Aborto negli Usa, polemica per le parole del vescovo di Ventimiglia-Sanremo

aborto vescovo Ventimiglia-Sanremo
aborto vescovo Ventimiglia-Sanremo

Dopo le parole del monsignor Paglia in merito alla sentenza storica che ha portato all’abolizione dell’aborto negli Usa, fanno discutere e dividono le affermazioni del vescovo di Ventimiglia-Sanremo.

Aborto negli Usa, le parole del vescovo di Ventimiglia-Sanremo

La sentenza della Corte Suprema statunitense che ha abolito il diritto costituzionale all’aborto èvera – soprattutto nella sostanza perché non esiste il diritto all’aborto, che è un omicidio – e giusta. A dirlo è Antonio Suetta, vescovo di Ventimiglia-Sanremo.

Inoltre, ha dichiarato: “Si è rimediato a un vulnus. Speriamo faccia scuola anche da noi. Credo ci arriveremo. Attraverso un’opera non propagandistica, ma di sensibilizzazione. Magari con tempi più lunghi, ma con risultati più solidi. Come si dice, quando si tocca il fondo poi si risale e al fondo siamo arrivati”.

Suetta ha le idee chiare e aggiunge: “Siccome in genere eventi di costume dell’America in qualche modo precedono e condizionano i nostri, mi auguro che questa bella notizia vada a stimolare una giusta riflessione anche da noi. Aggiungo e, ne sono contento, che questa sentenza è una meritata ricompensa per il mondo Pro life americano che è un mondo consistente numericamente, motivato, popolato di giovani ed esprime l’attitudine coraggiosa della cultura americana”.

Poi ha tenuto a sottolineare: “Se ci fermiamo all’osservazione della mentalità diffusa di oggi, che è inadeguata e non rispettosa dei valori più sacri della vita verrebbe da dire che le probabilità che una sentenza del genere venga scritta in Italia non sono molte, ma spero che anche da noi si realizzi“.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli