9 cose che Meghan Markle non potrà più fare da duchessa di Sussex

Huffington Post

Il 19 maggio Meghan Markle ha cambiato il suo stato civile. E non l'ha fatto come ogni giorno lo fanno tante donne nel mondo. Perché l'attrice californiana non ha soltanto lasciato il suo paese d'origine e la sua carriera, ma è anche - e soprattutto - diventata la duchessa di Sussex. Meghan non ha semplicemente sposato Harry, il sesto nella linea di successione al trono d'Inghilterra, ma ha anche sposato la sua famiglia, i Windsor, la monarchia e i media più potenti del mondo.

Così El Pais ha stilato una serie di abitudini che la neo sposina dovrà cambiare. La vita di Meghan non è cambiata all'improvviso il 19 maggio, ma ha iniziato a mutare mesi fa, gradualmente, da quando ha scelto di stare con Harry e poi dal momento in cui è stato ufficializzato il fidanzamento. È da quando ha pronunciato il suo sì al principe Harry, però, che alcune pratiche le saranno totalmente vietate. Ecco le nove più importanti.



Recitare

Come sappiamo, nella sua "vecchia" vita, la duchessa è stata un'attrice. Meghan ha confessato che quello era il suo sogno fin da bambina. Non è stato facile, per lei, realizzare la carriera professionale di successo che stava vivendo negli Stati Uniti fin quando non ha conosciuto Harry. Prima di arrivare ad interpretare un ruolo nella serie tv Suits, Meghan è passata attraverso la pubblicità e qualche film di serie B. Con Suits, sei stagioni da protagonista. Ecco, la prima cosa che non potrà più fare - e sicuramente una delle più dolorose - sarà quella di non poter tornare sul set. Svanisce così il sogno dell'Oscar.

Votare

Meghan Markle non è ancora una cittadina britannica. Dovrà aspettare almeno cinque anni prima di ottenere la cittadinanza. Ma, in ogni caso, pur diventando cittadina inglese, a Meghna sarà sconsigliato votare. Infatti, come si legge nel sito web del parlamento britannico, "per la famiglia reale non è proibito votare, ma è considerato incostituzionale".

Fare tardi, decidere quando mangiare, quando alzarsi da...

Continua a leggere su HuffPost