2021 anno degli anniversari: da Dante ai 100 anni del Pci

webinfo@adnkronos.com
·7 minuto per la lettura

I settecento anni dalla morte di Dante Alighieri, i 200 anni dalla morte di Napoleone Bonaparte, i 200 anni dalla nascita di Fedor Dostoevskij e di Charles Baudelaire, i 100 anni dalla fondazione del Partito comunista d'Italia, del Partito comunista cinese e del Partito nazionale fascista: il 2021 sarà un anno carico di anniversari storici, di ricorrenze significative e di compleanni famosi.

Il nuovo anno si apre, il 5 gennaio, con i festeggiamenti per i 70 anni dell'attore Christian De Sica. Nello stesso giorno di cento anni fa nasceva lo scrittore svizzero Friedrich Durrenmatt, che ha segnato la storia della narrativa con romanzi come "Il giudice e il suoi boia" e "Il sospetto". L'8 gennaio saranno cento anni esatti dalla nascita a Racalmuto (Agrigento) dello scrittore Leonardo Sciascia, diventato famoso con il romanzo "Il giorno della civetta" e intellettuale impegnato protagonista di tante battaglie civili. Sempre l'8 gennaio di 25 anni fa moriva l'ex presidente della Repubblica francese Francois Mitterand, protagonista di una nuova 'grandeur'. E sempre al socialista Mitterand è legato un altro anniversario: il 10 maggio di 40 anni fa veniva eletto all'Eliseo.

Il 9 gennaio la cantautrice statunitense Joan Baez compierà 80 anni. Il 10 gennaio saranno 50 anni dalla morte della stilista francese Coco Chanel. Il 13 gennaio lo chef Gianfranco Vissani compirà 70 anni.

Il 21 gennaio di 100 anni, nel 1921, si consumò al congresso socialista la scissione di Livorno, con la nascita del Partito Comunista d'Italia, che annoverò tra i suoi fondatori Antonio Gramsci, Amadeo Bordiga e Umberto Terracini. Sempre il 21 gennaio saranno 100 anni dalla nascita dell'attore Turi Ferro e un secolo dalla prima del film "Il monello" di Charlie Chaplin.

Il 27 gennaio saranno 150 anni da quando il Senato del Regno d'Italia approvò il trasferimento della Capitale da Firenze a Roma. Il 30 gennaio il cantautore inglese Phil Collins, gloria dei Genesis, taglierà il traguardo dei 70 anni. Tra il 31 gennaio e il 3 febbraio di 30 anni fa, nel 1991, nasce il Partito democratico della sinistra (Pds) dopo il lungo travaglio della 'svolta' impressa dal segretario Achille Occhetto al Pci dopo il crollo del Muro di Berlino.

L'11 febbraio di 100 anni fa, nel 1921, nasceva lo stilista e imprenditore Ottavio Missoni. Il 14 febbraio la scrittrice, giornalista e conduttrice televisiva Daria Bignardi festeggerà 60 anni. Il 22 febbraio di 100 anni fa, nel 1921, nasceva l'attrice Giulietta Masina, compagna sul set e nella vita del regista Federico Fellini.

Il 23 febbraio di 200 anni, nel 1821, fa moriva a Roma, a soli 25 anni, il poeta inglese John Keats, uno dei più significativi letterati del Romanticismo. Il 25 febbraio di 100 anni fa, nel 1921, moriva il poeta e scrittore Renato Fucini, noto per il libro "Le veglie di Neri. Paesi e figure della campagna Toscana". Il 26 febbraio di 200 anni fa, nel 1821, moriva a Torino il filosofo francese Joseph de Maistre, aspramente critico verso la Rivoluzione francese e l'Illuminismo, uno dei più influenti pensatori controrivoluzionari autore di "Le serate di Pietroburgo o Colloqui sul governo temporale della Provvidenza". Il 5 marzo di 150 anni fa, nel 1871, nasceva la filosofa polacca Rosa Luxemburg, teorica del socialismo rivoluzionario.

Quarant'anni fa, il 17 marzo del 1981, veniva scoperta la lista della P2: resa nota il 20 maggio successivo, la inquietante vicenda (con strascichi politici e giudiziari di lunga durata) degli influenti iscritti alla loggia segreta massonica porterà a breve anche alle dimissioni del governo presieduto da Arnaldo Forlani.

Il 18 marzo di 150 anni, nel 1871, nasceva la Comune di Parigi: i cittadini insorgono stabilendo un nuovo governo anarchico-socialista. Il 22 marzo di 100 anni fa, nel 1921, nasceva l'attore Nino Manfredi. Il 9 aprile di 200 anni fa, nel 1821, nasceva il poeta francese Charles Baudelaire, che con la sua raccolta di versi "I fiori del male" aprì la stagione dei 'poeti maledetti'.

Il 12 aprile di 60 anni fa, nel 19619, l'astronauta sovietico Jurij Gagarin conquistava il titolo di primo uomo nello Spazio vincendo (temporaneamente) la battaglia tra le stelle con la superpotenza nemica degli Usa. Il 18 aprile saranno passati esattamente 70 anni dall'istituzione della Ceca, la Comunità europea del carbone e dell'acciaio, primo passo verso la Comunica economica europea (1951). Il 28 aprile di 50 anni fa, nel 1971, arriva nelle edicole il primo numero del quotidiano "Il Manifesto", in precedenza rivista mensile fondata dagli eretici comunisti, radiati dal Pci nel 1969, Rossana Rossanda, Luigi Pintor, Lucio Magri e Luciana Castellina.

Il 5 maggio di 200 anni fa, nel 1821, moriva Napoleone Bonaparte, il creatore dell'Impero francese, nell'esilio dorato di Sant'Elena, isola dell'oceano Atlantico. Per immortalare la fine dell'epoca napoleonica Alessandro Manzoni scrisse la memorabile poesia "Il cinque maggio" con i versi iniziali ("Ei fu. Siccome immobile, dato il fatal sospiro, stette la salma immemore orba di tanto spiro...) imparate da generazioni di studenti sui banchi di scuola.

Il 13 maggio saranno 40 anni (1981) dall'attento del terrorista turco Ali Agca in pazza San Pietro in Vaticano, sparando e ferendo Papa Giovanni Paolo II. Il 31 maggio di 100 anni fa (1921) nasceva l'attrice Alida Valli. Il 2 giugno saranno 75 anni (1946) dal referendum istituzionale che segnò la proclamazione della nascita della Repubblica italiana.

Il 1° luglio di 30 anni fa (1991) si registrò un evento epocale: veniva firmata la dissoluzione del Patto di Varsavia, finiva ufficialmente la guerra tra le due superpontenze, Urss e Usa. Il 2 luglio di 60 anni fa (1961) si suicida lo scrittore statunitense Ernest Hemingway, uno dei giganti letterari del XX secolo, autore di romanzi che hanno lasciato una traccia indelebile come "Addio alle armi" e "Il vecchio e il mare".

Il 14 luglio di 100 anni fa (1921) venivano condannati a morte, per omicidio, negli Usa gli anarchici italiani Ferdinando Nicola Sacco e Bartolomeo Vanzetti. I due furono giustiziati sulla sedia elettrica il 23 agosto 1927 e mezzo secolo dopo vennero scagionati da ogni accusa. Proprio 50 anni fa al caso che non aveva mai smesso di suscitare dibattito nel 1971 fu dedicato il film "Sacco e Vanzetti" di Giuliano Montaldo.

Il 23 luglio di 100 anni fa (1921) nasceva il Partito comunista cinese. Il 13 agosto di 60 anni fa (1961) veniva avviata la costruzione del Muro di Berlino, tetro e famigerato simbolo dell'era della Guerra Fredda.

Il 12 settembre di 40 anni fa (1981) moriva il poeta Eugenio Montale, Premio Nobel per la Letteratura 1975. Nella notte tra il 13 e il 14 settembre di 700 anni fa, nel 1321 a Ravenna, moriva Dante Alighieri, il Sommo Poeta, padre della lingua italiana. Per il settimo centenario sono previsti centinaia di eventi in Italia e nel mondo: il prossimo 25 marzo sarà celebrato il secondo Dantedì.

Il 17 settembre di 150 anni (1871) ricorrerà l'anniversario dell'inaugurazione del traforo del Frejus. Il 29 settembre di 450 anni fa (1571) nasceva il pittore Caravaggio. L'11 ottobre di 50 anni fa (1971) l'ex Beatles John Lennon pubblicava l'album "Image", una pietra miliare della storia della canzone assurta anche a simbolo del pacifismo.

Il 15 ottobre di 70 anni (1951) veniva registrata la pillola contraccettiva destinata a realizzare una profonda rivoluzione demografica, sociale e culturale. Il 25 ottobre di 50 anni fa (1971) la Cina veniva ammessa all'Onu.

Il 4 novembre del 1921, 100 anni fa, il Milite Ignoto veniva tumulato nel sacello posto sull'Altare della Patria a Roma. Il 9 novembre di 100 anni fa (1921) Benito Mussolini fondava il Partito Nazionale Fascista dalle ceneri dei Fasci di Combattimento. L'11 novembre di 200 anni fa (1821) nasceva lo scrittore russo Fedor Dostoevskij, autore di capolavori letterari come "Memorie dal sottosuolo", "Delitto e castigo", "L'idiota", "I demoni" e "I fratelli Karamazov".

Quarant'anni fa, tra il 18 ottobre e il 13 dicembre 1981, nella Polonia delle proteste antigovernative del sindacato libero di Solidarnosc si registrò uno dei periodici più drammatici della sua storia, culminato nel colpo di Stato del generale Wojciech Jaruzelski.

Il 24 dicembre di 50 anni fa (1971) Giovanni Leone veniva eletto sesto presidente della Repubblica italiana.