39 migranti morti in camion frigo, tutti identificati

webinfo@adnkronos.com

La polizia britannica ha identificato tutti i 39 migranti vietnamiti trovati cadaveri in un camion frigo nell'Essex lo scorso 23 ottobre e informato le loro famiglie. "Si tratta di un importante passo avanti nelle indagini che ci permette di lavorare con i nostri colleghi della polizia vietnamita per sostenere le famiglie delle vittime", ha detto Tim Smith, l'ufficiale di polizia responsabile delle indagini. Prima di diffondere altre informazioni, verrà lasciato alle famiglie il tempo di assorbire le notizie sulla morte dei loro cari, ha aggiunto Smith.  

Pagò 30mila sterline per viaggiare su tir della morte 

Inizialmente si era pensato che i corpi dei 31 uomini e delle 8 donne fossero di migranti cinesi. Poi si è chiarito che si trattava di vietnamiti, quando alcuni familiari hanno denunciato di aver ricevuto messaggi di aiuto e addio dai loro cari che stavano soffocando nel camion. Il camion, il cui autista di nazionalità irlandese è stato arrestato, era arrivato in Gran Bretagna al porto di Purfleet, dopo essere salito su un traghetto a Zeebrugge in Belgio.  

"Mamma muoio, non respiro. Mi dispiace". Le ultime parole dal Tir 

Anche il governo vietnamita ha confermato l'identificazione dei suoi 39 concittadini. "Dopo un periodo di intenso coordinamento, analisi e comparazione delle identità personali, il ministero della Sicurezza pubblica in Vietnam e le forze di sicurezza britannica hanno determinato che tutte le 39 vittime erano vietnamite", ha reso noto un comunicato di Hanoi, in cui si sottolinea che la collaborazione prosegue anche nelle indagini. Il ministero della Sicurezza pubblica del Vietnam ha anche esteso le sue condoglianze ai familiari delle vittime.