296 GTS, la prima spider stradale Ferrari V6 plug-in

·4 minuto per la lettura

(Adnkronos) - Ferrari ha presentato a Fiorano la 296 GTS, la più recente evoluzione del concetto di berlinetta sportiva spider due posti e motore centrale-posteriore. La versione a cielo aperto si affianca alla 296 GTB per garantire divertimento al volante non solo alla ricerca delle massime prestazioni, ma anche nella guida di tutti i giorni. La vettura utilizza la nuova motorizzazione V6 turbo a 120° da 663 CV accoppiata a un motore elettrico da 167 cavalli (122 kW) presentata in anteprima sulla 296 GTB. Si tratta del primo sei cilindri della storia per una spider stradale Ferrari: i suoi 830 CV complessivi regalano performance uniche sfoggiando un sound innovativo ulteriormente impreziosito dalla possibilità di goderne anche a tetto aperto.

Sin dal nome della vettura, che combina cilindrata totale (2,9 litri) e numero dei cilindri, seguiti dalla sigla Gran Turismo Spider propria della migliore tradizione sportiva Ferrari, si è voluto sottolineare l’importanza epocale che il modello assume per la Casa di Maranello il nuovo V6, vero cuore pulsante della 296 GTS e capostipite di una nuova era che affonda le radici nella storia del brand. La prima Ferrari V6 (allora in configurazione a 65° e cilindrata totale pari a 1.500 cm3) risale al 1957 ed è la monoposto Dino 156 F2. Il V6 presentato per la prima volta nel 2021 sulla 296 GTB, prevede l’alloggiamento dei turbocompressori all’interno della "V": ciò, oltre ad apportare significativi benefici in termini di compattezza, abbassamento del baricentro e riduzione della massa (1.540 kg, ai vertici della categoria per rapporto peso/potenza pari a 1,86 kg/CV), favorisce il raggiungimento di elevati livelli di potenza. Il V6 Ferrari stabilisce infatti il record assoluto per una vettura di serie in termini di potenza specifica: 221 CV/litro.

L’integrazione con il motore elettrico al posteriore eleva a 830 CV la potenza massima della 296 GTS, dato ai vertici della categoria delle berlinette spider sportive a trazione posteriore. Il sistema ibrido della vettura, alimentato da una batteria ad alto voltaggio dalla capacità di 7,45 kWh, ne migliora non solo la fruibilità nella guida di tutti i giorni consentendole di circolare per 25 km in modalità full-electric, ma anche l’esperienza di guida che garantisce, grazie alla risposta immediata e costante agli input del pedale acceleratore a qualsiasi regime. Il tetto retrattile rigido RHT, dal peso contenuto, impiega 14" ad abbassarsi o alzarsi anche in movimento, fino a 45 km/h. La presenza di un solo motore elettrico fa sì che la trazione sia distribuita solo alle ruote posteriori.

L’erogazione dell’energia dall'e-motor è disponibile in modalità di marcia ibrida e full-electric e viene regolata dal pilota tramite l'acceleratore, gestita dal controllo ibrido dei flussi di energia e monitorata dal controllo di trazione. Assai importante su questa vettura è la transizione tra la modalità elettrica e quella ibrida, a causa dell’assenza dell’assale anteriore elettrico (RAC-e) della SF90 Spider. Per quanto riguarda le principali funzionalità di ricarica, da sottolineare la frenata rigenerativa al posteriore in condizioni standard e in presenza di ABS, il recupero in rilascio acceleratore (overbraking) sull’assale posteriore e la funzione di ricarica della batteria mediante la gestione combinata di motore termico e macchina elettrica. Tra le funzioni di regolazione e distribuzione di coppia, oltre al controllo di trazione elettrico e al recupero di energia dovuto all’unità brake-by-wire che assicura il blending idraulico ed elettrico in ogni modalità operativa (ABS incluso), sulla 296 GTS è presente l'ABS EVO che ha debuttato in anteprima mondiale sulla 296 GTB.

Grazie al brake-by-wire la corsa del pedale è ridotta al minimo, il che aumenta la sensazione di sportività senza trascurare efficienza ai bassi carichi e modulabilità in pista. Il controllore ABS integrato con il sensore 6w-CDS garantisce invece un miglior sfruttamento dei limiti di aderenza degli pneumatici al posteriore, maggior ripetibilità degli spazi d’arresto e aumento della performance in inserimento, in quanto consente al guidatore di frenare anche durante l’avvicinamento al punto di corda. Anche sulla 296 GTS è stato installato un selettore per la gestione dei flussi energetici denominato eManettino accanto al tradizionale Manettino dei controlli di dinamica veicolo. L’eManettino comprende quattro modalità di funzionamento selezionabili tramite comandi al volante. Anche la 296 GTS è disponibile in allestimento Assetto Fiorano per chi desidera incrementarne ulteriormente le prestazioni, specialmente in pista, grazie a contenuti di riduzione di peso e modifiche aerodinamiche.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli