Aborto, Malan (Fi): preoccupante M5s che censura le idee -2-

Roma, 7 apr. (askanews) - "Nel caso dell'affissione di Roma, poi, andrebbe ricordato ai censori - osserva - che il contenuto rispecchia l'articolo 1 della legge 194 del 1978 proprio quella che consente l'aborto in Italia. Tale articolo infatti 'tutela la vita umana dal suo inizio', afferma che 'l'interruzione volontaria della gravidanza non è mezzo per il controllo delle nascite' e che Stato, regioni ed enti locali 'promuovono iniziative necessarie per evitare che lo aborto sia usato ai fini della limitazione delle nascite'". "Il manifesto di Pro Vita non chiede di cambiare la legge, cosa che sarebbe comunque legittima, ma fa ciò che sarebbe compito anche dell'amministrazione romana: spiegare che l'aborto non è un metodo accettabile per limitare le nascite. Ma è proprio Roma Capitale che mette in atto la censura. Si spera che alla base di questi atti inaccettabili ci sia più ignoranza, alla quale c'è rimedio se si studia, che vocazione totalitaria, che è più difficile da rimuovere", conclude Malan.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli