10 festival estivi italiani che vale la pena di vedere

Perché andare all'estero quando l'Italia ha una offerta accattivante per tutto lo stivale e, in molti casi, anche rispettando i budget più disastrati? Ce lo chiediamo anche noi: se anche voi sentendo la temperatura alzarsi e il clima migliorare e si accresce la vostra voglia di musica dal vivo e di staccare qualche giorno dal tran tran lavorativo, ma senza allontanarvi tanto da casa, abbiamo da consigliarvi un bel po’ di festival. Che metteranno d’accordo anche famiglia e amici che vorranno seguirvi.


Beaches brew festival (Ravenna 6-10 Giugno) http://www.beachesbrew.com/


Si svolge dal 6 al 10 giugno 2016 il festival organizzato a Marina di Ravenna da Bronson Produzioni e Belmont Bookings. Il Beaches Brew negli anni è stato il festival italiano che ha avuto la maggiore eco sulla stampa e i blog stranieri, come festival della stagione estiva da vedere. Tutta la programmazione è gratuita e prevede le esibizioni di ottimi artisti della scena indie come Ty Segall & The Muggers, che presentano l’album Emotional Mugger, i Goblin di Claudio Simonetti che suoneranno le musiche di Profondo Rosso di Dario Argento, i Suuns, Ata Kak, Car Seat Headrest, Cate Le Bon, Royal Headache, Girls Names, Ninos Du Brasil, Adrian Crowley, Destroyer, Follakzoid, White Fence, Audacity, The Abigails, Beak>, Liima, Ryley Walker, Dj Fitz & Wooden Wisdom, Dollkraut, Go Dugong e Dirty Fences. Nel programma anche i dj set curati da Red Light Radio e molti momenti di relax sulla spiaggia.




Home festival (Treviso: 1-4 settembre)  http://www.homefestival.eu/ 


Da quando l'Italia è orfana dell'Heineken Jammin Festival mancava un festival “grande” a rappresentare il nostro Paese. La lineup spazia tra italiani e stranieri e prevede fino ad adesso le esibizioni di The Prodigy, Salmo, Editors, Max Gazzè, I Cani, Fred De Palma, Gemitaiz, Dardust, Pendulum dj set, Iosonouncane ed Enter Shikari. Si spazia quindi dal nazionalpopolare ad artisti apprezzati nei circuiti indipendenti con un'ottima formula bilanciata. Gli abbonamenti costano 60 euro per tutte le giornate, per i singoli giorni invece il costo è di 18 euro.



TOdays festival (Torino: 26-28 agosto) http://www.todaysfestival.com/ 


Un festival in città. Ne esistono altri, è vero, ma non così collegati bene ad un contesto. Non in una unica location ma sparso in suggestive o note location torinesi come il mitico Spazio211 e all’Ex fabbrica INCET troviamo invece il TOdays festival, che si svolge alla fine di Agosto.  I nomi in lineup ad oggi sono Soulwax, John Carpenter, I cani, M83,  GOAT, Local Natives, Crystal Fighters e Brian Jonestown Massacre. I Biglietti anche qui partono da 20 euro.



Unaltrofestival (Milano, 1-2 settembre)  http://www.comcerto.it/festival/unaltrofestival 


Altra formula in centro città che è vincente: da quattro anni si ripete al Circolo Magnolia (dopo aver visto avvicendarsi sul suo palco artisti come Hozier, Of Monster and a Man, MGMT e tanti altri), dove per due giornate si può avere una vera e propria oasi di musica. In lineup: Daughter, Edward Sharpe & The Magnetic Zeros, Editors,The Strumbellas e altri da annunciare.Abbonamenti da 56 euro, prezzi delle singole giornate a 30/35 euro.



Ypsigrock Festival (Castelbuono, 4-7 agosto) http://www.ypsigrock.com/  

Il festival più longevo: da oltre un decennio persiste nel panorama italiano e ogni anno va migliorandosi portando artisti che normalmente non vengono nel Belpaese: ma arrivano in Sicilia ad Agosto, dove il borgo di Castelbuono ospita e diventa un tuttuno con questo festival, le cui invenzioni organizzative sono poi state adottata anche altrove. La lineup è davvero esclusiva: oltre alle performance di Crystal Castels, The Vaccines, Daughter, Kiasmos e Savage vi segnaliamo sia i Minor Victories nell’unica data italiana, Georgia al debutto italico e Oscar che già viene segnalato come il fenomeno del cantautorato indipendente UK. Abbonamenti disponibili sui sito a 73 euro, biglietti giornalieri a 38 euro.


