2017 anno horribilis per pianeta, Wwf lancia "Planet is calling"

Red/Gtu

Roma, 14 nov. (askanews) - Il 2017 è stato un anno horribilis per il pianeta: uragani, incendi, sbiancamento coralli, ondate di calore, isole di plastica, nell'album del Wwf i 7 segnali lanciati dalla Terra. Parte oggi la Campagna di Natale "Planet is Calling" per rispondere al grido del Pianeta con azioni immediate e concrete e la sede Wwf si "veste" con un messaggio per il Pianeta, con i testimonial Michelle Carpente, Elena Di Cioccio e Alessandro Tersigni.

"Nel 2017 abbiamo visto un brutto film e a raccontarcelo è stato il nostro Pianeta", sottolinea il Wwf, aggiungendo: "Abbiamo assistito ad un Anno horribilis a giudicare dalle immagini che ci ha mostrato: uragani e alluvioni, riduzione delle banchise polari e dei ghiacciai, moria di barriere coralline per i fenomeni di sbiancamento, si sono succeduti in tante parti del mondo e con un'intensificazione dei fenomeni accelerata, presenza pervasiva delle plastiche nei mari e negli oceani, continuo degrado di ambienti naturali straordinariamente importanti, come le foreste, perdita continua di specie viventi, segnali sempre più evidenti di una sesta 'estinzione di massa' dovuta all'intervento umano, siccità, con ondate di calore che hanno innescato più facilmente anche incendi persino in regioni remote come Siberia e Groenlandia". E "non ultimo, l'incremento delle ondate di flussi migratori dai Paesi più poveri, a dimostrazione del forte legame tra crisi degli habitat e crisi umanitaria". (segue)

Usando Yahoo accetti che Yahoo e i suoi partners utilizzino cookies per fini di personalizzazione e altre finalità