È morto Francesco Saverio Borrelli, ex capo del pool Mani Pulite

francesco saverio borrelli morto

Il magistrato Francesco Saverio Borrelli è morto a Milano, all’hospice dell’istituto Tumori di Milano, dove era ricoverato. Era nato a Napoli il 12 aprile 1930 e il suo nome è legato fortemente al pool Mani Pulite. Era entrato in magistratura nel 1955 e quasi tutta la sua carriera si è svolta nelle aule del Tribunale di Milano. Fino all’ultimo respiro gli sono stati accanto la moglie, Maria Laura, e i figli Andrea e Federica. Proprio quest’ultima, ha scritto un post su Facebook che faceva presagire la dipartita del magistrato.

E’ morto Francesco Saverio Borrelli

Dopo la carriera da magistrato, Borrelli era stato a capo dell’ufficio indagini della Figc nel 2006, nominato dopo lo scandalo che aveva travolto il mondo del calcio. Nel 2007 era poi stato anche eletto presidente del Conservatorio di Milano. E’ celebre il suo discorso alla Corte d’Appello nel 2002: “Resistere, resistere, resistere, come sulla linea del Piave”.

Le parole della figlia

Federica, la figlia del magistrato, aveva scritto su Facebook: “Ti tengo la mano e insieme alle lacrime che non ho il pudore di nascondere, scorrono i mille ricordi di quanto vissuto con te. Mi vedo seduta sulla canna della tua bicicletta azzurra, sento ancora il freddo dell’acciaio sulle mie gambe infantili, vedo le mie mani grassocce che stringono il manubrio, come mi dicevi tu, per non cadere e non sbilanciarci. Ricordo le prime versioni di latino tradotte insieme, ricordo il tuo regalo di maturità, i litigi, le sgridate, l’ultima pochi giorni prima del matrimonio. Quando mi sono ammalata mi hai portato in giro per capire cos’era questa maledetta malattia. Mi mancano il tuo arguto senso critico, che si parlasse di filosofia, letteratura, musica, storia e arte. Mi manca il suono del tuo pianoforte. Papà vorrei averti potuto dare tutto quello che mi hai dato, per sempre”.