È morto Pietro Anastasi: ex calciatore di Juventus, Inter e Nazionale

pietro-anastasi-morto

È morto all’età di 71 anni l’ex calciatore Pietro Anastasi, storico centravanti della Juventus a cavallo degli anni ’60 e ’70 e successivamente giocatore anche dell’Inter e della Nazionale italiana. Anastasi è deceduto nella sua Catania, dov’era nato il 7 aprile del 1948, a seguito di un tumore che o aveva colpito nel 2018. Con la Vecchia Signora, Anastasi vinse nel corso della carriera ben tre campionati italiani, mentre con l’Inter si aggiudicò la Coppa Italia del 1978. Durante la militanza nella Nazionale maggiore riuscì a vincere il Campionato Europeo del 1968, l’unico fino ad ora ad essere stato vinto dall’Italia.

Morto Pietro Anastasi

Nato a Catania da una famiglia di estrazione operaia, Anastasi mosse i primi passi calcistici nella Massiminiana, dove si fece notare fin da subito per le sue doti di attaccante. Nel 1966 si trasferì a Varese dove venne ingaggiato dalla squadra locale all’epoca militante in Serie B ma prossima alla promozione in Serie A, che avviene nel 1967. In quest’ultima stagione Anastasi si mise in luce segnando 11 reti su 29 presenze e contribuendo grandemente alla settima posizione del Varese in classifica a fine campionato.

Acquistato dalla Juventus nel 1968 per 650 milioni di lire, Anastasi divenne ben presto una colonna portante dei bianconeri assieme alla cosiddetta “squadra meridionale” composta da nomi come Franco Causio, Antonello Cuccureddu, Giuseppe Furino e Silvio Longobucco. In quegli anni il bomber catanese segnò 78 reti su 205 presenze, prima di passare all’Inter nel 1976. Conclusa la sua carriera da calciatore a Lugano nel 1982, Anastasi tentò in seguito l’esperienza come allenatore con le giovanili del Varese per poi diventare commentatore televisivo per Telepiù e per Telelombardia.