A Madrid vincono i popolari, ma avranno bisogno dell'estrema destra di Vox. Mai così male i socialisti

Federica Olivo
·Giornalista, Huffpost
·1 minuto per la lettura
Isabel Diaz Ayuso (Photo: Chema MoyaEPA)
Isabel Diaz Ayuso (Photo: Chema MoyaEPA)

La presidente uscente della regione autonoma di Madrid, Isabel Diaz Ayuso del Partito popolare, vincerebbe con chiarezza le elezioni regionali, secondo gli exit poll di Rtve, con il 43,7% delle preferenze, per 62-65 deputati pari a oltre il doppio dei 30 ottenuti nel 2019. Tuttavia, per governare superando la maggioranza assoluta (69 seggi) avrebbe bisogno dei 12-14 seggi che il partito di estrema Vox otterrebbe. O della certezza che Vox si astenga. Il blocco di sinistra si fermerebbe a 56-63 deputati, mentre Ciudadanos uscirebbe dall’Assemblea locale non avendo superato la soglia del 5%.

Il Psoe tra i 25 e i 28 seggi, il peggior risultato nella sua storia; destra (Pp e Vox) con la maggioranza, tra i 74 e i 79 seggi: sono i primi exit poll delle elezioni regionali anticipate della Comunità di Madrid. Gli exit poll di Telemadrid e TVE, danno al PP tra i 62 e i 65 seggi, a Vox, tra i 12 e i 14. I socialisti si fermano invece tra i 25 e i 28 seggi, la sinistra ecologista di Mas Madrid ne conquista tra i 21 e i 24, Podemos tra i 10 e gli 11. Il grande sconfitto è Ciudadanos, che sarebbe stato lasciato fuori dall’Assemblea, non avendo raggiunto il minimo 5%.
Il Psoe avrebbe registrato il peggior risultato nella sua storia dei socialisti in un’elezione a Madrid.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.