I 24 bronzi di San Casciano scoperti nelle terme di Etruschi e Romani

(Adnkronos) - Dopo 2.300 anni a San Casciano dei Bagni (Siena) sono riemersi dal fango delle acque termali 24 statue in bronzo, 5 delle quali alte quasi un metro, perfettamente integre, oltre a cinquemila monete in oro, argento e bronzo ed ex voto, che testimoniano in maniera sorprendente l'unione tra comunità latine ed etrusche. "Una scoperta che riscriverà la storia e sulla quale sono già al lavoro oltre 60 esperti di tutto il mondo", dichiara l'etruscologo responsabile dello scavo, il professore Jacopo Tabolli.

È così infatti che, 50 anni dopo la scoperta nel 1972 dei celebri Bronzi di Riace, grazie allo scavo del santuario etrusco-romano ritrovato del Bagno Grande di San Casciano dei Bagni, si riscrive la storia dell'antica statuaria in bronzo di età etrusca e romana. Quello del sito toscano è il più grande deposito di statue in bronzo di età etrusca e romana mai scoperto nell'Italia antica e uno dei più significativi di tutto il Mediterraneo: senza eguali soprattutto perché, finora, di questa epoca si conoscevano prevalentemente statue in terracotta.

Le 24 statue (realizzate secondo i canoni della cosiddetta 'mensura honorata', cioè alte tre piedi romani, l’equivalente di circa un metro) raffigurano le divinità venerate nel luogo sacro assieme agli antichi dedicanti. L'eccezionale stato di conservazione all'interno dell'acqua calda della sorgente ha permesso anche di preservare le iscrizioni in etrusco e latino che furono incise sulle statue prima della loro realizzazione.

La gran parte di questi capolavori dell'antichità viene datata tra il II e il I secolo a.C. Si tratta di un periodo storico di grandi trasformazioni nella Toscana antica, nel passaggio tra Etruschi e Romani. In quest'epoca di grandi conflitti tra Roma e le città etrusche, ma anche di lotte all'interno del tessuto sociale di Roma, nel santuario del Bagno Grande nobili famiglie etrusche e romane insieme, dedicarono le statue all'acqua sacra.

Si tratta di un contesto multiculturale e plurilinguistico assolutamente unico, di pace, circondato da instabilità politica e guerre. Dalle iscrizioni si è appreso che i dedicanti giunsero da tutto il territorio di Chiusi e Perugia con molti nomi che ricorrono nel territorio di Siena: si trattava dunque di un santuario di valenza interregionale. I bronzi di San Casciano raffigurano le divinità venerate nel luogo sacro, assieme agli organi e alle parti anatomiche per le quali si chiedeva l'intervento curativo della divinità attraverso le acque termali.

Dal fango caldo sono riemerse in queste settimane effigi di Igea e di Apollo, oltre a un bronzo che richiama il celebre Arringatore, scoperto a Perugia e conservato nel Museo Archeologico Nazionale di Firenze. Nelle iscrizioni si leggono nomi di potenti famiglie etrusche del territorio dell'Etruria interna, dai Velimna di Perugia ai Marcni noti nell'agro senese. Accanto a onomastica e forme dedicatorie in etrusco troviamo iscrizioni in latino, che menzionano anche le 'aquae calidae', le fonti calde del Bagno Grande, dove le statue furono collocate.

Le statue dovevano essere posizionate sul bordo esterno della grande vasca sacra e ancorate sugli eleganti blocchi in travertino. A più riprese - sicuramente nel corso del I secolo d.C. - le statue furono staccate dal bordo della vasca e depositate sul fondo. Dunque, non si tratta di uno scarico di materiale sacro nell'acqua calda, ma piuttosto di una deposizione rituale.

Gli atti votivi proseguirono poi fino al IV secolo d.C. con la deposizione di quasi seimila monete (in argento, bronzo e oro). Solo agli inizi del V secolo d.C. il santuario venne smantellato e chiuso. Il grande tesoro sacro nella vasca fu coperto da grandi tegole e al di sopra vennero calate le colonne del portico sacro a suggellare la chiusura definitiva del luogo di culto.

Iniziato nel 2019, lo scavo del santuario etrusco-romano connesso all'antica vasca sacra della sorgente termo-minerale del Bagno Grande di San Casciano dei Bagni, promosso dal ministero della Cultura e dal comune toscano con il coordinamento del professore Jacopo Tabolli dell'Università per Stranieri di Siena, ha condotto a questi nuovi straordinari ritrovamenti nelle prime settimane di ottobre. A San Casciano, grazie ai recenti finanziamenti del Mic, nascerà un nuovo museo per ospitare i reperti.

"Un ritrovamento eccezionale, che conferma una volta di più che l'Italia è un paese di tesori immensi e unici. La stratificazione di diverse civiltà è un unicum della cultura italiana", ha dichiarato il ministro della Cultura, Gennaro Sangiuliano che, proprio ieri, in occasione di una delle sue prime visite fuori Roma, è stato a Grosseto al laboratorio dell'Istituto Centrale del Restauro, dove sono in corso le attività di studio e i primi interventi sui bronzi. "Mi sono voluto personalmente complimentare con gli archeologi e il team di ricerca", ha aggiunto il ministro: "Lo studio e la valorizzazione di questo tesoro sarà un'ulteriore occasione per la crescita spirituale della nostra cultura e per il rilancio di territori meno noti al turismo internazionale, ma anche come volano per l’industria culturale della Nazione".

"È la scoperta più importante dai Bronzi di Riace e certamente uno dei ritrovamenti di bronzi più significativi mai avvenuti nella storia del Mediterraneo antico", ha commentato il direttore generale dei Musei del Mic, Massimo Osanna, che ha appena approvato l'acquisto del palazzo cinquecentesco che ospiterà nel borgo di San Casciano le meraviglie restituite dal Bagno Grande, un museo al quale si aggiungerà in futuro un vero e proprio parco archeologico.

"L'importanza del metodo usato in questo scavo è rappresentata anche dalla collaborazione tra specialisti di ogni disciplina: dagli architetti ai geologi, dagli archeobotanici agli esperti di epigrafia e numismatica", ha spiegato il soprintendente Archeologia Belle Arti e Paesaggio del Mic, Luigi La Rocca.

"Questa scoperta offre a San Casciano un'opportunità che non è solo culturale e turistica, ma è una vera e propria occasione di rinascita", dichiara la sindaca del Comune toscano, Agnese Carletti. "A San Casciano nasceranno un nuovo museo, che ospiterà le eccezionali statue, e un parco archeologico. Due nuovi luoghi che saranno per il territorio un vero e proprio motore di sviluppo che andrà ad aggiungersi alla già entusiasmante presenza dei giovani archeologi provenienti da tutto il mondo che, grazie a questo scavo, stanno ripopolando il paese ormai per molti mesi all'anno".

"Il santuario con le sue statue appare come un laboratorio di ricerca sulla diversità culturale nell'antichità, testimonianza unica della mobilità etrusca e romana", spiega l'etruscologo Jacopo Tabolli, direttore del progetto scientifico. "Rispetto alle note scoperte di antiche statue in leghe di bronzo - pensiamo per esempio al celebre Arringatore scoperto a Perugia ed esposto al Museo Archeologico Nazionale di Firenze - quanto riemerso dal fango a San Casciano dei Bagni è un'occasione unica di riscrivere la storia dell’arte antica e con essa la storia del passaggio tra Etruschi e Romani in Toscana".

"Le scoperte di Bagno Grande costituiscono un'eccellenza straordinaria nel pur ricchissimo patrimonio archeologico sul quale la Soprintendenza è chiamata a esercitare le funzioni di tutela, confermando ancora una volta che il settore dell'archeologia può sorprenderci in ogni momento con nuove e straordinarie scoperte e possibilità di ricerca", ha dichiarato il soprintendente Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per le province di Siena, Grosseto e Arezzo, Gabriele Nannetti.

"Una sorprendente novità sotto molteplici aspetti", sottolinea Ada Salvi, funzionaria archeologa della Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per le province di Siena, Grosseto e Arezzo, a proposito della scoperte di Bagno Grande. "Proprio la pluralità delle informazioni che ci stanno giungendo dallo scavo e dallo studio dei reperti ha dato impulso a un modello di collaborazione tra Direzione Scientifica dello scavo, Concessionario e Soprintendenza, che vede ciascun attore coinvolto per le proprie competenze ed esperienze", aggiunge Salvi.

"La campagna di scavo che ho avuto l'onore e il piacere di dirigere sul campo per 14 settimane tra giugno e ottobre ha ottenuto risultati stupefacenti e in parte inaspettati", ha commentato il direttore di scavo, Emanuele Mariotti. "I ritrovamenti e la monumentalità del sito hanno superato le nostre aspettative. Bisogna notare come l’eccezionalità del contesto non derivi solo dalle stratigrafie fangose ma intatte all’interno della vasca, così ricche di tesori d’arte e numismatici, ma anche dall’architettura con cui fu concepito, in epoca primo-imperiale, il cuore del santuario, destinato a raccogliere le potenti acque calde della sorgente, oggi del Bagno Grande".

(di Enzo Bonaiuto e Paolo Martini)