25 aprile: Pagliarulo (Anpi), 'primo pensiero è a popolo ucraino'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Milano, 25 apr. (Adnkronos) – "Nel giorno della memoria della Liberazione, non avremmo mai voluto un 25 aprile con questa guerra e invasione, con questo strazio quotidiano. Il primo pensiero è alle vittime, ai feriti, ai profughi, a un popolo intero che vive queste settimane come tempo della catastrofe". Lo ha detto il presidente dell'Anpi nazionale Gianfranco Pagliarulo, dal palco del 25 aprile a Milano.

"Lasciamo perdere le armi, i missili, la diplomazia e pensiamo agli ucraini, alle famiglie, ai ragazzi, alla loro vita spezzata, la vita di coloro che vogliono vivere in modo giusto. Su questo non ci devono essere schieramenti o incertezze, c'è la vita contro la guerra, la speranza contro la disperazione. Facciamo di oggi 25 aprile 2022 il giorno della speranza, su questo dobbiamo essere uniti", aggiunge. "Uniamoci tutti per chiedere che si apra un negoziato, facciamo sventolare la bandiera della Costituzione che dice che l'Italia ripudia la guerra", conclude.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli