249 studenti isolati in un covid hotel a Maiorca. "Qui è un inferno"

·2 minuto per la lettura
(Photo: Europa Press News via Europa Press via Getty Images)
(Photo: Europa Press News via Europa Press via Getty Images)

In seguito a un maxi-focolaio di covid registratosi a Maiorca (Baleari, Spagna) nei giorni scorsi tra centinaia di giovani in vacanza, 249 sono stati isolati in un hotel dell’isola per cercare di frenare nuovi contagi. Lo ha detto in conferenza stampa l’assessora regionale alla Salute, Patricia Gómez. Circa il 25% di questi ragazzi è risultato positivo al tampone, ha aggiunto.

Il Corriere della sera racconta le lamentele degli ospiti del covid hotel, dopo l’arrivo degli studenti.

“Gridano di continuo, mettono la musica a tutto volume negli altoparlanti fregandosene di chi sta male e avrebbe bisogno di riposare. È così per 20 ore al giorno. Corrono nei corridoi, anche se è vietato uscire dalla propria stanza. Usano il telefono fisso (che servirebbe per dare l’allarme nel caso in cui ci si sentisse male) per fare scherzi telefonici agli altri ospiti e alla reception. E così intasano la linea. Si tirano la frutta e piatti di spaghetti dai balconi. La ragazza nella stanza accanto alla mia ha chiesto loro, gentilmente, di abbassare la musica. In risposta le hanno lanciato una mela addosso”. Ormai nessuno osa più affacciarsi nel balcone. “Stanno rendendo le giornate molto complicate”

In totale, sono già stati individuati almeno 850 contagiati tra gli studenti in gita di fine anno arrivati a Maiorca da diverse regioni della Spagna. Molti di loro sono risultati positivi dopo essere tornati a casa. Per centinaia di persone considerate loro contatti stretti è stata prescritta la quarantena. Secondo gli ultimi dati citati dai media spagnoli, nove giovani sono stati ricoverati in ospedale per precauzione.

Il governo regionale delle Baleari ha stabilito che tutti i gruppi composti da più di 20 persone in arrivo sull’isola dovranno presentare un certificato di vaccinazione completa o un risultato negativo di un tampone.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli