A Ginevra viene istituito il salario minimo da record: 3.800 euro mensili per i lavoratori

·Contributor HuffPost Italia
·1 minuto per la lettura
Downtown Geneva, beneath snowy mountains, Geneva (Photo: Boxun Liu via Getty Images)
Downtown Geneva, beneath snowy mountains, Geneva (Photo: Boxun Liu via Getty Images)

Una paga minima da 3.800 euro per tutti i lavoratori: ecco quanto deliberato dal Cantone di Ginevra, in Svizzera. Si tratta della cifra più alta al mondo, stabilita dopo un referendum ‘ad hoc’. A riportare la notizia è il Guardian.

Già precedentemente, nel 2011 e nel 2014, i cittadini del cantone svizzero erano stati chiamati a votare sulla questione: entrambe le volte aveva vinto il “no”. Le cose sembrano essersi modificate a causa della crisi economica generata dalla pandemia di Covid-19.

La paga oraria minima sarà pari a poco meno di 21,5 euro l’ora, più del doppio della tariffa della vicina Francia. Lo stipendio mensile minimo garantito sarà fissato a 4.086 franchi svizzeri su una settimana lavorativa di 41 ore, o 49mila svizzeri franchi all’anno.

Ginevra, meta turistica e d’affari, è una delle città più care al mondo. Il Covid-19 ha colpito il suo tessuto economico, vedendo crescere le code di cittadini fuori dai banchi alimentari.

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli