22enne uccisa da un ubriaco alla guida, la mamma: "Lo perdono"

22enne uccisa da un ubriaco alla guida, la mamma:
22enne uccisa da un ubriaco alla guida, la mamma: "Lo perdono" (Foto Facebook)

Dopo la morte di Francesco Valdiserri, il ragazzo di 18 anni travolto a Roma da una ragazza ubriaca, l'Italia intera si è unita al dolore dei familiari di Miriam Ciobanu, la 22enne della provincia di Treviso travolta e uccisa nel cuore della notte da un coetaneo: il ragazzo che l'ha investita è risultato positivo ad alcol e stupefacenti.

All'indomani della tragedia, Adriana, la mamma di Miriam, ha rilasciato alcune dichiarazioni al Corriere della Sera: "Perdono chi ha ucciso mia figlia. Vivere nell'odio, covando rancore, non riporterebbe indietro la mia 'tata'". "In fondo quel ragazzo - ha aggiunto la donna - la sua vita se l'è già rovinata con le sue stesse mani".

VIDEO - Dervio, giovane ubriaco si stende in mezzo alla strada e poi finisce con l’auto contro un albero. Il video della bravata che poteva costargli la vita

LEGGI ANCHE: Miriam, investita e uccisa da ubriaco: la straziante testimonianza del fidanzato

Chi invece non riesce a darsi pace è il padre della vittima, che ha dichiarato: "Mi ha chiamato prima di morire, ma non ho sentito. Vivrò per sempre con questo rimorso". La giovane, infatti, pare avesse chiamato il papà a mezzanotte per rassicurarlo e dargli appuntamento al giorno successivo. Qualche ora dopo, tuttavia, Miriam ha litigato con il fidanzato e ha provato a rimettersi in contatto con il padre. Non ricevendo risposta, si è incamminata da sola ed è stata investita in un tratto di strada non illuminato e senza marciapiede.

Travolto dal dolore anche il fidanzato della studentessa, che ha raccontato: "Ho provato in tutti i modi a convincerla a restare, l'ho pure seguita in auto assieme a mio fratello Mi sento come svuotato dentro". Poi, "sperando che nel frattempo si calmasse", i due sono andati a comprare le sigarette, ma tornando non l'hanno più vista. "Ho pensato che si fosse fatta venire a prendere da qualcuno", commenta il fidanzato al Corriere della Sera. Solo la mattina seguente ha saputo dal padre di Miriam quanto successo. Ora denuncia: "Ho ricevuto minacce di morte: c'è chi dà la colpa a me per ciò che è accaduto".