I 157 studenti positivi bloccati a Malta tornano in Italia: charter finanziato dall’ente turismo

·1 minuto per la lettura
(Photo: Redazione TelenewsANSA)
(Photo: Redazione TelenewsANSA)

L’agenzia governativa per il turismo maltese (Mta) ha deciso di organizzare voli di rientro in patria per gli studenti d’inglese risultati positivi e posti in quarantena. Complessivamente a Malta sono oltre 500, di cui 157 italiani secondo i dati delle autorità maltesi. Il charter per i nostri connazionali dovrebbe partire entro la fine della settimana, probabilmente venerdì. La Mta, a quanto si apprende, stamani ha chiesto ai responsabili dei gruppi di studenti delle scuole d’inglese di compilare gli elenchi degli studenti posti in quarantena che vogliano anticipare il rientro raccogliendo anche il consenso delle famiglie.

La Mta sta predisponendo analoghi voli speciali per il rientro degli studenti positivi anche di Francia, Germania e Spagna. Stando a fonti governative, è escluso che iniziative analoghe possano essere organizzate per l’evacuazione dei turisti. Dal 14 luglio l’ingresso libero a Malta è consentito soltanto a chi presenti un certificato di vaccinazione completata da almeno 14 giorni (maltese, Green Pass europeo, britannico e, da lunedì scorso, è accettato anche quello degli Usa).

Chi non è vaccinato o ha avuto una sola dose, deve presentare test PCR negativo fatto nelle ultime 72 ore e sottoporsi a 14 giorni di quarantena obbligatoria in speciali Covid hotel al costo di almeno 1.400 euro per il solo soggiorno. Unica eccezione, per le persone che non possono ricevere la vaccinazione per gravidanza o per patologie.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli