25 aprile: Letta, 'convinti nostre scelte, assurdo destra non riconosca valore memoria'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 26 apr (Adnkronos) – "Colpito" dalle assenze della destra nelle piazze per il 25 aprile. Lo dice Enrico Letta al 'Corriere della sera'. Giorgia Meloni e Matteo Salvini avrebbero fatto bene a dire qualcosa sul 25 Aprile e a intervenire alle tante manifestazioni che si sono svolte in tutta Italia? "La destra, silente o assente, quella che non riconosce il valore dell’antifascismo e il ruolo storico della Resistenza, sbaglia, semplicemente", replica il segretario del Pd.

"La memoria di quel che è stato deve valere per tutti. Assurdo che la destra non lo riconosca", sottolinea ancora il segretario del Pd. Sulla posizione dem sulla guerra in Ucraina, Letta ribadisce: "Lottare per la pace vuol dire aiutare un popolo che si deve difendere. Questa linea che il nostro Parlamento ha scelto è una linea legittima che noi sosteniamo. Cosa dovremmo dire agli ucraini? Sono fatti vostri? Noi siamo fortemente convinti delle scelte che abbiamo fatto. E facciamo nostre le parole del presidente Sergio Mattarella che ha detto che c’è un popolo, quello ucraino, che una mattina si è svegliato e ha trovato l’invasore, e ha deciso di resistere".

Gli ucraini "non vogliono Putin e vogliono l’Ucraina libera. Bisogna partire da qui. Poi sarà l’Ucraina a negoziare e decidere. Non noi", dice ancora Letta che aggiunge: "E' legittimo" che sull’invio delle armi non ci siano reazioni uguali da parte di tutti".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli