È morto il filosofo Escohotado, è stato un sostenitore delle droghe libere

·1 minuto per la lettura

AGI - È morto a Ibiza all'età di 80 anni il filosofo e saggista madrileno Antonio Escohotado, sostenitore della legalizzazione delle droghe, autore di "Historia general de las drogas" e "Los enemigos del comercio". Lo ha riferito la famiglia su Twitter. "Riposo in pace circondato dalla mia famiglia", si legge nel messaggio pubblicato sull'account a nome del pensatore, che viveva nell'isola delle Baleari ed era malato di cancro.

Escohotado si era trasferito nella sua casa di Ibiza mesi fa per trascorrere i suoi ultimi giorni, come lui stesso aveva commentato. Sabato pomeriggio le sue condizioni si sono aggravate ed è stato ricoverato al Policlinico Nuestra Senora del Rosario. È morto stamani intorno alle 7:30.

Sociologo, saggista e filosofo, Escohotado è stato professore di Filosofia del diritto e Sociologia presso la Facoltà di Scienze Politiche e Sociologia fino al suo ritiro nel 2013, e come scrittore ha pubblicato una ventina di opere su vari argomenti, dalla storia del consumo dalle droghe all'evoluzione del comunismo o della morale e degli usi sessuali. Traduttore di grandi intellettuali come Newton, Hobbes o Bakunin, ha raggiunto notorietà per la sua posizione antiproibizionista sul consumo di droga.



Zec

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli