinatore della polizia di stato.

Andrea è nato a La Spezia nel 1967 e nel 1988 ha fatto il suo esordio nella Polizia come istruttore e docente. In seguito aveva aiutato la popolazione in occasione delle esondazioni dei fiumi Magra e Vara alla Spezia nel 2005 e durante l’alluvione del 2011. Aveva preso parte anche alle ricerche dei dispersi all’Isola del Giglio, dopo il naufragio della Costa Concordia. Andrea potrebbe ricevere anche un encomio per aver ritrovato il corpo di Marco Boni nelle acqua del Lago di Garda: era il 5 marzo 2018.