2020, Guterres ai giovani: "Continuate a pensare in grande"

webinfo@adnkronos.com

Guardando al 2020, il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres ha incoraggiato i giovani a continuare a manifestare e a "pensare in grande" come hanno fatto nell'ultimo anno, dal momento che costituiscono "la più grande fonte di speranza".  

"Quest'anno, il mondo ha bisogno che i giovani continuino a esprimersi, a pensare in grande, a superare i limiti e a esercitare pressioni", ha sostenuto nel suo messaggio in vista del nuovo anno.  

L'anno 2020 inizia "con incertezza e insicurezza ovunque, persistente disuguaglianza e crescente odio, un mondo in guerra e un Pianeta che si sta scaldando - ha affermato Guterres - il cambiamento climatico non è solo un problema a lungo termine ma un pericolo chiaro e presente".  

In queste circostanze, ha aggiunto, "non possiamo essere la generazione che ha nascosto la testa nella sabbia mentre il Pianeta stava bruciando". Ma, ha sottolineato, "c'è anche speranza" e questa speranza sono i giovani.  

Guterres osserva che i giovani sono stati in prima linea nell'azione per il clima, nella lotta per la parità di genere, la giustizia sociale e i diritti umani. "Mi sento ispirato dalla loro passione e determinazione", ha detto il numero uno delle Nazioni Unite. "State giustamente rivendicando un ruolo nel plasmare il futuro", ha affermato, assicurando che sia lui che le Nazioni Unite, che compiono 75 anni nel 2020, sono con i giovani.