202 sì su 350 deputati. Entrerà in vigore a giugno

·2 minuto per la lettura
Spagna legalizza eutanasia
Spagna legalizza eutanasia

La Spagna è il quarto Paese in Unione Europea a legalizzare l’eutanasia. Larga maggioranza alla Camera: 202 sì su 350 deputati. La legge entrerà in vigore a giugno 2021.

Spagna: sì all’eutanasia

Il Parlamento spagnolo ha approvato la legge con cui legalizzare l’eutanasia: la Camera si è espressa con ben 202 voti a favore su 350 deputati, contrari 140 voti della destra e dell’estrema destra, 2 gli astenuti.

L’approvazione arriva dopo una forte pressione pubblica generata da casi come quello di Ramon Sampedro, raccontato dal film premio Oscar Mare dentro, con Javier Bardem.

Con questa legge, che entrerà in vigore dal giugno prossimo, la Spagna diventerà il quarto Paese dell’Ue e il settimo Paese al mondo a consentire ai malati terminali di morire per porre fine alle proprie sofferenze. In Europa, la Spagna arriva soltanto dopo Olanda, Belgio e Lussemburgo. Una legge simile era stata approvata dal Parlamento portoghese, per poi essere bloccata dalla Corte Costituzionale.

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.

Cosa prevede questa legge

La nuova legge prevede che il paziente sia un cittadino spagnolo o un residente legale nel Paese. Lo stesso deve essere “pienamente consapevole e cosciente” al momento della richiesta di morte, che deve essere inviata per iscritto due volte a 15 giorni di distanza una dall’altra.

Questa richiesta può essere respinta se non totalmente adeguata con quanto stabilito dalla legge. Inoltre, il personale medico può fare obiezione di coscienza e rifiutare di prendere parte alla pratica, la quale sarà prevista all’interno delle prestazioni del sistema sanitario nazionale.