A Night Like This (Chiaverano, 15-16 luglio)  http://anightlikethisfestival.com/ 


Non è l'unico festival in Piemonte, ma noi abbiamo scelto A Night Like This proprio perché ha una lineup diversa e piuttosto compatta (due giorni) rispetto alla “concorrenza”. Grazie a una campagna di crowfounding le giornate in questa edizione sono due: 20 band su 5 palchi in 3 diverse location. Oltre ai The Temper Trap, Samaris e Jacco Gardner c’è un plotone di italiani apprezzatissimi anche all’estero: in primis Be Forest e Ninos du Brasil. Prezzi ragionevolissimi, e potete investire il surplus che vi rimane nel locale mercatino a km zero, visto due giorni di abbonamento costano 13 euro.



AMA festival (Asolo: 23-28 Agosto)  http://www.amafestival.it/ 


Il debuttante dell'anno: quindi perché non provarlo? Anche perché potete abbinarci una bella gita ad Asolo e i suoi dintorni, visto che non è proprio la settimana in cui dovreste -almeno ve lo auguriamo- stare in città al lavoro ma è un po’ troppo mainstream rimanere ancora al mare. Lineup ancora da completare, ma i nomi interessanti ci sono già. Tra questi non solo i pezzi da 90 come Foals e i redivivi Kula Shakers: Motta, Calcutta, Ex Otago, Verano, Giungla Tre Allegri Ragazzi Morti  Cosmo, The Neighbourhood, Gazebo Penguins e altri sono già della partita. Abbonamento per sei giorni a partire da 42 euro.



Siren festival (Vasto, 21-24 Luglio) http://sirenfest.com/


Probabilmente vince a mani basse se amate il mare e il buon cibo: l'anno scorso il Siren Festival si è fatto ben conoscere anche con gli stranieri per la sua micidiale killer combo di golfo adriatico, arrosticini e ottima musica. In questo 2016 ci riprova già con successo visti i nomi: Editors, The Notwist, I cani, Adam Green, Calcutta, e molti altri. Oltre ai concerti a pagamento c’è anche un free stage, con i primi nomi annunciati di Cosmo e Motta. I prezzi comunque sono di 40 euro per i biglietti giornalieri e 60 per l’abbonamento di due giorni.


Lars Rock Festival (8-9 luglio, Chiusi Scalo) http://larsrockfest.blogspot.it/

Pici all'aglione uber alles. Sarà che chi vi scrive è cresciuta a pochi chilometri da lì, ma è una follia non consigliarvi un weekend a Chiusi e dintorni: cazzeggiare amabilmente al lago durante il giorno, e poi la sera guardare il concerto gratuito degli Wire o dei Suuns. Approfondire le vostre conoscenze sugli Etruschi tra musei e tombe dipinte e poi la sera ascoltare nei giardinetti gli olandesi zZz, o gli italiani Brothers In Law e la bravissima Giungla. Due giorni a totale costo zero per quanto riguarda i biglietti di ingresso, con dj set dopo i concerti.


Live Rock Festival (acquaviva 7-11 settembre) http://www.liverockfestival.it/ 

 
Come una festa della birra può evolvere e migliorare: negli anni il Collettivo Piranha, organizzatori dell'evento, stanno mantenendo standard qualitativi altissimi per una rassegna del tutto gratuita in una delle zone più belle e facilmente raggungibili d'Italia.Lineup ancora da terminare, ma che per ora vede i Nothing but Thieves, Digitalism, Salmo, Brunori e Benvegnù. E anche qui è un'ottima scusa per un weekend in Toscana, dato che non pagando il biglietto del concerto potete spendere tutto (o quasi) in food e drink nella zona di Montepulciano, dove non è che si mangi propriamente male eh!

Usando Yahoo accetti che Yahoo e i suoi partners utilizzino cookies per fini di personalizzazione e altre finalità