100 artisti per “Trame sonore”, dal 4 al 6 settembre a Mantova

·2 minuto per la lettura
100 artisti per “Trame sonore”, dal 4 al 6 settembre a Mantova
100 artisti per “Trame sonore”, dal 4 al 6 settembre a Mantova

Roma, 20 lug. (askanews) – Si terrà dal 4 al 6 settembre 2020 l’ottava edizione di “Trame Sonore – Mantova Chamber Music Festival”, un’edizione ridotta, ma ugualmente intensa del grande festival di musica da camera di Mantova, originariamente previsto dal 29 maggio al 2 giugno scorsi e rinviato a causa dell’emergenza sanitaria. Tre giorni di festa in musica, organizzati da Oficina Ocm con la direzione di Palazzo Ducale e il Comune di Mantova. Il direttore artistico, Carlo Fabiano:

“Avevamo forte la convinzione che non si dovesse saltare l’anno, fino a quando abbiamo dovuto comunque gettare la spugna e abbiamo detto ‘Trame Sonore non si cancella, ma si rinvia’ – ha ricordato nella conferenza stampa di presentazione trasmessa in streaming, sottolineando – secondo me non si poteva fermare una macchina come Trame Sonore, lo abbiamo fatto per i musicisti, credetemi non c’è categoria che non sia stata, come il mondo della cultura e dello spettacolo dal vivo, così pesantamente colpita come la categoria dei musicisti; lo abbiamo fatto per la città, perché questa città merita dei grandi progetti”.

E se negli anni precedenti Trame Sonore vantava una media di 350 artisti internazionali con oltre 200 eventi, l’ottava edizione vedrà, nonostante la situazione sanitaria, più di 100 musicisti da tutto il mondo e oltre 100 concerti. Tra questi: la star del piano Alexander Lonquich, Alfred Brendel, icona del pianismo odierno, rispettivamente Artista in residenza e Ospite d’onore.

L’Orchestra da Camera di Mantova, cuore pulsante del festival, sarà protagonista nelle serate inaugurale e conclusiva, oltre che per tramite dei numerosi gruppi da camera cui danno vita i suoi musicisti. Tra i nomi di punta della scena internazionale che approderanno a Mantova il tenore inglese Mark Padmore, il Settimino dei Berliner Philharmoniker, i quartetti Hermes e Prometeo, il soprano Gemma Bertagnolli, i pianisti Gloria Campaner, Gabriele Carcano e Nicholas Rimmer, il poeta e scrittore Roberto Piumini. Come naturale, quest’anno, la trama principale del festival sarà dedicata a Beethoven, nei 250 anni della nascita del compositore.

Trame Sonore continuerà a vivere di un mix di eventi a pagamento e gratuiti. Da sempre il festival concatena i concerti – brevi e informali, con gli artisti invitati a dialogare col pubblico – in percorsi d’ascolto. L’edizione 2020 terrà fede all’impostazione di fondo e, anzi, rilancerà l’idea di un progetto che interseca armoniosamente temi, luoghi d’arte e immortali capolavori del repertorio cameristico.

La biglietteria imposta una strategia volta a garantire l’inclusività a dispetto delle piccole capienze: abbonamenti differenziati (per contenuti, numero di concerti, costi) e biglietti singoli saranno creativamente bilanciati per rendere l’accesso possibile al maggior numero di appassionati e curiosi. Da martedì 21 luglio via alle prevendite, con precedenza ai sottoscrittori di abbonamento. Per i biglietti bisognerà attendere il 17 agosto.