30enne in ospedale con la salmonella: "Colpa di un piatto di vongole mangiate a Sabaudia"

·1 minuto per la lettura
salmonella (Photo: Bradford Tennyson via Getty Images/500px Prime)
salmonella (Photo: Bradford Tennyson via Getty Images/500px Prime)

Una ragazza romana di 30 anni è stata ricoverata allo Spallanzani di Roma dopo aver contratto la salmonella. La causa sarebbe un piatto di spaghetti alle vongole, consumato in un ristorante a Sabaudia. La vicenda è riportata dal Messaggero:

“Abbiamo cercato su internet e tra i vari locali proposti su internet abbiamo scelto La cucina, sorelle Dal Cin quattro stelle come giudizio e una lunga serie di commenti positivi. E poi era a due passi dal nostro hotel. Abbiamo ordinato un sautè di cozze e due primi: io uno spaghetto con le vongole e il mio compagno linguine agli scampi”.



Silvia, il nome della ragazza 30enne, ha accusato i primi sinomi il giorno seguente: mal di stomaco, vomito e febbre alta, con punte di 39 gradi.


I sintomi sono peggiorati con il passare delle ore tanto da decidere di tornare a Roma e recarsi al pronto soccorso del policlinico Casilino. Immediata la diagnosi: salmonella. Dopo 5 giorni è stata trasferita all’Istituto Spallanzani dove è in isolamento. Ora sta bene ma la salmonella l’ha presa al fegato e diversi valori risultano ancora sballati per questo deve restare sotto osservazione.

Il locale respinge le accuse:

“Noi curiamo sempre tutto con estrema attenzione. Un po’ affrettato dare la colpa a noi. Magari ha mangiato qualche altra cosa in qualche altro posto che le ha fatto male”

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli