14 pensieri negativi da scacciare se vuoi essere più felice

Nicole Pajer

Questo articolo è stato pubblicato su HuffPostUsa ed è stato tradotto da Milena Sanfilippo


Per quest'anno ti sei riproposto di condurre uno stile di vita più sano. Ciò significa, di solito, meno schifezze e più attività fisica. Ma cos'hai intenzione di fare per la salute mentale?

Gli esperti dicono che per iniziare bene bisogna combattere i pensieri tossici. Ogni giorno la nostra mente è attraversata da migliaia di pensieri. Ce ne sono alcuni che possono rivelarsi negativi e quindi dannosi per il nostro benessere. Anzi, le ricerche hanno evidenziato che i pensieri nocivi potrebbero essere collegati a disturbi fisici come la cardiopatia.

Ribaltare la situazione in modo da avere più pensieri positivi durante la giornata può fare miracoli per la mente e per la salute generale. Ecco i 14 pensieri tossici che gli esperti consigliano di scacciare per essere più felici:


1. Lo farò più tardi.

Metterti in pari con la tua serie Netflix preferita potrà anche sembrarti l'opzione più allettante quando hai un po' di tempo libero, ma rimandare le cose che devi fare ti causerà solo altro stress. La giusta motivazione, oltre a un nuovo assetto alla tua routine, ti aiuterà a tenerti alla larga dal desiderio di rimandare, come ha spiegato Lucas D. Saiter, psicoterapeuta di New York.

"Le liste sono un ottimo metodo per tenersi motivati, come dimostrano le ricerche", ha affermato. "Prefiggiti obiettivi raggiungibili, scrivili nero su bianco e poi rimboccati le maniche".


2. Pensieri catastrofici di qualsiasi tipo.

Non è detto che a una sfortuna ne debba seguire subito un'altra. Ma quando una cosa non va come vorremmo, lasciamo che la nostra mente scavi nel "lato oscuro".

"Quando pensiamo che una situazione si stia mettendo male, o immaginiamo che a un evento negativo ne seguiranno altri, non facciamo altro che aumentare il subbuglio emotivo", spiega Robyn Gold, psicoterapeuta presso una clinica di New York.

Per illustrare il modo in cui i pensieri...

Continua a leggere su HuffPost