8 marzo, Calabria (Fi): stop utero affitto e più servizi a famiglia

Pol/Bac

Roma, 4 mar. (askanews) - "Finché ci saranno, anche in Europa, pratiche aberranti come i matrimoni precoci o l'infibulazione, i diritti delle donne non potranno dirsi davvero raggiunti. E mai va dimenticato il dramma dell'utero in affitto che vede le donne costrette a uno dei gesti più innaturali che esistano: portare un bimbo in grembo per poi allontanarsene per sempre, consegnandolo a chi lo ha pagato. Questo dovrebbe diventare un crimine internazionale". Lo ha detto la deputata di Forza Italia Annagrazia Calabria intervenendo in Aula durante la discussione delle mozioni sulla parità di genere e il contrasto della violenza contro le donne.

"Quanto all'Italia - ha proseguito - sappiamo quanto sia difficile essere mamme nel nostro Paese. E la possibile sospensione delle scuole per il Coronavirus metterà ancor più in evidenza le mancanze del nostro sistema. Servono misure di sostegno alla famiglia, come quelle realizzate dai governi Berlusconi, iniziative per sostenere e valorizzare la partecipazione delle donne al mercato del lavoro e interventi strutturali di conciliazione dei tempi di vita e di lavoro per le lavoratrici. Si tratta di misure non più rinviabili per chi crede nella famiglia e, quindi, nel futuro del Paese", ha concluso.