80 milioni di bimbi senza vaccinazioni per colpa della pandemia

Coronavirus, bambini a rischio difterite e altre malattie

Ben 80 milioni di bambini sotto l’anno di vita a rischio difterite e malattie gravi per via del Coronavirus, nel mondo. La pandemia ha fatto sì che le profilassi vaccinali di routine venissero ostacolate, esponendo in almeno 68 Paesi a grosse crisi sanitarie.

Coronavirus, bambini esposti a malattie gravi

Si stima che in più della metà dei 129 Paesi di cui sono disponibili dati, ci sia una grande difficoltà nell’erogazione di vaccini. A comunicarlo è un gruppo formato da Oms, Unicef, Global Polio Eradication Initiative (Gavi) e Sabin Vaccine Institute.

Anche la consegna dei vaccini ha subìto sostanziali ritardi, in base a quanto sostiene Unicef, a causa delle restrizioni imposte durante i lockdown e la riduzione dei voli. Gavi ha di recente firmato un accordo con l’organizzazione per coprire a livello finanziario i maggiorati costi di trasporto, conseguenza del ridotto traffico aereo.

Niente vaccini per difterite, polio e colera

Diverse campagne di vaccinazione di massa, da sempre contro gravi malattie come colera, morbillo, meningite, poliomielite, tetano, tifo e febbre gialla, sono sospese. Queste misure sono il risultato degli effetti secondari della pandemia Coronavirus: per scongiurare casi di contagio, le restrizioni imposte hanno portato conseguenze sulla sanità mondiale.

Milioni di bambini solitamente si salvano da malattie gravissime grazie alla vaccinazione di massa, eppure quest’anno il rischio di insorgenza di queste aumenta, per forza di cose. In 27 Paesi è sospesa la vaccinazione contro il morbillo, mentre in 38 quella per la poliomielite. Almeno 24 milioni di persone in 21 Paesi a basso reddito, sono esposti a polio, morbillo, tifo, febbre gialla, colera, rotavirus, HPV, meningite A e varicella.