100 anni di Cagliari #47: Gaetano Vasari, l'imprevedibilità del tornante siciliano

Marco Deiana

Chent'annos. Cento anni di ​Cagliari e cento racconti sul club rossoblù. I calciatori, allenatori, dirigenti e presidenti ma anche eventi e curiosità che hanno fatto la storia della società isolana. Un viaggio nel cuore della squadra che rappresenta un'intera regione per cento giorni, fino al 30 maggio 2020, giorno del Centenario rossoblù.

Da un'isola all'altra


Dopo aver girato mezza Sicilia a caccia di un ingaggio degno di nota, si stabilizza nella sua Palermo ma la sua avventura con i rosanero dura appena due anni. A 27 anni (non ancora compiuti) arriva la grande chance: nell'estate '97 arriva la chiamata del Cagliari che sta costruendo la squadra per tentare il salto dalla Serie B alla Serie A. 


Gaetano Vasari diventa subito un elemento di spicco della formazione rossoblù: nella prima stagione colleziona 36 presenze con il Cagliari ed è tra i protagonisti della promozione in Serie A dei sardi. Nella stagione successiva è ancora titolare: a 28 anni esordisce nella massima serie italiana e chiude l'annata con 33 presenze e la salvezza del club isolano.

La trasformazione tattica


Nasce come seconda punta, diventa un esterno offensivo al Trapani nel '93 e viene poi trasformato in laterale a tutto campo nel 3-5-2 di Gian Piero Ventura a Cagliari. Lo stesso tecnico italiano dopo l'esperienza in terra sarda, decide di portarselo con sé nell'avventura a Genova, sponda blucerchiata.


Giocatore di corsa e velocità, oltre a ottime qualità tecniche. Con queste caratteristiche in Sardegna si consacra ad alti livelli.  Durante la sua permanenza in Sardegna, per via della sua imprevedibilità in campo e della sua statura (169 centimetri d'altezza) gli viene affibbiato il soprannome di Topolino, nomignolo che si porterà per tutta la sua carriera anche dopo aver lasciato l'isola.


Breve biografia di Gaetano Vasari


Gaetano Vasari (Palermo, 1° settembre 1970) è stato un calciatore del Cagliari per due stagioni, dal 1997 al 1999. Voluto fortemente da Gian Piero Ventura, è tra i protagonisti della promozione in Serie A nell'estate '98 e della salvezza ottenuta al termine della stagione 98-99, risultato il giocatore con più presenze nel corso della stagione. Durante la sua breve esperienza in terra sarda ha collezionato 76 presenze e 5 gol tra Serie A, Serie B e Coppa Italia.

Articolo e rubrica a cura di Marco Deiana

LEGGI ANCHE:


#1 - La storia di Daniele Conti

#2 - La storia di Manlio Scopigno

#3 - La storia di Roberto Muzzi

#4 - La storia di Fabian O'Neill

#5 - La storia di Alessio Scarpi

#6 - La storia di Massimiliano Allegri

#7 - La storia di Enzo Francescoli

#8 - La storia di David Suazo

#9 - La storia di Enrico Albertosi

#10 - La storia di Matteo Villa

#11 - La storia di Tonino Orrù

#12 - La storia di Gianfranco Matteoli

#13 - La storia di Davide Astori

#14 - La storia di Gigi Piras

#15 - La storia di Luis Oliveira

#16 - La storia di Gigi Riva

#17 - La storia di Francesco Pisano

#18 - La storia di Sergio Gori

#19 - La storia di Comunardo Niccolai

#20 - La storia di Mauro Esposito

#21 - La storia di Nené

#22 - La storia di Andrea Cossu

#23 - La storia di Giuseppe Tomasini

#24 - La storia di Oscar Washington Tabarez

#25 - La storia di Tommaso Giulini

#26 - La storia di Diego Lopez

#27 - La storia di Pierpaolo Bisoli

#28 - La storia di Carlo Mazzone