I 19 Stati che si sono impegnati sulla redistribuzione dei migranti

no credit

AGI - Sedici Stati Ue, più Norvegia, Svizzera e Liechtenstein, si impegnano ufficialmente ad attuare un "meccanismo di solidarietà volontario, semplice e prevedibile" per la gestione dei flussi migratori.

In una lettera firmata dai ministri di Belgio, Bulgaria, Cipro, Croazia, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Italia, Lituania, Lussemburgo, Malta, Paesi Bassi, Portogallo, Romania, Norvegia, Svizzera e Liechtenstein viene assicurato l'impegno ad "attuare un meccanismo di solidarietà volontario, semplice e prevedibile volto a fornire agli Stati membri più colpiti dai flussi migratori nel bacino del Mediterraneo e a quelli più sotto pressione, anche sulla rotta dell'Atlantico occidentale, assistenza adeguata alle loro esigenze da parte di altri Stati membri oltre al sostegno europeo, proponendo ricollocazioni (metodo privilegiato di solidarietà) e contributi finanziari".

In particolare, "le ricollocazioni devono applicarsi in via prioritaria agli Stati membri che affrontano gli sbarchi dei migranti a seguito di operazioni di ricerca e soccorso in mare sulla rotta del Mediterraneo occidentale e dell'Atlantico, nonché di altre situazioni per tenere conto dell'attuale situazione a Cipro o dei possibili sviluppi nelle isole greche".

Le delocalizzazioni - si legge - devono essere offerte in via prioritaria alle persone bisognose di protezione internazionale, a partire dai più vulnerabili. Inoltre, sarà definito un volume totale annuo di ricollocazione per garantire la prevedibilità del meccanismo e ogni Stato membro che contribuisce dovrebbe presentare un impegno di ricollocazione con un obiettivo indicativo di ricollocazione stabilito sulla base della sua popolazione e del suo Pil, pur mantenendo la possibilità di superare tale quota. Infine, chi non offrirà solidarietà con i ricollocamenti sarà tenuto a farlo con i finanziamenti.

"Ci impegniamo, quando uno Stato membro sceglie volontariamente di partecipare alla solidarietà collettiva non mediante ricollocazione ma mediante un contributo finanziario a uno Stato membro beneficiario o a progetti in Paesi terzi che possono avere un impatto diretto sui flussi frontalieri al di fuori dell'Ue".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli