In 2020 pasta Sgambaro mette a segno +30% vendite all’estero

Red
·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 31 mar. (askanews) - Per i produttori di pasta italiani il 2020 è stato un anno di vendite record non solo in Italia, ma anche fuori dai confini nazionali: secondo Coldiretti, a livello di comparto, l'esportazione è cresciuta del 16%. Dato che sfiora il raddoppio nel caso di Sgambaro, che ha chiuso il bilancio con un aumento del fatturato estero pari al 30%.

"È un risultato eccezionale in tutti i sensi - commenta Pierantonio Sgambaro, presidente dello storico pastificio veneto - Da un lato, siamo ben consapevoli che tale performance sia strettamente connessa all'emergenza sanitaria e sappiamo, anzi ci auguriamo, non si replicherà. Dall'altro accogliamo con grande soddisfazione un segnale importante: la pasta di alta qualità è sempre più riconosciuta e apprezzata anche in Paesi che non condividono la stessa tradizione e passione per questo prodotto di noi italiani".

Sgambaro produce dal 2001 una sola linea di pasta di grano duro, utilizzando esclusivamente materia prima italiana. La pasta acquistata a Copenaghen o Riad è quindi la stessa che si trova sugli scaffali di Milano o Bologna.

Nel 2021, Sgambaro punta a consolidare i volumi del precedente anno e registrare un'ulteriore crescita delle vendite pari al 5%. Entro tre anni l'azienda vuole portare il peso dell'estero sul giro d'affari complessivo al 30% dall'attuale 18-20% (su un fatturato globale di 21 milioni di euro nel 2020).

Il pastificio ha un ottimo posizionamento nel Nord Europa, in particolare Danimarca, Finlandia e Svezia, ma anche Islanda. Sta lavorando per entrare o ampliare la presenza in grandi mercati europei come Francia, Spagna, Germania e Regno Unito, e guarda con interesse l'evoluzione del comportamento d'acquisto nei Paesi dell'Est Europa e in Russia, aree che tradizionalmente premiamo strategie pricing molto competitive. "Anche se parliamo di volumi molto bassi, negli ultimi mesi abbiano iniziato a spedire in Repubblica Ceca, Polonia e Serbia", racconta Federico Gris, direttore commerciale di Sgambaro. "Un fatto curioso: in Russia è soprattutto il mondo della ristorazione d'alta gamma a ordinare la nostra pasta".