Aborto, Adinolfi: "Giusto dare degna sepoltura a bambini mai nati"

·1 minuto per la lettura

"Come spiega Papa Francesco l'aborto è un omicidio, è come assoldare un sicario. Per noi del Popolo della Famiglia, che da sempre seguiamo la dottrina della Chiesa, è evidente che ai feti, che poi non sono altro che bambini non nati, vittime di quel sicario medicale che li elimina dalla faccia della terra, è necessario dare degna sepoltura". Così Mario Adinolfi, presidente nazionale del Popolo della Famiglia, commenta all'Adnkronos la proposta regionale di Fratelli d'Italia in Abruzzo riguardante la sepoltura obbligatoria dei feti. "Una proposta per la vita", la definisce Adinolfi sottolineando che "70.000 bambini uccisi all'anno prima della nascita è politica mortifera. Uno spazio al cimitero per i feti possa essere di monito per un Paese che sta sprofondando nella sua piaga più tragica: la denatalità".

"Credo che questo tipo di soluzione debba essere immaginata in tutti i cimiteri d'Italia: serve a far riflettere, a ricordare che siamo un Paese che non fa più figli ma uccide appunto 70.000 bambini l'anno spesso per motivi che sono a dir poco futili", precisa Adinolfi.

"Un monito dunque per far valere proposte di soluzione alla tragedia dell'aborto, che per noi, Popolo della Famiglia, significano innanzitutto andare incontro ai bisogni della donna, ampliando il suo perimetro dei diritti anche attraverso il reddito di maternità, ovvero il sostegno economico diretto per le donne che intendono partorire e dedicarsi alla crescita dei figli", conclude.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli