Fumo, alcol, grigliate, stress: 5 regole per delineare il confine tra giusto e troppo

Nicoletta Moncalero

Paolo Soffientini di giorno è un ricercatore dell'Ifom (centro di ricerca dedicato allo studio dei meccanismo molecolari alla base della formazione e dello sviluppo dei tumori), di notte, o comunque nel tempo libero, un rocker. Ha uno stile di vita che definisce "rock'n'roll", ma riesce a vivere bene e ad equilibrare le due situazioni. Tanto che in un libro edito da Mondadori "Cent'anni da leoni. Manuale per vivere a lungo e senza rinunce"spiega il suo metodo, fatto di ricerche scientifiche e di situazioni di vita comune, che nel bene e nel male viviamo tutti i giorni. "Se siamo delle persone a cui piace la vita mondana, aperitivi e feste, e in certe circostanze tendiamo non avere il controllo e alziamo il gomito, ma sempre entro certi limiti - dice - non è a mio avviso un problema". Servono disciplina e la conoscenza di alcuni piccoli trucchi, soluzioni che possono limitare i danni. Si comincia col capire quali sono i limiti scientificamente tollerabili dal nostro organismo per ogni sostanza con cui interagiamo, volontariamente o no. Per delineare il confine tra giusto e troppo. A partire dalle sigarette. È sufficiente fumarne meno di 5 al giorno? E se fumiamo, si può far qualcosa per limitare i danni, se proprio non riusciamo a smettere?

Per chi fuma

Prima le notizie cattive: non c'è alcun studio scientifico che assolva chi fuma meno di 5 sigarette al giorno. Diminuire il numero di sigarette giornaliero di certo aiuta, ma non risolve il problema. È sempre meglio smettere. Tuttavia, il rischio di tumore al polmone legato al fumo diminuisce assumendo frutta e verdura quotidianamente con una riduzione del rischio del 24 per cento sia per gli uomini che per le donne. Un effetto "miracoloso" che prevede due razioni di frutta (tra cui mele, pere, banane, arance, mandarini e uva) verdura e legumi (fagiolini, broccoli, cavolo, carote, lattuga, piselli e fave, pomodori, fagiolini e lenticchie). Anche il consumo di tuberi come barbabietola rossa, rapa,...

Continua a leggere su HuffPost