63enne uccisa dal suo cane in Piemonte. "Aveva già aggredito, ma lei non voleva lasciarlo"

·1 minuto per la lettura
(Photo: Aleksandr Zotov via Getty Images/iStockphoto)
(Photo: Aleksandr Zotov via Getty Images/iStockphoto)

Una donna di 63 anni è morta a Megolo Cima, in Piemonte, in seguito all’agressione del suo cane. Lorenza Pioletti è stata ritrovata sul pavimento di casa sua: un morso sulla nuca del suo english staffordshire bull terrier le sarebbe risultata fatale.

Si legge sulla Stampa:

Compito del medico legale è stabilire se la morte è sopraggiunta perché la donna è stata buttata a terra e assalita dal cane o se l’animale è intervenuto dopo che lei è caduta per un malore, causandole comunque ferite mortali.

E’ stato il fratello ad allertare le forze dell’ordine, non sentendo la sorella muoversi in casa. L’uomo ha preferito non entrare, intimorito dal cane che aveva dato segni d aggressività in precedenza e si era già scagliato contro di lui.

“Non c’è stato verso di convincerla a darlo in custodia, anche solo temporaneamente. Non era trascurato: era ben nutrito, vaccinato e coperto di assicurazione. Finché ha potuto lo portava fuori nei prati vicino a casa” riferisce il sindaco Maria Grazia Medali.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli