È morto Danny Aiello, attore amato da Sergio Leone e Spike Lee

HuffPost

L’attore Danny Aiello è morto ieri in una struttura medica del New Jersey a seguito di una malattia improvvisa. Aveva 86 anni. I ruoli in ‘Padrino Parte II’, ‘Stregata dalla Luna’ e ‘Fa’ la cosa giusta” lo hanno reso uno dei volti più familiari e ammirati del cinema americano degli ultimi decenni, 

La notizia della sua morte è stata segnalata dal sito di gossip Tmz (che ha attribuito la sua morte a un’infezione) e poi da Fox News, che ha riportato la conferma della morte da parte del suo agente letterario.

La svolta cinematografica di Aiello è arrivata nel 1973 con un ruolo di supporto nel film drammatico di baseball ‘Batte il tamburo lentamente’ con Robert De Niro. L’anno successivo interpretò il mafioso Tony Rosato ne ‘Il padrino parte II’. La sua interpretazione più celebre è probabilmente quella del pizzaiolo italoamericano Sal nel film di Spike Lee, “Fa’ la cosa giusta”, per il quale fu nominato ai Premi Oscar 1990 come miglior attore non protagonista, ma lo si ricorda anche per l’interpretazione del capitano di polizia Vincent Aiello nel capolavoro di Sergio Leone ‘C’era una volta in Americà (1984) e per il ruolo di Monk ne ‘La rosa purpurea del Cairo’ di Woody Allen, del 1985.

Continua a leggere su HuffPost