+

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Palermo, 21 mag. (Adnkronos) – "La Meloni smentisce l'incontro a scuola previsto per martedì prossimo? Che dire? Che toppa è peggio del buco… Io, per lavoro, sono sempre invitata a convegni e in tutti questi anni non mi è mai capitato di essere stata scritta tra i relatori a mia insaputa. Non mi è mai successo". A parlare con l'Adnkronos è Dinah Caminiti, la madre di un ragazzo egiziano di 17 anni, studente dell'Istituto Economico Jaci di Messina, che ha sollevato oggi la polemica sulla presenza della leader di Fratelli d'Italia presso la scuola in un incontro on line. Insieme con la deputata Carmela Bucalo, responsabile scuola di FdI.

"E' ancora più grave il volerci prendere in giro – dice ancora Dinah Caminiti – stanno cercando di coprire una falla e lo stanno facendo in modo più grossolano possibile. Continuano a usare l'intellgenza collettiva a uso e consumo loro. E' vergognoso che la Bucalo dica che non ne sapesse niente e pure la Meloni. Cos' come è vergognoso che la scuola non risponda. E' veramente grave, anche perché cosa mi fa pensare? Che anche l'attività formativa dei ragazzi venga scelta in maniera superficiale? Un collegio docente decide che verrà Meloni?".

E poi aggiunge: "La cosa più bella di tutta questa vicenda è che mio figlio affidatario oggi ci ha detto 'Sono fiero di voi', a me e al mio compagno. La cosa più importante di tutte". "Al di là della storia personale di mio figlio – sottolinea – lo avrei fatto anche se fosse stato un figlio biologico cresciuto a casa in Italia e che si trovava in questa situazione".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli