È morto Tomaso Cavanna, brand entertainment del Jova Beach Party

tomaso cavanna

Tomaso Cavanna era un nome molto conosciuto negli ambienti musicali italiani: è morto qualche giorno prima del suo 45esimo compleanno. Era un produttore, un creativo e un imprenditore: il suo ultimo impegno è stato il Jova Beach Party. Tomaso era il fondatore dell’agenzia Opossum e curava il brand entertainment del Jova Beach Tour. La sua carriera era partita da Milano, dove ha lavorato in alcune società discografiche per poi trasferirsi al mondo dell’imprenditoria. Veneziano di origini, ma Milanese di professione: la sua prima azienda, fondata proprio nel capoluogo lombardo, si chiamava ‘Punk for business’. L’ultima, invece, fu ‘Opossum Agency’. “La mia famiglia mi ha cresciuto con la musica sempre accesa – raccontava Tomaso Cavanna durante un’intervista – e mi ha trasmesso questa enorme passione che ho potuto trasformare in parte integrante del mio lavoro realizzando il mio sogno di produrre eventi per spettacolarizzare i brand grazie alla contaminazione di musica, arte e cultura”.

tommaso cavanna

Tomaso Cavanna, morto a 45 anni

Una carriera in ascesa quella di Tomaso Cavanna che è morto oggi, mercoledì 28 agosto, a soli 45 anni, con ancora mille idee da realizzare nella sua testa. L’imprenditore aveva iniziato la sua carriera negli ambienti musicali di Milano. Tra i primi concerti si sono quelli di Kasabian e Subsonica in piazza Duomo dove aveva lanciato i format di Market Sound e Radio City. Dopo la fondazione di alcune aziende e una lunga esperienza nel settore, Cavanna era arrivato ad essere brand entertainment del Jova Beach Tour. Una delle ultime foto pubblicate su Instagram, infatti, lo ritrae in compagnia di Jovanotti. Lo scatto è dell’11 luglio scorso. Nel 2017, inoltre, era stato insignito del premio “best event award”.

Il cordoglio

Tantissimi i messaggi in ricordo dell’imprenditore scomparso a 45 anni: da Saturnino a Francesca Valiani e Dalia Gaberscik. Pubblicando quello scatto, dal Jova Beach Party, alcuni scrivono: “Domani sarebbe stato il tuo compleanno e sicuramente lo avresti passato con noi…Sotto il palco ad emozionarti con la musica di Lorenzo Jova. I tuoi “piccoli Opossum” come ti piaceva definirci saranno lì a portare a termine quel lavoro che tu amavi alla follia e che hai sempre fatto con orgoglio e una passione da fare invidia al mondo intero. Saremo sorridenti come hai sempre voluto“.