È morto Kenny Rogers, icona della musica country: aveva 81 anni

kenny rogers morto

La famiglia del grande artista, nonché icona della musica country, Kenny Rogers ha annunciato la sua scomparsa su Twitter: è morto all’età di 81 anni. “Rogers si è spento serenamente a casa sua per cause naturali – scrivono sui social -, tra le cure mediche e circondato dall’affetto dei suoi”. A causa dell’emergenza coronavirus che ha investito anche l’America, i funerali si terranno i forma strettamente privata. Tuttavia, la famiglia ha annunciato che provvederà all’organizzazione di una commemorazione pubblica per salutare Kenny.

È morto Kenny Rogers

“Kenny Rogers – scrivono i familiari – è morto ieri sera (venerdì 20 marzo 2020) alle 22:25 all’età di 81 anni. Rogers è morto pacificamente a casa per cause naturali sotto la cura dell’ospizio e circondato dalla sua famiglia”. I funerali per il grande artista di musica country si svolgeranno in forma privata a causa dell’emergenza coronavirus.

Biografia

Kenny Rogers è nato in Texas e aveva iniziato la sua carriera musicale con i New Christy Minstrels per poi entrare nel mondo della musica anche come solista. Ha vinto tre Grammy molti dei suoi successi (The Gambler del 1978, Lucille e Islands in the Stream) sono finiti al top delle classifiche americane e internazionali.

Kenny Rogers, però, è ricordato anche per canzoni come Lady e Just dropped in (To see what condition my condition was in), che è divenuta anche colonna sonora del film dei fratelli Coen, Il grande Lebowski. Oltre alla carriera musicale, infine, Rogers è stato anche attore e showman, nonché proprietario di una catena di ristoranti in franchising, la Kenny Rogers Roasters.