11 settembre, Fontana: ha segnato coscienza di nostra generazione

Red-Mch

Milano, 11 set. (askanews) - "Sono ormai trascorsi 18 anni da quell'11 Settembre del 2001, un evento che ancora oggi sembra impossibile. Io ero presidente del Consiglio regionale e stavo presiedendo, quando arrivarono le prime notizie di un aereo che si era schiantato contro una delle Torri Gemelle". Lo scrive su Facebook il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, ricordando il giorno dell'attacco alle Torri Gemelle.

"Le notizie iniziarono a essere sempre più incalzanti e sempre più drammatiche, quando si ebbe la certezza che si era trattato di un atto terroristico interrompemmo il lavoro d'Aula e ci collegammo con le televisioni che mandavano le immagini in diretta. Fu uno shock perché per la prima volta ci rendemmo conto che c'era la possibilità, anche ai nostri giorni, di avere una guerra all'interno dei nostri Stati, combattuta in modo diverso e più vigliacco".

Per il governatore della Lombardia "un evento che ha segnato la coscienza della nostra generazione - ha concluso - e che si debba tenere sempre presente il monito che deriva da questo fatto. Ricordiamo con affetto le vittime, i loro parenti, e tutti coloro che hanno contribuito con atti di eroismo a cercare di ridurre i danni".