La nuova tendenza tra i turisti? Farsi fotografare, nudi, davanti ai monumenti

In vacanza, si sa, si compiono spesso follie, ma quella che sta impazzando recentemente grazie ai social network è senza dubbio fuori da ogni immaginazione. Decine di persone stanno infatti condividendo tramite Instagram fotografie che li immortalano completamente nudi di fronte ad alcune delle mete turistiche più note al mondo, come le piramidi d’Egitto, il tempio Angkor Wat o il Machu Picchu.

Si tratta, ovviamente, di una pratica non consentita, che sta facendo letteralmente impazzire le autorità che presiedono questi luoghi. I quali ricorrono però immediatamente a sanzioni, immediato allontanamento e addirittura a divieti di proseguire la propria visita in un determinato paese.

 

Naked

Dopo uno scatto “nature” ad Angkor Wat, l'antica  complesso archeologico a Siem Reap, in Cambogia, i funzionari hanno deciso di tradurre il codice di comportamento dei visitatori in più lingue, appendendolo all'ingresso dei templi a partire dal mese di luglio. Sperano così di limitare incidenti come quello che si è verificato all'inizio del mese, quando 3 turisti sono stati arrestati dopo aver scattato delle foto dei loro fondoschiena nudi davanti ai templi.

Due uomini - un italiano e un argentino - sono stati poi catturati, letteralmente con i pantaloni abbassati, insieme a una terza persona, una donna olandese. È probabile che il trio riceverà lo stesso trattamento degli altri che sono stati condannati per aver violato il codice, che recita: "Ogni atto di saccheggio, rompere o danneggiare i templi di Angkor, o esporre organi sessuali e nudità nell’area pubblica è un reato punito dalla legge".

Nel mese di febbraio, due sorelle americane sono stati giudicate colpevoli di aver infranto il codice dei visitatori a Preah Khan. Lindsey e Leslie Adams, da Prescott, Arizona, hanno abbassato i loro pantaloni fino alle ginocchia e scattato delle immagini dei loro glutei, sotto gli occhi stupidi di un funzionario della polizia locale. Le donne hanno ricevuto una multa da 1 milione di Riel (circa 245 dollari), sono state espulse dal paese, con il divieto di rientrare in Cambogia per 4 anni.



Nella stessa area, nel gennaio 2015, inoltre, 3 francesi si sono denudati di fronte a uno dei templi buddisti. Anche loro, hanno ricevuto multe, l’espulsione e il divieto di quattro anni; in più la loro attrezzatura fotografica è stata confiscata.

Segnali a Machu Picchu chiedono ora anche i turisti di rispettare il patrimonio mondiale dell'UNESCO, spiegando che la rimozione vestiti è un “crimine contro la cultura”. Queste avvertenze sono state redatte a seguito di una serie di immagini di nudo scattate sul luogo.  Nel 2014 diversi gruppi di turisti - americani, australiani e canadesi - hanno usato i loro iPhone e una videocamera per documentare le loro imprese in costume adamitico sul Machu Picchu. Amichay Rab, una donna israeliana, ha posato nuda su una delle antiche rocce, e ha postato lo scatto (insieme ad altri realizzati in tutto il Centro e Sud America) sul suo blog, “Il mio viaggio nudo”.

Vi è poi chi, come Paul Marshall, ha una pagina Facebook e un account Twitter intitolati “Naked at Monuments”, dove documenta la sua e le altrui missioni, nelle quali si spoglia e si fa fotografare nudo in luoghi di interesse storico. Marshall ha elencato il Machu Picchu come il numero 3 tra i "primi sette monumenti storici dove mettersi a nudo”. Altri obiettivi ideali sono la Basilica di Santa Sofia, a Istanbul, la Grande Muraglia Cinese e le Piramidi di Giza, in Egitto.

Proprio a Giza, circa un mese fa, l’attrice porno Carmen De Luz ha  scattato e postato su Instagram una foto di se stessa in perizoma in cima a un cammello, con le piramidi sullo sfondo. Anche se non si tratta tecnicamente nudo, la foto ha mandato letteralmente in subbuglio il Ministero di Stato per le Antichità. Ma le cose sono andate ben oltre la nudità di Giza. Sono stati ritrovati infatti almeno due video porno girati di fronte alle piramidi quest'anno: uno mostra una coppia russa che fa sesso nell’area della Necropoli di Giza.





VIDEO - Perù e Messico, tutti nudi o con i tacchi alti in bicicletta