"ABBAtar", il ritorno in concerto della band pop svedese. Londra in delirio

L’ultima apparizione degli ABBA risale a quarant’anni fa l’ultima in un programma TV. Ora il famoso quartetto, composto da Anni-Frid Lyngstad, Björn Ulvaeus, Benny An-dersson e Agnetha Fältskog è risorto come ABBAtar.

Il gruppo pop svedese di “Mamma mia” si è riunito per una live performance digitale “ABBA Voyage” in scena questo venerdì a Londra. Per l’anteprima un red carpet e un parterre d’eccezione, dai Sovrani di Svezia a star della musica, del cinema e dello sport. Un lavoro strepitoso come l’hanno definito gli stessi protagonisti. Ovvero gli ABBA.

Avanzate tecnologie consentono la proiezione sul palco degli avatar dei magnifici quattro. Per creare la versione digitale i quattro artisti, ormai ultra settantenni, si sono sottoposti quo-tidianamente per oltre un mese a ore e ore di esibizioni.

Un concerto quello al Queen Elizabeth Olympic Park di Londra che è già sold-out da mesi. Biglietti introvabili da mesi nonostante il prezzo non proprio economico fino a 1.200 euro. La loro ultima esibizione insieme risale all'11 dicembre 1982 nel programma televisivo inglese "The Late, Late Breakfast Show". Hanno venduto 400 milioni di dischi in tutto il mondo, facendo cantare e ballare diverse generazioni.

Per il concerto-avatar gli ABBA hanno dovuto cantare e suonare i 20 i brani dello show, vestiti con speciali tute motion-capture davanti a 160 telecamere, che hanno catturato tutti i loro movimenti per animare i cosiddetti “ABBAtar”.La band ha già annunciato che l'album "Voyage", uscito a novembre, è stato il loro ultimo lavoro insieme.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli