25 novembre: al liceo Foscolo di Albano laziale il premio Colasanti-Lopez

·2 minuto per la lettura
Fb (Photo: Fb)
Fb (Photo: Fb)

“Il Premio Colasanti-Lopez assegnato al Teatro Argentina, cerca di trasformare un odioso delitto, quello del Circeo, in occasione per sensibilizzare ed educare le giovani generazioni alla violenza di genere. Un premio che attraverso la poesia, la musica, la cinematografia, spingendo ragazze e ragazzi delle scuole superiori a mostrarci perché quella violenza spietata non deve più accadere”. Eleonora Mattia, Presidente IX Commissione lavoro, pari opportunità, politiche giovanili, istruzione e diritto allo studio in Consiglio Regionale del Lazio ancora una volta ha trasformato il 25 novembre in un giorno di costruzione del futuro. Per le donne. Il Premio, dedicato alle due giovani vittime del Massacro del Circeo, si rivolge alle scuole superiori del Lazio. Tra i vincitori che hanno ricevuto un voucher da 5mila euro per l’acquisto di materiale didattico, anche il liceo Ugo Foscolo di Albano, in provincia di Roma, con il lavoro per la categoria materiale audiovisivo dal titolo: “Volevo solo divertirmi”.

“Vedere l’impegno che le classi hanno riposto nei progetti, nonostante la Dad e le difficoltà di due anni scolastici attraversati dalla pandemia, mi riempie di orgoglio e felicità. Il premio - ha detto Mattia - è stato finanziato anche per il 2022 e quindi proseguiremo il prossimo anno con questo impegno e sempre più giovani potranno mettersi in gioco per costruire dai banchi di scuola una cultura del rispetto e della non violenza. Donatella e Rosaria - conclude Mattia - erano due ragazze come tante, sono state ingannate e stuprate, anche perché hanno riposto nella scuola fiducia, essendo i loro carnefici compagni d’istituto. Dalla scuola ripartiamo per raccontare la loro storia e contrastare ogni forma di violenza. Grazie alle battaglie e alla resistenza di Donatella, voglio ricordare, lo stupro e’ finalmente passato dall’essere un reato contro la morale a un reato contro la persona. Dedico a lei e a Rosaria questa giornata, guerriera fiera e combattente, e a ogni donna che ogni giorno combatte per la libertà”.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli