I 75 fogli ritrovati della “Ricerca del Tempo perduto” di Proust

featured 1628977
featured 1628977

Roma, 12 lug. (askanews) – Centinaia di ore passate a restaurare 75 foglietti, un lavoro di amore e pazienza per i primi frammenti della Ricerca del Tempo perduto, capolavoro di Marcel Proust. Il manoscritto del 1908 si trova alla Biblioteca Nazionale di Francia. Sono pagine sconosciute fino a poco tempo fa, inedite e ignote agli appassionati.

Spiega Guillaume Fau, capo del servizio dei manoscritti moderni e contemporanei alla Nazionale di Francia: “Vengono da Bernard de Fallois, un editore che ne era entrato in possesso negli anni Cinquanta, e che le ha tenute con sé senza pubblicarle. Aveva accennato alla loro esistenza in qualche testo, ma erano sconosciute a tutti i proustiani e a tutti i ricercatori”

Il manoscritto non era in pessimo stato ma mostrava segni di deterioramento.

Ora è nelle mani di restauratori come Frédérique Pelletier.

Per esempio, spiega, “su questi piccoli strappi cerco di aggiungere della fibra, e per questo uso della carta giapponese finissima, la grammatura più leggera che abbiamo in laboratorio, ne estraggo delle fibre piccole piccole”.

Le pagine poi vengono messe in pressa. Quanto tempo per ogni pagina? “Magari cinque ore, o una giornata intera, sei o sette ore per i fogli più danneggiati”.

Il manoscritto sarà esposto in autunno, per il centenario della morte di Marcel Proust.

Immagini Afptv

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli