11 settembre: Renzi, 'memoria ma serve anche sguardo sul futuro'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 10 set (Adnkronos) – "Il ricordo dell'11 settembre non è semplicemente memoria, una memoria incisa nella carne viva di ciascuno cittadino del mondo. Deve diventare futuro, con uno sguardo sul domani che vede molte incognite e tanti affascinanti sfide". Lo ha detto Matteo Renzi nel ricordo al Senato dell'attacco alle torri gemelle.

"La nostra amicizia con gli Stati Uniti è la stella polare, senza gli Stati uniti saremmo la terza generazione del terzo Reich, saremmo meno libero e meno noi stessi -ha premesso il leader di Iv-. Ma l'idea di America first che Trump ha portato e che Biden pare seguire si ferma sulla sponda dell'Oceano, non si allarga, non è un punto di riferimento per tutti".

Per Renzi, "questo pone un tema per l'Europa" e non solo: "Io credo nel grande protagonismo della Nato, ma oggi è in una condizione di morte celebrale di cui parlava Macron", ha proseguito il senatore riferendosi anche alla questione Afghanistan: "La Cina che dovrà ripensare il proprio ruolo in quell'area, La Russia deve pensare ai prossimi 30 anni, il modo arabo con il mondo sunnita che dialoga, il rapporto con l'Iran".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli