32 arresti per traffico di droga, sequestratati 157 kg -2-

Sav

Roma, 11 ott. (askanews) - In particolare la Finanza ha sequestrato circa 24 chilogrammi di cocaina, 83 chilogrammi di hashish e oltre 50 di marijuana. Dodici persone sono state arrestate in flagranza di reato durante le investigazioni; sei sono risultati progressivamente destinatari di provvedimenti di "ritardato arresto"; altre 14 persone sono finite in carcere nei giorni scorsi.

L'indagine ha avuto inizio nei primi mesi del 2017 e ha fatto inizialmente emergere il coinvolgimento di due fratelli albanesi, Z.G. e Z.R., entrambi residenti a Reggio Emilia. Tramite loro sono stati identificati i fornitori della droga, altri due albanesi, L.A. e L.G., della provincia di Bergamo, con locali a loro disposizione tra Osio Sopra e Osio Sotto, da cui il nome dell'operazione "Sotto-Sopra".

In occasione dell'arresto di L.A. (nel marzo 2017) vennero sequestriati circa 155 kg di droga tra cocaina, marijuana e hashish e trovati documenti con conteggi, quantitativi e nominativi che hanno consentito di ricostruire un traffico di stupefacante per centinaia di chilogrammi di cocaina, gestito da tempo dai fratelli albanesi. Il territorio orobico era diventato un vero e proprio centro di smistamento dello stupefacente per gran parte della Lombardia. L'esame del carteggio sequestrato ha permesso inoltre di individuare numerosi destinatari dello stupefacente, alcuni dei quali dimoranti in provincia di Brescia.

Nell'ambito delle investigazioni è stato quindi identificato un parallelo gruppo criminale a Brescia, responsabile dell'importazione di decine di chilogrammi di cocaina e in contatto con la banda bergamasca. Grazie ai servizi di pedinamento e appostamenti, i militari del G.I.C.O. di Brescia sono riusciti ad identificare ed arrestare tutte le persone che a vario titolo collaboravano nel traffico di droga.