I 5 motivi per cui Juventus-Fiorentina Women resterà nella storia

Lucio Perotta

Per alcuni è una certezza, per altri un auspicio: nella storia del calcio femminile è esistito un pre-24 marzo ed esisterà un post-24 marzo. Perché Juventus-Fiorentina (1-0 il finale) non è stata solo una partita di calcio: tirata, decisiva, combattuta. È stato un momento che resterà negli annali dello sport per questi 5 motivi.

1. I TIFOSI

La cornice di pubblico ha trasformato lo scontro tra la prima e la seconda del campionato in qualcosa di unico. Giocare all'Allianz Stadium, sul prato calpestato di solito da Cristiano Ronaldo e compagni, davanti a 39mila tifosi, è stato speciale per le 22 giocatrici, per gli allenatori, gli staff. "Ho pensato di essere in un film", ha dichiarato a caldo Rita Guarino, tecnico della Juventus. "Questo evento ha reso dignità al popolo femminile che gioca a calcio, che ci crede, che lavora con grande passione e disciplina dietro le quinte". Il successo di pubblico non sta esclusivamente nei numeri (il precedente record di presenze è stato stracciato: risaliva alla stagione 2008/2009, quando furono 14mila gli spettatori accorsi al Bentegodi per la semifinale di ritorno di Coppa Uefa tra Bardolino Verona e Francoforte), ma nell'atmosfera, nel clima, nell'entusiasmo visto sugli spalti: i tifosi accorsi allo stadio di Torino, in una giornata soleggiata di inizio primavera, hanno spinto le squadre per tutti e 90 minuti, hanno cantato e intonato cori, hanno esultato al gol decisivo di Pedersen, che dà alla Juve i 3 punti (quasi) scudetto, come a una prodezza di Dybala. I supporter arrivati da tutta Italia hanno incoraggiato e mai insultato, applaudito e mai fischiato. Quelli della Juve, in particolare, al triplice fischio dell'arbitro hanno tributato alla squadra sconfitta un lungo applauso. Hanno, senza retorica, riabilitato la bellezza di uno sport che spesso perde l'essenza del gioco, del divertimento, del rispetto per l'avversario.

2. LA QUALITÀ TECNICA

Tre traverse e un gol: chi sostiene che il calcio femminile...

Continua a leggere su HuffPost