2 italiani su 3 vogliono lockdown per i non vaccinati. Spaccatura sull'iniezione ai piccoli

·1 minuto per la lettura
(Photo: urbazon via Getty Images)
(Photo: urbazon via Getty Images)

Due italiani su tre sono favorevoli al lockdown per chi non è vaccinato contro il Covid-19. Il dato emerge dal sondaggio pubblicato da Alessandra Ghisleri su La Stampa. Dal report emerge invece una spaccatura dei cittadini sulla vaccinazione dei bimbi: d’accordo solo il 44,3%.

Tra coloro che sono stati vaccinati il 76,7% è favorevole oggi ad un lockdown esclusivo per i «non vaccinati». Il 51,1% degli italiani vaccinati è favorevole a vietare queste manifestazioni, mentre il 29,3% desidererebbe fossero limitate in aree ben definite delle città. A questo dobbiamo aggiungere che l’83,2% tra gli italiani maggiorenni -il 92% tra i soli vaccinati - ritiene queste manifestazioni pericolose per la diffusione dei contagi, soprattutto per l’assembramento senza regole di persone non vaccinate (58,7%).

Numeri meno netti nella valutazione del vaccino per i più piccoli.

Più delicata appare invece la vicenda legata al vaccino ai minori tra i 5 e gli 11 anni. Qui tra i vaccinati uno su due si dichiara favorevole, mentre su tutta la popolazione si registra il 44,3%

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli