18 persone positive dopo aver partecipato ad una festa in USA

Coronavirus festa compleanno Texas

Continuano ad aumentare i contagi da coronavirus negli Stati Uniti, complici anche le molteplici occasioni di assembramento come è avvenuto in Texas: una festa di compleanno a sorpresa è diventata infatti un nuovo focolaio dopo la conferma della positività di 18 partecipanti.

Coronavirus: focolaio a festa di compleanno in Texas

Alla celebrazione hanno preso parte 25 persone tra familiari e amici della festeggiata che, pur indossando le mascherine e adottando i protocolli di sicurezza previsti dal loro stato, si sono contagiati a vicenda. A distanza di qualche giorno dalla festa, durata un paio d’ore, sette partecipanti hanno iniziato a manifestare i sintomi dell’infezione. Tra i presenti c’era infatti un positivo che però, essendo asintomatico, non sapeva di esserlo.

Costoro, ignari fino alla comparsa di febbre e tosse di aver contratto il virus, lo hanno trasmesso ad altri dieci membri della famiglia tra cui due bambini piccoli e i nonni che sono finiti in ospedale. Altre persone dello stesso nucleo sono anch’essi ricoverati, alcuni anche nei reparti di terapia intensiva in condizioni che sarebbero gravi. “Quando le prime persone hanno iniziato ad ammalarsi, abbiamo temuto davvero che sarebbe toccato a tutta la famiglia“, ha spiegato uno dei familiari ad un’emittente locale.

Questo caso rappresenta lo specchio di ciò che sta avvenendo in Texas dove in due settimane il numero dei pazienti ricoverati con coronavirus è più che raddoppiato con quasi 11mila casi in soli due giorni. Una situazione che ha spinto il governatore Greg Abbott a interrompere il piano di riapertura per la fase due.