È stato ritrovato cadavere nel Brenta il quindicenne che nei messaggi diceva di essere in pericolo

·1 minuto per la lettura
vigili del fuoco

AGI - Il corpo di una persona senza vita è stato ritrovato questa mattina nel fiume Brenta. Fonti investigative confermano all'AGI che si tratta di Ahmed Jouider, il 15enne scomparso da casa giovedì scorso e per il quale da giorni polizia e vigili del fuoco stanno scandagliando l'intero territorio padovano.

In mattinata erano riprese le ricerche nell'area a seguito del ritrovamento del cellulare del ragazzo scomparso, nei pressi di un ponte pedonale sul fiume.

#Padova #26aprile, concluse in tarda mattinata le ricerche del 15enne disperso da giovedì scorso nel padovano: individuato e recuperato il corpo purtroppo senza vita dai sommozzatori dei #vigilidelfuoco nelle acque del Brenta all'altezza del comune di Cadoneghe pic.twitter.com/eAhMcjlXvM

— Vigili del Fuoco (@emergenzavvf) April 26, 2022

Saranno solo gli accertamenti del medico legale e l'autopsia che quasi sicuramente sarà disposta, a chiarire le regioni della morte di Ahmed Jouider.

Di certo per il momento ci sono gli inquietanti messaggi audio inviati dal giovane alla fidanzata prima di sparire. Messaggi in cui spiegava che aveva "delle questioni in sospeso con alcune persone".

"Penso che morirò - aveva aggiunto nel messaggio audio - penso di sì, o se non muoio avrò delle ferite gravi".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli